Passa ai contenuti principali

Chocolate beetroot cake: torta di barbabietola e cioccolato per Re-cake 2.0!


Il mese scorso non ho potuto partecipare alla bellissima sfida proposta dal gruppo Re-cake perchè sprovvista di materiale.
Non avevo lo stampo da donuts, dannazione...
Un po' come quando a scuola non puoi fare l'esercizio perchè non hai le squadrette da disegno e il compasso o la calcolatrice.
Pessima cosa.

Questo mese però mi sono ripromessa di non mancare, forse perchè appena vista la ricetta e le foto, ho iniziato d avere l'acquolina e a sbavare solo leggendo la ricetta.

Se partiamo dal presupposto che amo le torte inglesi, compatte e burrose, e ci aggiungiamo il cioccolato, magari per smaltire tutto quello accumulato con le uova di Pasqua, beh, il gioco è fatto.

Questa è una ricetta tutta particolare, con l'aggiunta di un ingrediente che, nei dolci, lo è altrettanto: la barbabietola rossa.
Io l'ho sempre usata per fare i canederli, per colorare pasta fatta in casa o pane..
Ma mai in un dolce..
E non potevo perdermi l'occasione di provare anche questo curioso abbinamento.
Unica variazione alla ricetta è stata l'utilizzo della farina di riso al posto di quella classica, così da rendere la ricetta totalmente gluten free.

Chocolate beetroot cake, ovvero Torta di cioccolato e barbietola
Per la Torta:
200 g di Cioccolato fondente (70%)
4 cucchiai di Caffè espresso caldo
200 g di Burro a cubetti 
135 g di Farina 00 (io farina di riso)
1 Cucchiaino di Lievito per Dolci
3 Cucchiai di Cacao
5 Uova (separando tuorli da albumi)
200 g di Zucchero 
250 g di barbabietola cotta e ridotta in purea
Per la crema di burro al cioccolato
300 g Zucchero a velo
150 g di Burro, ammorbidito
100 ml di Panna
50 g di Cacao in polvere
Per la glassa al cioccolato
200 g di Cioccolato fondente (70%)
200 ml di Panna
4 Cucchiai di sciroppo d'acero
Esecuzione:
Riscaldare il forno a 180 °C rivestire due teglie da 20 cm di diametro con la carta forno.
Sciogliere il cioccolato a bagnomaria facendo attenzione che l'acqua non finisca nel cioccolato.
Versare il caffè espresso nel cioccolato fuso, mescolare e aggiungere i cubetti di burro e amalgamare fino a che non sarà sciolto il burro. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare leggermente.
Setacciare la farina con il lievito e il cacao.
In un'altra ciotola, sbattere i tuorli fino a renderli schiumosi.

In un'altra ciotola montare gli albumi a neve, aggiungere lo zucchero e montare ancora.
Unire i tuorli e la purea di barbabietole al cioccolato e amalgamare bene.
Aggiunge anche gli albumi montati a neve, mescolando delicatamente, dal basso verso l'alto, senza smontare il composto. Aggiungere la miscela di farina e incorporare il tutto.
Versare il preparato nelle tortiere e cuocere per 30 minuti o fino a quando, inserendo uno nella torta non uscirà pulito e asciutto.
Togliere dal forno e lasciare raffreddare.
Per la crema di burro, montare lo zucchero a velo con il burro, aggiungere la panna e sbattere fino a quando non sarà tutto amalgamato, quindi incorporarvi il cacao.
Farcire la parte superiore di una torta con la crema al burro ottenuta e coprire con l'altra torta.
Per la glassa, scaldare il cioccolato con la crema e lo sciroppo, in un pentolino, a fuoco basso, mescolando continuamente fino a che non avrà preso spessore e sarà lucido.
Versare sopra la torta e servire.






Con questa ricetta partecipo al Re-cake di Aprile





Commenti

  1. Questa tipologia di torta l'ho vista girare anni fa sul forum di Coquinaria che seguo da anni. Le carote nei dolci le uso con buoni risultati, le barbabietole rosse (quelle sottovuoto del super) le mangio spesso in insalata....ma di metterle in un dolce, non so perchè, mi fa impressione. Come ti è sembrata questa torta ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ero della stessa idea, avevo paura dessero uno strano sapore, ma dopotutto la barbabietola è dolce, un po' come la carota!
      A noi è piaciuta moltissimo, energetica e super cioccolatosa (la barbabietola non la percepisci, se non sai che è nella ricetta...)

      Elimina
  2. Grande, non hai perso tempo con questa recake!! Mi sa che è la prima che vediamo rifatta :) L'aspetto è golosissimo, una volta ho provato a fare una torta al cioccolato e barbabietola ed era buonissima!!
    Chissà che non parteciperemo anche noi questo mese!
    Un bacione!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai ragazze, unitevi, questa ricetta merita davvero di essere provata!

      Elimina
  3. La barbabietola in abbinamento al cioccolato deve rendere questa torta una bomba di gusto :-P e l'aspetto è proprio invitante, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, in effetti ci è piaciuta davvero tanto, cremosa e cioccolatosissima!

      Elimina
  4. La barbabietola???? Ma proprio quella che io mangio in insalata????
    Eccone scoperta una nuova anche oggi!!!!
    Bravissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh... Già già... Proprio quella, eppure... Che bontà! ^_^

      Elimina
  5. Complimenti per le belle foto, felice che questo mese abbiate partecipato anche voi!
    : -)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Siamo felici di aver potuto partecipare questo mese!! ^_^

      Elimina
  6. Grazie di cuore per aver giocato con noi <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi per la splendida ricetta! Era strepitosa!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…