Passa ai contenuti principali

Risotto baccalà acciughe salate e stracciata di burrata

Avete presente una persona che si attiene sempre alle regole?
Che segue le istruzioni alla perfezione, senza cambiare mai una virgola?
Ecco, questa sono io..
Perennemente bisognosa di una via da seguire... 

Ecco perché la pasticceria è la mia vocazione.. 
Nella pasticceria non puoi e non devi cambiare nulla... 
Il seguire alla lettera la ricetta è la prima regola..
E io e la pasticceria siamo fatte per stare insieme...

Difficile che io inventi qualcosa, ho sempre bisogno di dosi e procedimenti anche nelle ricette salate..

Ieri però sono stata messa alla prova.. 
Mia sorella, uscita per delle commissioni, mi ha lasciato il compito di preparare un risotto a cui aveva pensavo lei, ispirata da quello di un famoso cuoco di Genova, di cui però non sapevamo nulla, se non il nome...
E per giunta cambiando già degli ingredienti in partenza..!
Quindi già il titolo della ricetta era diverso..!

Inizio tranquilla.. 
La base è quella.. ma quando si è dovuto decidere, (pomodorini si o no?... Il prezzemolo tritato alla fine ce lo metto o no?... E quesiti simili..) sono andata un po' nel panico, timorosa di fare qualche errore..

Beh, volete sapere com'è and a finire?? Ricetta buonissima e dai molteplici sapori, che però si sposavano fantasticamente l'uno con l'altro...!

Che dire, vi passo la ricetta?? ;)

Ingredienti:
500gr baccalà già bagnato
250 gr riso
una cipolla
aglio e prezzemolo tritati
6 filetti di acciuga salata
150 gr stracciata di burrata
qualche pomodorino
brodo di pesce 
vino bianco

Esecuzione:
Soffriggere in abbondante olio la cipolla con le acciughe fino al completo scioglimento di queste ultime.
Aggiungere il baccalà tagliato a pezzettini e far cuocere qualche minuto.
Aggiungere un po' del trito di aglio e prezzemolo.
 Aggiungere il riso, tostarlo per due minuti e sfumare con il vino bianco.
Continuare la cottura aggiungendo il brodo ed evitando di far attaccare il riso; quasi a fine cottura aggiungere ancora un po' di aglio e prezzemolo tritato e qualche pomodorino tagliato a cubetti.
Impiattare e distribuire sopra al risotto una rosa di stracciata di burrata, la quale verrà amalgamata da ogni commensale a suo piacimento (chi l'ha mangiata subito da sola, chi, come me, l'ha mescolata al risotto...!)
Ecco la mia creazione...
Dai, ad inventare non sono poi così male!








"Questa ricetta partecipa al contest Rice Blogger 2014"

http://ricecontest.blogspot.it/2014/01/e-si-ripartecon-risate-e-risotti-2014.html?spref=fb

Commenti

  1. CI PIACE ASSAI::::::)))))))) Grazie Trita Biscotti...anche trita Riso......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahah! Sì hai ragione! In effetti riso e risotti non mancano mai a casa mia!! Almeno una o due volte a settimana questo ingrediente appare "magicamente" nella mia cucina!
      A presto con un'altra ricettina!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …