Passa ai contenuti principali

Esperienza sensoriale

Ad ogni compleanno e cena tra amici di solito sono io l'addetta alle torte e dolcetti di fine pasto...

Perchè per me il dolce è la giusta conclusione di un pasto perfetto;
perché quando ti ritrovi con gli amici per una chiacchierata nessuno resiste davanti a una tazza di té o di cioccolata con i biscottini;
perché dopo una giornata di lavoro un dolce è quello che ci vuole per rilassarsi davanti a un libro o un bel film;
perché dopo una litigata un dolcetto mette tutti d'accordo;
perché quando gusti il tuo dolce preferito tutto il resto non conta... 

Ed è questo dolce in particolare che è stato definito da qualcuno "un'esperienza sensoriale".. é il dolce che appaga il palato sciogliendosi in bocca, ma che soprattutto ti riempie il cuore... 
il dolce che più comfort food non si può...
La Sacher.

Questa ricetta in particolare l'avevo trovata su un vecchio numero di Sale&Pepe, una della mie riviste preferite, e non l'ho mai abbandonata..

Ingredienti per la base:
5 uova
150 gr zucchero 
75 gr farina 
40 gr cacao amaro
20 gr farina di mandorle
1 bustina di lievito vanigliato 
160 gr olio di semi

Ingredienti per la farcitura e glassatura:
400 gr confettura di albicocche
125 ml panna
380 gr cioccolato fondente
20 gr acqua
30 gr zucchero

Esecuzione:
Montare il tuorli con 50 gr di zucchero, 
aggiungervi l'olio a filo fino al completo assorbimento.
A parte montare gli albumi con il restante zucchero a neve ferma.

In una terrina unire la farina al cacao, la farina di mandorle e il lievito e, setacciando il tutto, unire questo mix al primo composto.
Unire successivamente gli albumi montati a neve mescolando dal basso verso l'alto.
Imburrare ed infarinare una teglia da 26 cm di diametro e versare all'interno tutto il composto.
Infornare in forno statico già caldo a 180°C.
Cuocere la torta per 30 / 35 minuti, fino a che, inserendovi uno stecchino all'interno, quest'ultimo non ne esca perfettamente pulito.

Lasciare raffreddare la torta completamente (meglio un'intera notte).

Tagliare la torta orizzontalmente il tre parti uguali e farcire ogni strato con la confettura di albicocche; ricoprire anche la cima e i lati della torta con la confettura.
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria e a parte far sciogliere lo zucchero nella panna calda; 
aggiungere alla panna l'acqua calda e mescolare;
aggiungere al cioccolato sciolto quest'ultima miscela e mescolare energicamente.. il tutto diventerà una fantastica glassa.
Ricoprire interamente la torta, cima e lati.
Far riposare la torta in frigorifero per una mezz'oretta di modo che la glassa si compatti; una volta solida è possibile scrivere sulla torta con la restante glassa.

Ed ecco il risultato finale, una fetta tutta per me:



Con questa ricetta partecipo al contest Comfort food di La cucina delle streghe:
http://lacucinadellestreghe.blogspot.it/2013/11/un-contest-di-coccole-le-ricette-che.html



 


 

Commenti

  1. Che meraviglia questa sacher!! :)
    Grazie di aver partecipato al nostro contest!
    A presto,
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Sono contenta di aver partecipato, è un tema davvero bello!
      A presto!

      Elimina
  2. Ciao!! Ti seguo da un po' e appena ho visto la foto della tua sacher ho deciso che dovevo assolutamente provarla: venerdì scorso l'ho fatta ed è favolosa!!! :)))
    ciao ciao
    Simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mia cara!
      Sono tanto contenta ti sia piaciuta, è una delle mie ricette preferite e super collaudate! ;)
      Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…