Passa ai contenuti principali

Sbriciolata alle ciliegie e mascarpone


I frutti estivi mi piacciono tutti.

Mentre d'inverno faccio davvero fatica a scegliere un frutto da gustare, d'estate i colori e i sapori di questi prodotti mi rapiscono.
Mi piacciono al naturale, tagliati a cubetti per una gustosa macedonia, frullati in uno smoothie e, come sempre, in una torta.

E inauguriamo la stagione con i primissimi frutti, in ordine di "
apparizione sul mercato, di cui vado matta: le ciliegie.
Nonostante l'indigestione fatta quando ero piccola, riesco comunque a mangiarne a quintali. 
Iniziano a piacermi già in versione floreale, quando riempono di fiori bianchi gli alberi lungo la via di casa.
Quando poi diventano frutti sono un invito all'assalto del giardino del vicino.
Una tira l'altra. Nel vero senso della parola.
Dolci, rotonde e piccole. 
Innocue...
Forse per voi, non per me.

Ingredienti:
per la sbriciolata
300 gr di farina
150gr zucchero
1 uovo
100 gr burro
un pizzico di sale
per il ripieno
250 gr ciligie pulite e denocciolate
50 gr zucchero + 20 gr per le ciligie
1 uovo
250 gr mascarpone

Esecuzione:
Mescolare tutti gli ingredienti della base inserendoli nella planetaria o disponendoli a fontana su di una spianatoia.
Lavorare qualceh minuto ottenendo un impasto omogeneo, ma non compatto, simile a delle briciole.
Disporre metà di questo impasto in una tortiera per crostate o a cerniera precedentemente imburrata ed infarinata.
Nel frattempo pulire le ciliegie, tagliarle a metà e saltarle in padella, pochi minuti, con 20 gr di zucchero.
Lasciare raffreddare.
In una boule montare con le fruste il mascarpone con lo zucchero ed infine unire l'uovo.
Sulla base della torta versare in modo uniforme il composto di formaggio e sopra versarvi le ciliegie, lasciando un bordo vuoto intorno (in questo modo il succo delle ciligie non brucerà con il calore).
Ricoprire tutto il ripieno e il bordo con le restanti briciole.
Infornare a 180° per 30/40 minuti, fino a che la torta non sia bella dorata.
Sfornare e lasciare raffreddare completamente.
E' ottima sia fredda che a temperatura ambiente.






Commenti

  1. Wow! Una variante di quella che ho fatto io poche settimane fa con fragole e ricotta. La tua è ancora più golosa! Me la segno!

    RispondiElimina
  2. Wow! Una variante di quella che ho fatto io poche settimane fa con fragole e ricotta. La tua è ancora più golosa! Me la segno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sarò felice se proverai anche la mia versione!

      Elimina
  3. Anch'io amo follemente i frutti di questa stagione, in particolare sono cherry-addicted :-P peccato che dalle mie parti siano state date x disperse quest'anno e le uniche sui banchi del mercato sono albine e con prezzi stratosferici O_O
    Mi godo la vostra sbriciolata che già immagino sarà sublime :-P
    Buon 2 giugno e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo, ma davvero? qui sembrano spopolare, complice un inverno mite e poca pioggia

      Elimina
  4. Che invito a nozze... Deve essere divina, una fettina a me e al mio piccolino! :-)

    RispondiElimina
  5. Mmmmmm ma che squisitezza! Complimenti! Una ricetta fantastica!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina
  6. ottimo modo per portare le ciliegie nel dessert

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, felici che ti piaccia la nostra proposta!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…