Passa ai contenuti principali

Fiori sul balcone e.. sul blog!


Ieri soffiava un vento caldo, quasi a preannunciare quella primavera, prima, e quell'estate poi, che tutti aspettiamo con ansia..

Sul balcone le rose iniziano a sbocciare.
La piccola piantina di fragole ha due fiorellini che presto mi regaleranno quei preziosi frutti che gusto sempre con soddisfazione e gioia per la mia mini produzione.
I geranei si riempiono di colori.
La bougainvillea continua la sua arrampicata sul muro del terrazzo.

Tutto sboccia, e anche in cucina sbocciano nuovi dolci.
Questi si fanno meno ricchi, più semplici, ma comunque pieni di sapori.

E' il caso di queste rose di sfoglia, nate per la necessità di usare una sfoglia in scadenza.
Non volevo il classico strudel, non volevo sfoglie salate..
Ma delle delizie da gustare a "strati", lasciandosi avvolgere dal gusto della speziata cannella e delle mele, in un caso, e dei balsamici zenzero e menta, abbinati alla pesca, nell'altro.

Rose di sfoglia con mele e cannella e con pesca, menta e zenzero

Ingredienti:
1 rotolo sfoglia
1 pesca
1 mela 
20 gr burro
20 gr zucchero
1 cucchiaino di zenzero in polvere o una grattuggiata di zenzero fresco
1 cucchiaino di cannella
qualche fogliolina di menta
50 gr nocciole e mandorle caramellate.

Esecuzione:
In due padellini separati, dividere il burro e scioglierlo sul fuoco.
Unire la pesca in uno e la mela nell'altro, entrambe tagliate a fettine, mantenendo la buccia.
Saltare leggermente(non devono sfaldarsi), aggiungere lo zucchero e le spezie e lasciare raffreddare.
Tagliare grossolanamente la frutta secca caramellata e aggiungerla alla frutta.
 Sul piano di lavoro stendere la sfoglia(possibilmente rettangolare) e tagliare, lungo il lato più lungo, strisce della larghezza di 4 dita.
Disporvi le fette di frutta in modo ordinato, lasciando che una parte della fetta sporga un poco.
Nelle sfoglie con la pesca aggiungere qualche fogliolina di menta spezzettata.
Ripiegare la metà della striscia di sfoglia sul frutto e arrotolarla su se stessa, formando dei "fiori".
Disporre ogni rosa in stampini da muffin di metallo, in modo che in cottura non si sformino, ricoperti di carta forno.
Cuocere a 180° per una ventina di minuti, fino a che la sfoglia non si sia colorata.
Sono gustosissimi serviti al naturale o con un'ottima crema inglese o zabaione.




Commenti

  1. Deliziose! Danno proprio l'idea di boccioli di fiori. e poi sono anche veloci da fare. Devo iniziare ad usare la sfoglia anche per i dolci, io solitamente la uso per torte salate e invece in pochi minuti si possono fare meraviglie come queste. Un abbraccione cara.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, la sfoglia regala dolcetti stupendi e a me piace tantissimo!
      Grazie a te cara di essere passata!
      Un abbraccio

      Elimina
  2. Maggio è il mese delle rose... E adoro questo vostro profumatissimo bouquet! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, vorrò dire che ti regalaremo un fiorellino di sfoglia! ;)
      Buon weekend!

      Elimina
  3. Ma che meraviglia, è quasi un peccato addentarli... che poi devono esser buonissimi... brave, e che bella luce!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesorina!
      Si, sarà anche un peccato, ma sono buonissimi e si sono volatilizzati!
      Un abbraccio Ale!

      Elimina
  4. Meraviglioso inno alla primavera, complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii! Sanno di fiori che sbocciano! ^_^
      Grazie cara!

      Elimina
  5. Le trovo bellissime!! Settimana scorsa ne ho fatta una versione simile.. trovo che la loro forma sia mervigliosa.. così delicata ed elegante. Un ottimo modo per dar il benvenuto alla primavera! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi é piaciuta tantissimo la forma e l'effetto visisvo.. e poi si prepararno in un attimo! ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…