Passa ai contenuti principali

Zuppa inglese nell'uovo


La zuppa inglese é il dolce che mia nonna Maria ha sempre fatto.
Questo lo racconta sempre mio padre quando, con gli occhi che brillano al ricordo della sua mamma, narra di come lei preparasse questo dolce.
"Una cucchiaia di crema bianca, qualche savoiardo inzuppato, ancora crema, questa volta nera.." Tutto senza troppo badare che la crema fosse ben divisa, ben spalmata o i biscotti ben distribuiti.
Tutta pasticciata. Ed era proprio questa il segreto della sua bontà.
Ciò che contava era il gusto, la sostanza delle cose, tutto secondo tradizione..

E anche se io la nonna Maria non l'ho mai conosciuta, so che vive in me.. 
Io e Marta abbiamo certamente preso da lei l'amore per la cucina, per preparare i piatti, soprattutto quando le preparazioni sono fatte per coccolare e dimostrare affetto verso i nostri cari.
So che questa dimestichezza in cucina, questo sapersi muovere ai fornelli, questa velocità nell'impastare e tirare la pasta sono geni che vengono direttamente da lei.
E mi piace quando papà dice che sono proprio una "rezdora", come mia nonna.

Ingredienti:
2 metà integre di un uovo di Pasqua da 300 gr, fondente 
(se lo fate in casa come ho fatto io, non unite le due metà, tanto vi serviranno i due gusci separati)
250 gr latte
1 uovo intero
80 gr zucchero
25 gr farina
1 bustina di vanillina
30 gr cioccolato
Pan di spagna q.b.
Alchermes e Sassolino
Panna montata per decorare

Esecuzione:
Scaldare il latte, sciogliervi la vanillina.
A parte sbattere l'uovo con lo zuccchero, unirvi la farina e il latte caldo.
Rimettere sul fuoco e fare addensare.
Dividere in due la crema e in una metà sciogliervi 30 gr cioccolato fondente.
Affettare il pan di spagna,inzupparne una parte nell'alchermes(diluito se non volete che il tutto sia troppo alcolico) e una parte nel sassolino.

Ricoprire l'interno dell'uovo con le fette di pan di spagna.
Disporvi le creme, alternandone i colori e le fette di pan di spagna.
Ricoprire totalmente o in parte con ciuffetti di panna montata.







Commenti

  1. ma sai che questa ricetta è veramente geniale??
    pensa a quanti hanno ancora delle uova da far fuori: le possono offrire agli ospiti facendo un figurone!"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io avevo un sacco di uova, pur essendo ormai "cesciutella"...!
      Se abbiamo uova grandi può essere un bel modo di servirla e se abbiamo quelle piccine possono diventare delle ottime monoporzioni! ;)
      Grazie mille cara!

      Elimina
  2. Ottima la zuppa imperiale e bella la presentazione!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro, sei sempre troppo carina!

      Elimina
  3. Che composizione geniale e che delizia! Grazie della partecipazione mia cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, felice che ti piaccia!!! ^_^

      Elimina
  4. Che bellissimi ricordi e che stupenda presentazione..mai vista una zuppa inglese + bella, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro...! Un modo diverso per presentare un dolce tradizionale! ;)

      Elimina
  5. Ma ciao ragazze! Che bello che voi sentiate sempre accanto a voi la vostra nonna e le cose belle che vi ha trasmesso :). Avete fatto una genialata con questa zuppa inglese nell'uovo, davvero troppo carina. Mi è venuta una voglia di crema pasticcera che non vi dico! Bacioni grandi, Angela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Angela, sei sempre carinissima.. Abbiamo unito tradizione e innovazione.. Per una presentazione un po' diversa! ;)
      Felici che ti sia piaciuta la nostra idea!
      Un abbraccione

      Elimina
  6. Ciao!
    Ma che meraviglia e che bei ricordi!
    Ottima la tua zuppa inglese e bellissima la presentazione!
    A presto!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille cara!
      Siamo contente che ti sia piaciuta la nostra versione di zuppa inglese!
      A presto e grazie ancora di essere passata!

      Elimina
  7. Gagliarda la nonna Maria. Come tutte le nonne, portatrice sana di saggezza in pillole. Meravigliosa questa versione creativa di un dolce classico e sempre apprezzato.
    Un abbraccio ragazzuole!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara...! Eh si, la nonna era davvero una forza...! E un ottima cuoca! ^_^
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Grazie di aver partecipato..in bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  9. ma lo sai che lo faceva anche la mia nonna?
    però usava le marie mi sembra...e a me non piaceva proprio...mentre ora pagherei per avere la sua ricetta!!
    .. quasi quasi copio la tua!
    in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…