Passa ai contenuti principali

Torta al cioccolato, mandorle e arancia


Chi mi conosce sa che potrei vivere di sole colazioni.
Quando i medici dicono che é il pasto più importante della giornata, io vi credo fermamente: zucchero, marmellata, burro e cioccolato sono i miei migliori amici.

Adoro preparare tutto ben disposto la sera prima per avere ad attendermi al mattino un bellissima tavola, ricca di torte fatte in casa e biscottini homemade.
Penso sia il modo migliore per dare il buongiorno e dimostrare affetto ed attenzione a tutta la famiglia e trovo sia essenziale partire con l'energia giusta per affrontare al meglio tutta la giornata.

Un bel succo di frutta, una tazza di latte caldo e il profumo del caffè mentre esce dalla caffettiera con il suo tipico rumore.
Se poi non c'è fretta amo dilungarmi in questo rito..

Questa volte, complici i sapori dell'autunno e tanti albumi da smaltire, ho deciso di fare una Torta al cioccolato con mandorle e arancia.

Ingredienti:
200 gr cioccolato con mandorle
8 albumi
150 gr burro
150 gr zucchero
50 gr fecola di patate
75 gr farina
50 gr cacao amaro
1 cucchiaino di lievito per dolci
la buccia di un'arancia grattuggiata

Esecuzione:
Sciogliere a bagno maria o nel microonde il cioccolato con il burro e lasciare raffreddare.
Montare a neve ferma gli albumi con lo zucchero.
Aggiungere la farina, il lievito e la fecola secacciati mescolando dal basso verso l'alto..
Aggiungere il cacao setacciato continuando a mescolare come fatto precedentemente.
Aggiungere il cioccolato sciolto con il burro.
Versare in una tortiera imburrata ed infarinata e livillare il composto.
Infornare a 180° per 20-30 minuti.
Lascaire raffreddare e decorare con riccioli di arancia e zucchero a velo.
     



Con questa ricetta partecipo al Contest Le personalità in cucina di Pentagrammi di Farina
contest foodblog 1 anno pentagrammi di farina le personalità in cucina

Commenti

  1. Ciao. Anche io amo molto questo genere di colazioni, con la tavola ben apparecchiata con tovagliette carine, piattini e tazzine eleganti o magari buffi, con ogni ben di Dio, soprattutto dolci fragranti e rustici come questa torta. Solo che poi mi ritrovo a far tutto di corsa, con marito e figlio che ringhiano cose inarticolate ancora mezzi addormentati, e io che non riesco a ingoiare più di due biscotti e una tazza di te. Però potrei sempre organizzarmi per una seconda colazione, dopotutto i nutrizionisti non dicono anche che bisogna spezzare la mattinata con uno spuntino. Dici che mezza torta vale come spuntino? ;-)
    Bella la ricetta con gli albumi, ottimo metodo per utilizzarli. Brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, hai ragione, in settimana é più difficoltoso, ma io di solto mi organizzo preparando dolcetti nel w.e. che durano più o meno tutta la settimana...
      Giusto, mezza torta a metà mattina mi sembra un ottimo spezza fame! ;P

      Elimina
  2. Ragazze, ho un problema...voglio questa torta...subito!!!! Vengo a fare colazione da voi....e poi che brava che prepari la tavola la sera per la colazione della mattina...io non ci riesco mai e trangugio il caffelatte in un sorso....lo che sbaglio!!!! torta spettacolare...bravissime come sempre e grazie di passare sempre da me, quando io invece sono latitante!!! vi abbraccio forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamo che tu porti la tua Angel cake e ci facciamo una colazione magica?!
      così abbiamo sia cioccolato che non...!
      E' sempre un piacere quando vieni a trovarci, la prossima volta metto una tovaglietta per la colazione anche per te!
      Smack

      Elimina
  3. ..io mi unisco a voi e alla vostra tavola imbandita..sapete bene quanto sia fanatica della colazione e dei suoi riti quindi mi avete stregata con questa torta :-P Bravissimeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni, vieni... Noi ti aspettiamo a braccia aperte!
      Un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…