Passa ai contenuti principali

La Provenza e Pasta avec les Moules

Eccomi come promessoa raccontarvi del mio piccolo w.e. di fuga da tutto, di relax, di scoperte e di curiosità..
Adoro la Francia, per me é una seconda casa, credo sarebbe l'unico posto dove andrei a vivere, dovendo rinunciare alla mia adorata Italia..

In questo piccolo viaggio abbiamo deciso di buttarci alla scoperta di Aix en Provence e dintorni, scoprendo una parte di mondo al limite del fiabesco.

Abbiamo visitato le città più grandi, come Aix, Marsiglia ed Avignone, non lasciandoci però sfuggire i piccoli villaggi che contornano la "Capitale della Provenza"..

La prima tappa é stata Aix en Provence, piccola e ricca, a me ha ricordato quelle bellissime bomboniere, tutte perfette e ricche di bellezze.
Ricca di fontane e vie o piazzette tutte da scoprire, mi ha trasportata in un mondo fiabesco..
La cittadina non é grandissima e la parte della Vieille Ville é tutta pedonale, bellissima da girare abbracciati alla propria metà! :)
 

 Vetrine girando per Aix.

 Cours Mirabeau.

 Torre dell'orologio.

 Giardino di essenze provenzali della cattedrale Saint-Saveur.

Al pomeriggio ci siamo poi diretti a Marsiglia: bellissima, me ne sono innamorata al primo sguardo, ricorda moltissimo la mia Genova; maestosa impera sul mare attreverso il suo porto, e la domina con la sua cattedrale e basilica: Notre Dame de la Major e Notre Dame de la Garde. 
Perdersi nei vari quartieri, il Vieux-Port, le Panier.. assoporarne l'aria, la sua multietnia, i suoi odori, mix di culture venute dal mare..

 Notre Dame La major.


  Le vieux port.

 Le panier.

 Notre Dame de la Garde.

E associata a questo viaggio vi regalo una pasta che io adoro.. E con tutti quei "Moules" che ho visto in porto, non ho potuto non preparare al mio ritorno..

Pasta avec les moules et fruits de la mer
Ingredienti:
160gr pasta (noi spaghetti)
300gr vongole
500gr muscoli
qualche pomodorino
vino bianco q.b.
 Aglio e prezzemolo tritati con un pizzico di peperoncino

Esecuzione:
Tritare finemente aglio prezzomolo e peproncino.
A parte far aprire le vongole e le cozze con un po' del trito e di olio.
In una capiente padella scaldare l'olio, aggiungervi il trito ed infine les conquillages aperte e private del guscio(lasciatene qualcuna per come decorazione).
Sfumare con vino bianco e aggiungere l'acqua delle vongole/cozze, evitando di salare se questa fosse già sufficientemente sapida.
Tagliare a cubetti qualche pomodorino a unirlo al tutto, portando a cottura.
Piccolo trucco: aggiungere un fioccchetto di burro. 
Saltare in questo sugo la pasta, scolata al dente, ed impiattare.




Con questa ricetta partecipo al contest di Enrica in collaborazione con 

http://vadoincucina.blogspot.it/2014/05/1contest-la-mia-pasta-con-sponsor.html
http://www.pastalagano.it/




Commenti

  1. grazie inserisco subito questa delizia ;)

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia in questo periodo la Provenza..mi fai venir voglia di partire all'istante ma non prima di aver assaggiato anche questo meravigliosa pasta..complimenti!!!
    Buona domenica cara <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ripartirei subito!! ;)
      Grazie tesoro, è una ricetta semplice ma gustosa!! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Bellissimi posti! Marsiglia la conosco e ho un legame fortissimo con questa splendida città ,era la città natale di mia mamma e lei me ne parlava così tanto quando ero ragazzina che la sento anche un pò mia. Aix invece forse riesco a visitarla la prossima estate e non vedo l'ora! Bellissimi i ristorantini sul porto a Marsiglia vero? Quegli spaghetti sono spettacolari! Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che Aix ti entrerà nel cuore come tutti i magnifici paesini della Provenza... C'è un'aria magica e fiabesca in quei luoghi!
      E che dire di Marsiglia, cosi simile alla mia Genova mi ha fatta subito innamorare di se!! ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …