Passa ai contenuti principali

Il mio weekend alla Mostra Mercato del Tartufo Bianco e una ricetta dedicata alle nuove amicizie

Sono sparita in punta di piedi questo weekend, senza dirvi nulla a causa di mille impegni e preparativi.. 
 Dietro a questa assenza c'é stata una vincita inaspettata di un contest superlativo, quello organizzato dalla Mostra Mercato del Tartufo Bianco.
La mia millefoglie, il mio dolce preferito, mi ha portato nella valle tiberina della regione Umbria, in particolare nella bellissima Città di Castello.

Qui ci siamo ritrovate, io, Tiziana del blog L'Ombelico di Venere ed Alessia del blog La cucina del cuore, per vivere assieme esperienze ed emozioni uniche.
Un grazie particolare va anche a Maddalena del blog La cucina scacciapensieri che ci ha permesso di scoprire e partecipare a questo contest, raggiungendoci, proprio per conoscerci, nella giornata di sabato.

Oltre a degustare ricette squisite preparate con i prodotti del territorio e a vivere momenti magici, alla ricerca del "frutto della terra umbra di questo periodo, il tartufo (esperienza che vi racconterò nel prossimo post, perché merita un racconto tutto suo)", abbiamo condividiso pensieri, racconti ed emozioni legate alla nostra passione per la cucina, filo comune delle nostre vite.
Ci siamo raccontate, abbiamo riso e scherzato delle nostre abitudini e dell'impegno che abbiamo preso nella realizzazione e crescita dei nostri blog.
Ci siamo prese in giro, consapevoli della nostra "follia" davanti a fidanzati o mariti, figli e a volte anche amici che attendono i piatti mentre il nostro pensiero quando si impiatta va alla fotografia.. 
Abbiamo riso con le lacrime agli occhi per le mille e assurde posizioni che assumiamo per riuscire a beccare lo scatto perfetto e di come a volte, qualcuno ci metta lo zampino e rovini la fotografia più perfetta..

Ma essere blogger é proprio tutto questo:
farina, uova, frutta, verdura, carne, pesce..  
Cucchiai che mescolano besciamelle, bavaresi o cioccolate..
Coltelli che tritano, affettano e perchè no, ahimé, a volte tagliano..
Forchette che punzecchiano sfoglie, decorano quiche e polpettoni e assaggiano ripieni e farciture..
Ma anche teglie per dolci e per salati, scelte con cura, bellissime, ma a volte anche ustionanti..
Cocotte, ciotoline grandi, grandissime per le cene con gli amici o perché no, monoporzione..
 

E' stato splendido conoscerci e vivere con voi questa esperienza ragazze ed a voi dedico questa ricetta, perché per me la pasta al forno ed in particolare le lasagne rappresentano il piatto della festa e dell'amicizia e passare questo weekend con voi é stato fantastico!
Grazie Maddalena, Alessia e Tiziana.

Lasagne al ragù bianco di Chianina con crema al parmigiano e tartufo bianco:
 Ingredienti:
Per il ragù:
600 gr di carne di razza Chianina tritata
Un fungo porcino di medie dimensioni
2 carote, 1 cipolla, 1 gambo di sedano per il soffritto
2 rametti di rosmarino
mezzo bicchiere di vino bianco
Brodo vegetale
Burro 

Per le lasagne:
300gr di farina
2 uova 
un pizzico di sale 
acqua q.b.

Per la crema al parmigiano:
 Base Besciamella
200gr Parmigiano grattuggiato

Tartufo Bianco 

Esecuzione:
Per il ragù:
Tritare le carote, la cipolla e il sedano.
Soffriggere questo soffritto in abbondante burro con un goccio di olio extravergine di oliva.
Aggiungere la carne tritata e farla rosolare.

Aggiungere il fungo tagliato a pezzi abbastanza grandi.
Aggiungere due rametti di rosmarino.
Continuare la cottura per qualche minuto.

Sfumare con il vino e far evaporare.
Aggiungere un pizzico abbondante di sale e un po' di pepe.

 Continuare la cottura aggiungendo il brodo e cuocere per un'ora e mezza a fuoco basso. 

Per la crema al parmigiano:
Preparare la classica besciamella facendo il roux con 100gr di burro e 100 gr di farina;
aggiungere il latte caldo evitand di far grumi e cuocere per una decina di minuti.
Aggiungere infine a fuoco spento abbondante parmigiano e un po' di tartufo(i latticini assorbono l'odore del tartufo e questo passaggio darà un tocco in più al piatto).

Per le lasagne:
Impastare tutti gli ingredienti aggiungendo acqua quanto basta per ottenere un impasto liscio e omogeneo.
Lasciare riposare l'impasto un'oretta.
Stendere la pasta sottilmente e dare a quest'ultima una leggere sbollentata in acqua salata.

Assemblaggio:
Disporre in una pirofila adatta alla cottura in forno qualche ciuffetto di burro.
Iniziare con un primo strato di lasagne, poi disporvi il ragù, la besciamella e un po' di parmigiano grattuggiato.
Continuare con gli stessi strati fino all'esaurimento degli ingredienti.

Cuocere a 200° per mezz'oretta e una volta sfornata la lasagna ricoprirla di tartufo bianco fresco.

 




Con questa ricetta partecipo al contest Ricette d'Autunno

Contest Ricette d’Autunno



Commenti

  1. Mi hai fatto commuovere! Perché vedi, ognuno ha la sua vita, la sua storia, famiglia e lavoro....ma quel week end mi avete riempito il cuore! Non restavo così sola e lontana dalla mia solita vita da tantissimo tempo... ed è stato bellissimo proprio perché ho ritrovato quella ragazza di tanti anni fa. Sono stata benissimo, e sembrerà assurdo, ma mi sono davvero affezionata a voi. Abitiamo lontane e per ovvi motivi non possiamo vederci, ma i nostri blog sono una meravigliosa finestra su cui affacciarsi, per vedere e condividere.
    Un abbraccio strettissimo! Ale <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao tesoro!
      Contenta di averti toccato il cuore, perché era proprio quello il mio scopo..! ;)
      Voi in quel weekend avete riempito il mio e continuate a farlo con commenti, pensieri e foto..
      Un abbraccio grande!
      PS: anche io mi sono affezionata tantissimo, continuo incessantemente a parlare di voi! ;) Smack

      Elimina
  2. ciao Bianca.. mi è venuta la pelle d'oca perché queste parole le potrei scrivere io pari pari.. perché sono stata meravigliosamente bene, un feeling immediato e bellissimo è stato come fossimo amiche da tanto tempo e questo è veramente speciale!! vi stò pensando tanto e a tengo strette nella mente le sensazioni e i ricordi felici che ho passato.. son stata me stessa al 100%, sciocca, ironica/autoironica, chiaccherona, spontanea.. e quando ci riesco vuol dire che davanti ho persone che mi piacciono davvero tanto!!! ti mando tanti tanti baci!!!!! ps. questa lasagna mi ricorda tanto qualcosa.. beato Marco!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Tiziana,
      Anche per me è stato come se fossimo amiche da tanto.. Con passioni e pensieri comuni, con chiacchierate e risate uniche...!
      Porto con me ogni momento di questa bellissima esperienza..
      Un abbraccio grande, grandissimo!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…