Passa ai contenuti principali

Fantasia di trota per l'MTChallenge n°60


Questo mese esserci è stato molto impegnativo.
Complice il lavoro e i troppi impegni, sono giorni che proprio non riesco a dedicarmi al blog.
E mi spiace, moltissimo.

Ma a un appuntamento non potevo certo mancare: l'MTChallenge n°60.
La sfida di questo mese era troppo entusiasmante: la nostra Mai ci ha uniti tutti, davanti alla preparazione delle tapas.
È lei che ci ha sconvolto con i suoi gnocchi-cozza e sempre lei che nel suo post ci porta alla scoperta del fantastico mondo di questi stuzzichini spagnoli, illustrandoci differenze e tipologie che accompagnano l'ora dell'aperitivo.
Bello conoscere mondi nuovi, straordinario imparare nuove tradizioni.
La regola base di questo mese era: "un filo conduttore".
Tutte le nostre preparazioni dovevano essere legate, in qualsiasi modo la nostra testa le avesse concepite.
Per me il filo è rappresentato dalla lenza da pesca, con cui il mio vicino ha pescato delle ottime trote di fiume.

Fantasia di trota
Tapas:tartare di trota con zeste di limone
Pincho: polpette di trota e patate
Montadito:panino integrale con trota al vapore in maionese senapata

Ingredienti:
Per la tapa:
1trota salmonata
Olio
Limone
Sale e pepe
Per il pincho:
1 filetto di trota selvatica
1uovo
1patata
Aglio e prezzemolo
Pane grattuggiato
Olio per friggere
Per il montadito:
Pane di semola integrale fatto in casa
1filetto di trota selvatica
1 cucchiaio di Senape
2 cucchiai di Maionese
Limone
Pomodori secchi
Qualche anello di porro fresco
Alloro
Chiedi di garofano

Esecuzione:
Per la tapa:
Pulire, diliscare e sfilettare la trota. Tagliare a piccoli pezzettini con un coltello, dopo di che battere con il dorso del coltello sulla polpa per ammorbidire la polpa.
Condire con olio, limone, sale e pepe la tartare, ricavarne delle quenelles e decorare con zeste di limone.
Per il pincho:
Bollire in una pentola capiente una patata tagliata a cubetti.
A 5 minuti dal termine della cottura aggiungervi il pesce.
Scolare entrambi gli ingredienti, e frullare tutto con aglio e prezzemolo.
Aggiungere un uovo, regolare di sale e pepe ed, eventualmente, del pangrattato.
Formare delle palline, passarle nel pane e friggere in abbondante olio di arachide.
Per il montadito:
Pulire e sfilettare la trota, cuocere per 5 minuti alla max potenza in microonde con il cestello a vapore con un'acqua aromatizzata con alloro, chiodi di garofano, pepe.
Nel frattempo preparare la salsa frullando 4 pomodori secchi con due cucchiai di maionese e uno di senape poco succo di limone e qualche zeste.
Sfornare,  dividere in 4 filetti e ammorbidirli con la maionese senapata.
Comporre il panino ricavando dalla pagnotta dei quadratini di spessore un dito, disporvi la trota con il suo condimento e sopra aggiungervi il porro. Terminare con la seconda fetta di pane.

Tapa Tartare di Trota 

 Pincho Polpetta di Trota


Montadito Trota Senapata



Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge numero 60







Commenti

  1. Davvero golosissima la vostra proposta di tapas...mi avete fatto venire l'acquolina :-P

    RispondiElimina
  2. Bella l'idea della lenza da pesca come filo conduttore e bellissime le tue tapas, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Le tue tapas sono una "chichheria", si dice così vero per dire che sono belle ed eleganti!?
    Un ingrediente che la fa di padrone, la trotta, e che si trova benissimo in tutti i tre boconi, ecco quella salsa del montadito credo dovresti patentata…
    Anche il modo in qui hai servito le tre porzioni è molto particolare!
    E aprezzo assai che nel pincho tu ci abbia infilzato due di polpette, non perciò il senso minimal della tua proposta ha cambiato anzi quelle due sfere ammorbidiscono la composizione anche se la tartar fa la sua scena!
    Sei stata geniale e ci sei riuscita a dare 3 textur dierse a uno stesso ingrediente, almeno io ci vedo anche questo nel tuo filo conduttore, bravissima!

    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Mai! Siamo molto felici che ti sia piaciuta la nostra interpretazione di tapas...! Noi ci siamo molto divertite, a sperimentare e provare nuove proposte dello stesso ingrediente! ^_^

      Elimina
  4. Mi piace tantissimo l'idea di utilizzare lo stesso ingrediente nelle tre tapas e di proporlo con diverse cotture e consistenze, partendo dalla tartare, dove quindi la materia prima è utilizzata in purezza. Le polpette del pincho sono molto sfiziose, come anche la salsa del montadito.Bellissima proposta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…