Passa ai contenuti principali

Ciuppin per MTChallenge n°55


Questo mese è stata durissima esserci..
Ma non potevo mancare.
Non potevo non esserci, per quell'appuntamento che attendo ogni mese: l'MTChallenge.
Siamo alla sfida n° 55 ed io partecipo entusiasta da 13, imparando ogni volta qualcosa di nuovo, sia essa una tecnica, un ingrendiente o un impiattamento.

E questo mese la proposta arriva da Anna Maria, del blog la cucina di qb, vincitrice della scorsa sfida, con la sua tartare di rana pescatrice.
Anna Maria ci chiama in campo su ingredienti che lei conosce alla perfezione, basti leggere il suo post per la nuova sfida: Il Brodetto dell'Adriatico.
Tecnica, tradizione, usanze, tutte in un unica e formidabile zuppa di pesce.

Ed io? Ripercorro le usanze, quelle però di un altro mare, il Mar Ligure, mare della mia tradizione e delle mie usanze.
Cercando notizie in internet sono arrivata alla ricetta di un'antica zuppa di pesce ligure, il Ciuppin.  
Ho riprodotto quindi questa ricetta, presa dal blog Preboggion, sito che tratta di racconti, tradizioni e ricette tipicamente liguri. 

Una ricetta semplice, caratterizzata dall'aggiunta di un ingrediente che nella mia riviera non manca mai: l'acciuga salata.
E' lei che ha fatto la differenza, nella cucina della liguria..
Si trova ovunque: nei soffritti, nella salsa verde che prepariamo per accompagnare il bollito, da mangiare al naturale, condite solo con aglio prezzemolo e olio, su una fetta tostata di buon pane.
Qui troverete tutto sulla sua storia.

Ingredienti:
500 gr di pesce economico (per noi sarde e "sueli", o sauri, in italiano)
1 pesce cappone (utilizzato tipicamente per preparare il cappon magro, tipica ricetta ligure di Natale)
1 seppia
500 gr cozze 
3 tranci di pesce Nocciola
6 cicale o cannocchie
una testa di nasello
1 cipolla
2 spicchi di aglio
1 scatola di pelati (400gr)
3 acciughe salate
peperoncino
vino bianco

Esecuzione:
 Preparare due pentole.

Nella prima far soffriggere in abbondante olio una metà di cipolla tritata con uno spicchio di aglio e le acciughe salate.
Aggiungere i pesci economici e mescolare fino all'assorbimento dei liquidi.
Aggiungere un litro di acqua e far bollire lentamente.

Nella seconda pentola far soffriggere in olio l'altra metà di cipolla tritata con l'altro spicchio di aglio.
Aggiungere i pelati, mescolare poco e aggiungere le seppie tagliate e striscioline.
Sfumare con mezzo bicchiere di vino bianco.
Aggiungere le cozze, coprire e lasciarle aprire, in modo che rilascino la loro acqua.
Far evaporare l'acqua, aggiungere le cicale e sfumare con un altro mezzo bicchiere di vino.
Aggiungere i pesci da porzione (cappone, nocciola o qualsiasi altro pesce in tranci, così da avere meno lische possibili)

Riprendere la prima pentola e passare al passaverdure tutte le lische, teste e polpa dei pesci: in questo modo si estrarrà perfettamente ogni sapore.

Versare questo brodo saporito nella seconda pentola.
Far addensare il tutto e servire con le tipicamente liguri gallette del marinaio.
Condire con olio, prezzemolo tritato e peperoncino.



 Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge n°55


Commenti

  1. Amo alla follia i piatti a base di pesce e la vostra proposta è troppo invitante e golosa..mi ci tufferei all'istante :-P
    Bravissime e non posso che approfittarne x farvi i miei più sinceri auguri di serena Pasqua <3 A presto ^_^

    RispondiElimina
  2. Un ingrediente che fa la differenza nella vostra cucina ligure e ancor più nella mia piemontese.. quindi non posso che amare questa zuppa tradizionale che papperei seduta stante!

    RispondiElimina
  3. Ecco l'ingrediente che riesce a fare la differenza: la semplice e povera acciuga, regina dei mari! Grazie di aver condiviso con noi questa gustosissima ricetta della tradizione che, dalle foto, vedo cotta davvero molto bene. Anna Maria

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…