Passa ai contenuti principali

Un aperitivo tipico genovese: i frisceu


Tritanoccioliamo non va in vacanza e questa settimana vi proponiamo una ricetta tipica dell'aperitivo genovese: i frisceu.

I frisceu sono palline di pasta lievita aromatizzata con erbe o al naturale, fritte in abbondante olio extravergine di oliva.
L'olio utilizzata resta come sapore di fondo della frittella, senza però appesantirla.
I frisceu possono essere gustati neutri, come vengono gustati qui, acquistati nelle varie friggitorie e passeggiando tra i carruggi e vie del centro genovese o abbinati a salumi e formaggi per costituire un ricco aperitivo.

La ricetta scelta da me é questa, alleggerita nella quantità di uova presente nell'impasto e modificando la procedura di preparazione.

Ingredienti: 
500 gr farina
Una bustina di lievito di birra secco 
15 gr di sale 
500 gr di farina 
1 uovo 
280 gr acqua tiepida

Il una boule versare la farina, aggiungere il lievito e il sale.
Mescolare il tutto per distribuire gli ingredienti.
aggiungere l'uovo e l'acqua
Mescolare bene il composto, evitando di formare grumi e cercando di ottenere una consistenza elastica. Deve essere una pastella piuttosto consistente, non troppo liquida. Lasciare lievitare un'oretta e friggere in olio d'arachide a 180° (monitorando la temperatura con il termometro si eviterà che l'olio venga assorbito dalla pasta).
Gustare caldi, tiepidi o freddi.. Sono sempre buonissimi!





Commenti

  1. Frisceu?!?! E' la prima volta che li sento nominare e ne sono attratta!!! Decisamente sfiziosi per l'aperitivo.. immagino che uno tiri l'altro.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi!!! Devi farli assolutamente!!! ;)

      Elimina
  2. Che buoniiii...ho l'acquolina al solo pensiero :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie!! In effetti uno tira l'altro e aromatizzati con varie erbette sono ancora più buoni!!! ^_^

      Elimina
  3. Non li avevo mai sentiti, ma devono essere ottimi!!! Buona giornata e buone vacanze se le state facendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara, niente vacanze per noi, anche se sono mancata un po' dal blog..
      Provali, credo sia una ricetta diffusa in tutta Italia conosciuta con nomi differenti... Ma sempre buonissima!
      ^_^

      Elimina
  4. Ciao carissime, per il prossimo tritanoccioliamo vi mando sicuramente una ricetta....può anche essere dell'archivio ricette del mio blog e non creata apposta? Devo lasciare qui il link?
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Che bello averti qui...! No, puoi partecipare con quante ricette vuoi e ancge vecchie, poi creeremo una raccolta con tutte le più belle.
      Il link puoi lasciarlo qui o in tutte le pagine dove noi abbiamo postato le ricette di tritanocciliamo!
      Ti aspettiamo!

      Elimina
    2. A sabato prossimo!!!! Appena riesco vi lascio il link
      Un bacio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …