Passa ai contenuti principali

Fantasia di trota per l'MTChallenge n°60


Questo mese esserci è stato molto impegnativo.
Complice il lavoro e i troppi impegni, sono giorni che proprio non riesco a dedicarmi al blog.
E mi spiace, moltissimo.

Ma a un appuntamento non potevo certo mancare: l'MTChallenge n°60.
La sfida di questo mese era troppo entusiasmante: la nostra Mai ci ha uniti tutti, davanti alla preparazione delle tapas.
È lei che ci ha sconvolto con i suoi gnocchi-cozza e sempre lei che nel suo post ci porta alla scoperta del fantastico mondo di questi stuzzichini spagnoli, illustrandoci differenze e tipologie che accompagnano l'ora dell'aperitivo.
Bello conoscere mondi nuovi, straordinario imparare nuove tradizioni.
La regola base di questo mese era: "un filo conduttore".
Tutte le nostre preparazioni dovevano essere legate, in qualsiasi modo la nostra testa le avesse concepite.
Per me il filo è rappresentato dalla lenza da pesca, con cui il mio vicino ha pescato delle ottime trote di fiume.

Fantasia di trota
Tapas:tartare di trota con zeste di limone
Pincho: polpette di trota e patate
Montadito:panino integrale con trota al vapore in maionese senapata

Ingredienti:
Per la tapa:
1trota salmonata
Olio
Limone
Sale e pepe
Per il pincho:
1 filetto di trota selvatica
1uovo
1patata
Aglio e prezzemolo
Pane grattuggiato
Olio per friggere
Per il montadito:
Pane di semola integrale fatto in casa
1filetto di trota selvatica
1 cucchiaio di Senape
2 cucchiai di Maionese
Limone
Pomodori secchi
Qualche anello di porro fresco
Alloro
Chiedi di garofano

Esecuzione:
Per la tapa:
Pulire, diliscare e sfilettare la trota. Tagliare a piccoli pezzettini con un coltello, dopo di che battere con il dorso del coltello sulla polpa per ammorbidire la polpa.
Condire con olio, limone, sale e pepe la tartare, ricavarne delle quenelles e decorare con zeste di limone.
Per il pincho:
Bollire in una pentola capiente una patata tagliata a cubetti.
A 5 minuti dal termine della cottura aggiungervi il pesce.
Scolare entrambi gli ingredienti, e frullare tutto con aglio e prezzemolo.
Aggiungere un uovo, regolare di sale e pepe ed, eventualmente, del pangrattato.
Formare delle palline, passarle nel pane e friggere in abbondante olio di arachide.
Per il montadito:
Pulire e sfilettare la trota, cuocere per 5 minuti alla max potenza in microonde con il cestello a vapore con un'acqua aromatizzata con alloro, chiodi di garofano, pepe.
Nel frattempo preparare la salsa frullando 4 pomodori secchi con due cucchiai di maionese e uno di senape poco succo di limone e qualche zeste.
Sfornare,  dividere in 4 filetti e ammorbidirli con la maionese senapata.
Comporre il panino ricavando dalla pagnotta dei quadratini di spessore un dito, disporvi la trota con il suo condimento e sopra aggiungervi il porro. Terminare con la seconda fetta di pane.

Tapa Tartare di Trota 

 Pincho Polpetta di Trota


Montadito Trota Senapata



Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge numero 60







Commenti

  1. Davvero golosissima la vostra proposta di tapas...mi avete fatto venire l'acquolina :-P

    RispondiElimina
  2. Bella l'idea della lenza da pesca come filo conduttore e bellissime le tue tapas, complimenti!

    RispondiElimina
  3. Le tue tapas sono una "chichheria", si dice così vero per dire che sono belle ed eleganti!?
    Un ingrediente che la fa di padrone, la trotta, e che si trova benissimo in tutti i tre boconi, ecco quella salsa del montadito credo dovresti patentata…
    Anche il modo in qui hai servito le tre porzioni è molto particolare!
    E aprezzo assai che nel pincho tu ci abbia infilzato due di polpette, non perciò il senso minimal della tua proposta ha cambiato anzi quelle due sfere ammorbidiscono la composizione anche se la tartar fa la sua scena!
    Sei stata geniale e ci sei riuscita a dare 3 textur dierse a uno stesso ingrediente, almeno io ci vedo anche questo nel tuo filo conduttore, bravissima!

    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Mai! Siamo molto felici che ti sia piaciuta la nostra interpretazione di tapas...! Noi ci siamo molto divertite, a sperimentare e provare nuove proposte dello stesso ingrediente! ^_^

      Elimina
  4. Mi piace tantissimo l'idea di utilizzare lo stesso ingrediente nelle tre tapas e di proporlo con diverse cotture e consistenze, partendo dalla tartare, dove quindi la materia prima è utilizzata in purezza. Le polpette del pincho sono molto sfiziose, come anche la salsa del montadito.Bellissima proposta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…