Passa ai contenuti principali

Torta ai sette vasetti... Arricchita!

Questa é la torta della mia infanzia..
E forse é la torta che un po' tutti abbiamo nei nostri primi esperimenti in cucina... 
Semplice, semplicissima, senza l'uso della bilancia...
Si fa tutto con un unico dosatore appunto: il vasetto dello yogurt! 

Ricordo la gioia quando la mamma mi diceva "Facciamo una torta?"
E io contentissima di prendere ciotole e cucchiai... 
E la scelta ricadeva sempre su di lei.. La torta ai sette vasetti.
Ora aprendo lo stesso libro di ricette dove leggevamo il procedimento, é impossibile non trovare la pagina.. E' quella più unta e piena di ditate di tutte.. 
Ma non credo butterò mai quel libricino.. Ogni volta che lo apro mi fa sorridere..
Penso a me piccina, alla mia mamma... 
E forse é lì che é nato il mio amore per la cucina ed in particolare per la pasticceria.. 
Miscelare gli ingredienti accuratamente, versarli nello stampo e lasciare che la chimica faccia il suo corso...
Mentre nel frattempo io pulivo accuratamente il fondo della scodella con il dito!!
A quei tempi mi sembrava di cucinare una cosa difficilissima e di alta cucina... Ma va beh ero piccina! :)

 
Le torte e i lievitati in genere mi hanno sempre affascinata... 
Una magia tutte le volte per me vedere gli impasti crescere, nel forno o nelle fasi prima...!
Mi incantavo a guardare cosa accadeva... E ammetto che ancora adesso amo guardare le torte cuocere..!
Forse sono pazza.. O é solo l'amore per le piccole cose..! ;)



Tratta da "Il libro dei dolci, La biblioteca di Insieme"
Ingredienti:

1 vasetto di yogurt bianco
3 vasetti di farina
2 vasetti di zucchero semolato
1 vasetto di olio di semi di mais
3uova medie
1 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale
la buccia grattuggiata di un limone
Aggiunta:
Fettine di pesca tagliate fini e granella di zucchero
Esecuzione:
Accendere il forno a 180°C.
Versare in una terrina lo yogurt, quindi, usandolo come misurino lavato ed asciugato, aggiungere lo zucchero.
Poi, mescolando energicamente, aggiungere le uova, una alla volta, un pizzico di sale e la buccia del limone.
Al composto incorporare quindi la farina con il lievito, facendoli cadere da un colino a maglie fini, infine l'olio a filo, sempre rimescolando, finché sarà completamente assorbito.
Imburrare ed infarinare uno stampo (io stampo da plumcake), versarvi il composto e cuocere in forno per 50-60 minuti.
Io in aggiunta, prima di infornare ho inserito fettine di pesca tagliate fini e cosparso il tutto di granella di zucchero.
Togliere la torta dal forno e lasciarla raffreddare.




Commenti

  1. Ormai posso fare concorrenza al Bianconiglio, e se ci mettiamo a dire entrambi "che fretta che fretta!" sicuramente vinco io! Così tra un problema e l'altro, quando riesco finalmente a postare qualcosa sul mio blog, faccio un giro nei posti che mi piacciono, e leggo velocemente anche tutti gli arretrati, cercando di rimediare alla mia assenza!
    Il ricordo della torta preparata con la mamma, o con la nonna, è comune a tante di noi. Ognuno ha la "sua" torta, per me era la crostata, per te questa torta dei 7 vasetti, che ho visto in varie ricette in rete ma non ho mai provato!
    E per quanto riguarda il rapporto con Marta, e il fatto che tu abbia realizzato solo ora che si è trasferita... credo sia normale. Le abitudini iniziano a mancare dopo un po' che non le abbiamo più, all'inizio siamo ancora assuefatti e quasi non ce ne accorgiamo!
    Io sono figlia unica, non potrò mai capire la natura di certi rapporti e il legame che si crea, ma ho visto tanti fratelli e sorelle "per forza" e per niente amici. Quindi credo che il vostro rapporto sia speciale proprio per l'amicizia che vi lega, che va al di là del legame di sangue...
    Un grande bacio. Ci rivedremo, non so quando riuscirò, ma ci rivedremo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera sei... Anche io ultimamente sono parecchio di fretta, ma ritrovarmi sul blog rallenta il tempo e la fretta..
      Aspetto sempre i tuoi post e commenti e mi fanno tanto piacere!

      Hai ragione, ognuno ha la sua torta dei ricordi..! ;)
      E che belle parole hai riservato per me e Marta, ci hai toccato il cuore, grazie grazie!
      Un grande abbraccio. A presto!
      :)

      Elimina
  2. con i vasetti deve essere molto più facile
    Ci provo anche io.
    Il tuo e sofficissimo.
    Buona giornata.
    Inco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero semplicissima, non ti deluderà! ;)
      Grazie della visita! Un abbraccio!

      Elimina
  3. Che bellissimi ricordi cara..quel libro è davvero prezioso ed insostituibile ^_^
    La torta non necessita di commenti e l'amore che c'è dietro la rende unica e perfetta ^_^
    Buona domenica e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mamma é sempre la mamma! ;)
      Buona domenica anche a te tesoro! Smack

      Elimina
  4. Molto bella la tua versione arricchita, io ci metto il caffè e tu mi passi una fetta di torta???
    Buona giornata

    RispondiElimina
  5. quant'è soffice questo dolce! Ho sentito parlare spesso della torta 7 vasetti nei blog ma io non l'ho mai preparata, mi tenti! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È buonissima la sette vasetti!!! Garantisco io, provala! Un abbraccissimo!!

      Elimina
  6. Che belli che sono questi ricordi golosi d'infanzia...sono quelli che ci porteremo anche quando diventeremo grandi!
    La mia mamma quando ero piccola preparava un'altra torta...questa dei 7 vasetti la trovo semplicemente genuina, è vero non si finisce mai d'imparare.
    Se mi trovo qui è grazie alla dolcissima Zia Consu che nominando questo blog mi ha fatto incuriosire e..... :-)
    Al prossimo
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono molto curiosa di scoprire quale sia la tua torta di infanzia.. :) ognuno porta con sé ricette legate a ricordi e persone.. E trovo sia una cosa bellissima! ;)
      Corro a visitare il tuo blog!! Un abbraccio!

      Elimina
  7. La. Torta 7 vasetti e' sempre una garanzia. Bravisdima per averla riproposta! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io la adoro!! E da piccola ho sempre pensato fosse la torta più buona del mondo!! ;)

      Elimina
  8. E' la torta anche della mia infanzia *_* che ricordi... la preparava sempre anche mia nonna!!

    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sapevo che era un ricordo comune questa torta!!! ;)
      Contenta che ti sia piaciuta!!!

      Elimina
  9. Non sei pazza per niente! Quella è magia e anche io ne sono affascinata, nonostante di torte ne abbia sfornate a centinaia, è sempre un emozione .). La ricordo perfettamente anche io la torta 7 vasetti, buona facile, veloce.....fantastica! Un abbraccio grande

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh che bello, qualcuno che mi capisce!! ;)
      La sette vasetti é per noi il dolce che si può preparare sempre, un vasetto di yogurt e via!! ;)
      Un abbraccio cara!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …