Passa ai contenuti principali

Avvento, me bambina e pandolce genovese allo zafferano

Se penso al Natale penso certamente alla mia mamma..
Lei é sempre stata quella che ha saputo e sa tutt'ora, nonostante i miei 26 anni suonati, rendere magica ogni festa.
Tutto nelle sue mani diventa magico, pieno di attenzioni.
Tutto se pensato da lei ha un amore dentro che nessuno sa rendere allo stesso modo.

La casa durante le feste si trasforma, in ogni angolo sbucano addobbi, palline sì sull'albero, ma anche corone sulla porta di ingresso, ghirlande sul pianoforte, gnometti nascosti dietro a portafoto, profumi e vasi, biscotti appesi in cucina e boule con la neve sul mobile in salotto o sul comò in cameretta.

Se penso a un ricordo di me bambina associato al Natale é certamente l'attesa di quest'ultimo, l'Avvento.
Perché per me questa festa non durava un solo giorno, ma iniziava con il primo di Dicembre.
L'attesa a casa nostra non si basava sul classico calendario a base di cioccolatini, no, perché a Marta il cioccolato non piace..

Ed ecco che il primo del mese la trave di metallo che attraversava camera mia come sostegno per faretti e luci, si trasformava, anch'essa oggetto plasmato nelle mani di mia madre per rendere magico ciò che ci circondava.
Sfavillanti pacchettini, tutti diversi, ma rigorosamente uguali a due a due per non farci litigare, dondolavano in attesa di essere scartati ogni giorno, celanti un piccolo dono, gioco o bijoux.
Ricordo la voglia di alzarsi ogni mattina con già il pensiero di quella sorpresa, con quella curiorsità di bambina, che in realtà ho conservato negli anni.

Questo era ed é il mio magico Natale.
Per questo e altre mille attenzioni della mia mamma io adoro le feste, perché spero anche io un giorno di scaldare il cuore alle persone che mi stanno intorno come lei ha fatto e continua a fare con noi.

E oggi vi dono un pandolce rivisitato, arricchito dall'oro dello zafferano.
La ricetta l'avevo sperimentata trovandola sul web anni fa e poi modificata leggermente secondo i gusti e le tradizioni di famiglia.

Pandolce genovese allo zafferano:
500gr farina
200gr burro
200gr zucchero
2 uova
1 confezione di zafferano(io compro i pistilli ma potete usare anche le bustine) sciolto in mezza tazzina di acqua calda
100gr uvetta sultanina
100 gr canditi misti
50 gr pinoli
30 gr semi di finocchio
1 bustina lievito per dolci

Esecuzione:
Su una spianatoia formare una fontana con la farina; al centro unire lo zucchero, il lievito, il burro a tocchetti, le uova e lo zafferano disciolto.
Impastare il tutto come se fosse una frolla ed una volta ottenuto un impasto compatto aggiungere la frutta candita, l'uvetta, i pinoli e i semi di finocchio.
Dividere l'impasto in due parti, formare due palline e disporle su una teglia coperta da carta da forno ben distanziate tra loro.
Incidere la sommità di ciascun pandolce formando una croce (questa incisione, praticata anche sulle classiche pagnotte era simbolo di benedizione) ed infornare a 180° fino a che l'impasto non diventi di un bel colore dorato (ci verrà una mezz'oretta abbondante, tanto dipende dal forno utilizzato).

   



Con questa ricetta partecipo al Contest "It's Xmas Time" di Taste from Abruzzo
Banner_ContestTaste_Xmas02

Commenti

  1. Che mamma dolcissima che avete :-) Il tuo racconto mi ha scaldato il cuore e sono certa che un giorno saprai coccolare con gli stessi gesti i tuoi bimbi ^_^
    Splendido anche il dolce che hai preparato..deve essere profumatissimo :-)
    Buona serata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La mia mamma è dolcissima... ^_^
      Grazie, sei un tesoro!!
      Un abbraccionissino!! Smack smack

      Elimina
  2. ma io adoro il pandolce genovese!!! Con lo zafferano mi incuriosisce parecchio... se ne avanza una fettina io son qui...
    ;) bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo adoro!! :) A casa nostra non é Natale senza i miei pandolcini! :)
      Lo zafferano, sostituito all'acqua ai fiori di arancio porta un sapore nuovo, che si sposa benissimo con la frutta candita e l'uvetta! :)
      Ti mando una fettina virtuale! ^_^
      Smack

      Elimina
  3. Un post pieno di ricordi e colmo di amore. Ti abbraccio stretta! Ale
    p.s. ricetta fantastica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tornata piccina ^_^
      Ti abbraccio tesoro!
      Smack

      Elimina
  4. ma dai.. che meraviglia il tuo Natale!! ci credo che ami questa festa da come hai raccontato sembra una magia!!! non conosco il pandolce ma l'aspetto è davvero invitante!!!! ti abbraccio e buon proseguimento di festeggiamenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii! ^_^ è davvero una magia...!
      Non conosci il pandolce?! Dovrò rimediare in qualche modo!! ;)
      Un abbraccio tesoro!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…