Passa ai contenuti principali

Risotto baccalà acciughe salate e stracciata di burrata

Avete presente una persona che si attiene sempre alle regole?
Che segue le istruzioni alla perfezione, senza cambiare mai una virgola?
Ecco, questa sono io..
Perennemente bisognosa di una via da seguire... 

Ecco perché la pasticceria è la mia vocazione.. 
Nella pasticceria non puoi e non devi cambiare nulla... 
Il seguire alla lettera la ricetta è la prima regola..
E io e la pasticceria siamo fatte per stare insieme...

Difficile che io inventi qualcosa, ho sempre bisogno di dosi e procedimenti anche nelle ricette salate..

Ieri però sono stata messa alla prova.. 
Mia sorella, uscita per delle commissioni, mi ha lasciato il compito di preparare un risotto a cui aveva pensavo lei, ispirata da quello di un famoso cuoco di Genova, di cui però non sapevamo nulla, se non il nome...
E per giunta cambiando già degli ingredienti in partenza..!
Quindi già il titolo della ricetta era diverso..!

Inizio tranquilla.. 
La base è quella.. ma quando si è dovuto decidere, (pomodorini si o no?... Il prezzemolo tritato alla fine ce lo metto o no?... E quesiti simili..) sono andata un po' nel panico, timorosa di fare qualche errore..

Beh, volete sapere com'è and a finire?? Ricetta buonissima e dai molteplici sapori, che però si sposavano fantasticamente l'uno con l'altro...!

Che dire, vi passo la ricetta?? ;)

Ingredienti:
500gr baccalà già bagnato
250 gr riso
una cipolla
aglio e prezzemolo tritati
6 filetti di acciuga salata
150 gr stracciata di burrata
qualche pomodorino
brodo di pesce 
vino bianco

Esecuzione:
Soffriggere in abbondante olio la cipolla con le acciughe fino al completo scioglimento di queste ultime.
Aggiungere il baccalà tagliato a pezzettini e far cuocere qualche minuto.
Aggiungere un po' del trito di aglio e prezzemolo.
 Aggiungere il riso, tostarlo per due minuti e sfumare con il vino bianco.
Continuare la cottura aggiungendo il brodo ed evitando di far attaccare il riso; quasi a fine cottura aggiungere ancora un po' di aglio e prezzemolo tritato e qualche pomodorino tagliato a cubetti.
Impiattare e distribuire sopra al risotto una rosa di stracciata di burrata, la quale verrà amalgamata da ogni commensale a suo piacimento (chi l'ha mangiata subito da sola, chi, come me, l'ha mescolata al risotto...!)
Ecco la mia creazione...
Dai, ad inventare non sono poi così male!








"Questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2014"

http://ricecontest.blogspot.it/2014/01/e-si-ripartecon-risate-e-risotti-2014.html?spref=fb

Commenti

  1. CI PIACE ASSAI::::::)))))))) Grazie Trita Biscotti...anche trita Riso......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah! Sì hai ragione! In effetti riso e risotti non mancano mai a casa mia!! Almeno una o due volte a settimana questo ingrediente appare "magicamente" nella mia cucina!
      A presto con un'altra ricettina!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…