Passa ai contenuti principali

Pollo fritto per MTChallenge n°63: Fried Chicken!


Partiamo dal presupposto che per me i fritti sono pure amore...
La croccantezza di un fritto è ineguagliabile.
Nessuno mi dica " Io lo faccio al forno ed è uguale..", non ci crediamo.
Così alla scoperta di ciò che sarebbe stata la ricetta della sfida n°63 dell'MTChallenge, ho iniziato a saltellare sulla sedia.
Il pollo fritto, chi non lo adora?!?
Silvia, vincitrice della scorsa sfida, con la sua ricetta di macaron, ha utilizzato il tema tipico di Febbraio, "I fritti", ma in chiave salata.
J'adore!!!

Qualcuno dice che fritta è buona anche una scarpa, ma in realtà il buon fritto ha tutto uno studio dietro: tagli indicati, panature ad hoc e oli, ma soprattutto temperature precise.

Proprio per la mia passione per i fritti, ho sempre cercato di utilizzare gli ingredienti più buoni per queste preparazioni: l'olio  di oliva è certamente il più sano, ma tende a lasciare un minimo dal suo sapore ai piatti.
L'olio di arachide, tra gli oli di semi, è sicuramente il più indicato.
Altro segreto è quello di non effettuare mai il "rabbocco" in padella: l'olio va sostituito totalmente, poichè aggiungendo olio freddo a quello caldo, esso vede la sua temperatura abbassarsi drasticamente e questo non è un bene, la temperatura va sempre mantenuta costante.

Nel suo post, Silvia ci spiega ogni singolo segreto per ottenere un pollo fritto superlativo, dalla marinatura alla cottura, passando dalle molteplici panature.
Per me, un post da imparare a memoria, da rivendersi alle cena con gli amici.
Friggitrice e pinze alla mano, mi sono messa all'opera.

Pollo fritto con salsa al mango e chips di verdure

Per il pollo riporto fedelmente tutto ciò che ho imparato dal post di Silvia

LATTICELLO homemade

-Ingredienti per 500 g circa di latticello-
Primo metodo:
  • 1 l panna fresca
Versate la panna nella planetaria e montatela a velocità media per 20 minuti circa fino a quando la parte grassa diventerà burro e si separerà dalla parte liquida, il latticello appunto.
Filtrate il latticello con un colino a maglie strette e strizzate bene il burro.
Sciacquate il burro sotto l’acqua fredda e riponetelo in un contenitore in frigo; versate invece il latticello sulla carne ricoprendola interamente, coprite con la pellicola e mettete in frigo per almeno 4 ore, meglio se tutta la notte.
 Secondo metodo:
  • 250 g latte parzialmente scremato
  • 250 g yogurt magro
  • 10 ml succo di limone filtrato
In una ciotola versate lo yogurt e il latte e stemperateli, infine aggiungete il limone. Lasciate a temperatura ambiente per 15 minuti circa e poi versatelo sulla carne, coprite con la pellicola e mettete in frigo per almeno 4 ore, meglio se tutta la notte.

POLLO FRITTO Panatura con farina(questa la mia versione creativa)

-Ingredienti per 1000/1300 g di pollo con ossa e pelle-
  • 1,5 l olio per friggere di semi di mais o quello che preferite
  • 200 g farina semola
  • paprika dolce
  • sale
  • pepe
-Procediamo-
Preparate un piatto fondo per appoggiare il pollo impanato, un piatto piano coperto da carta assorbente per appoggiare il pollo appena fritto e una placca da forno coperta anch’essa da carta assorbente per riporre il pollo fritto in forno e tenerlo al caldo.
Rimuovete il pollo dalla marinatura, lasciatelo scolare sopra una gratella posta su un foglio di carta da forno per mezz’ora almeno. Preparate una ciotola abbastanza capiente per contenere 3/4 pezzi di pollo alla volta e metteteci la farina con il sale e il pepe.
In alternativa mettete farina, sale e pepe dentro un sacchetto alimentare capiente.
Prendete 3 pezzi di pollo, metteteli nella farina ed infarinateli pressando leggermente le carni oppure inseriteli nel sacchetto, chiudetelo ed agitate finché tutti i pezzi non saranno ben infarinati.
Scuoteteli per eliminare la farina in eccesso ed appoggiateli sul piatto preparato in precedenza.
Procedete panando il resto del pollo.
A questo punto prendete una casseruola dai bordi alti versate l’olio e scaldatelo a fuoco medio fino alla temperatura di 180 °C circa.
Se non avete il termometro mettete un pezzo di pane nell’olio, quando dorerà sarà il momento di immergere il pollo.
Immergete nell’olio 3 pezzi di pollo alla volta. Osservate l’olio: il pollo appena immerso friggerà formando molte bolle grandi e man mano che si cucinerà le bolle diminuiranno sempre più . Quando il pollo avrà una colorazione dorata ed omogenea, ci vorranno circa 6/8 minuti di cottura a seconda della grandezza del pezzo, scolatelo dall’olio ed appoggiatelo sul piatto con la carta assorbente.
Una volta asciutto, se desiderate, potete tenerlo al caldo nel forno preriscaldato a 120°C circa, infornandolo sulla placca da forno.

POLLO FRITTO Panatura con pane e uovo (questa la ricetta fedele)

-Ingredienti per 1000/1300 g di pollo con ossa e pelle-
  • 5 uova medie
  • 200 g farina
  • 200 g pane grattato
  • sale
  • pepe
  • 1,5 l olio per friggere di semi di mais o quello che preferite
-Procediamo-
Rimuovete il pollo dalla marinatura, lasciatelo scolare sopra una gratella posta su un foglio di carta da forno per mezz’ora almeno. Preparate un piatto fondo per appoggiare il pollo impanato, un piatto piano coperto da carta assorbente per appoggiare il pollo appena fritto e una placca da forno coperta anch’essa da carta assorbente per riporre il pollo fritto in forno e tenerlo al caldo.
Mettete le uova in una ciotola che possa contenere almeno 3/4 pezzi di carne alla volta, mescolate con una forchetta, salate e pepate.
Ponete il pan grattato e la farina in altre due ciotole distinte altrettanto capienti.
Prendete tre pezzi di pollo alla volta, passateli nella farina pressando leggermente le carni e scuoteteli per eliminare la farina in eccesso. Poi immergeteli nell’uovo ed infine passateli nel pan grattato pressando nuovamente le carni.
Appoggiate il pollo sul piatto fondo e procedete con la panatura di tutto il pollo.
Se desiderate una crosticina più consistente potete fare una doppia panatura nel pan grattato cioè pan grattato/uovo/pan grattato.

A questo punto prendete una casseruola dai bordi alti versate l’olio e scaldatelo a fuoco medio fino alla temperatura di 180 °C circa.
Se non avete il termometro mettete un pezzo di pane nell’olio, quando dorerà sarà il momento di immergere il pollo.
Immergete nell’olio 3 pezzi di pollo alla volta. Osservate l’olio: il pollo appena immerso friggerà formando molte bolle grandi e man mano che si cucinerà le bolle diminuiranno sempre più . Quando il pollo avrà una colorazione dorata ed omogenea, ci vorranno circa 6/8 minuti di cottura a seconda della grandezza del pezzo, scolatelo dall’olio ed appoggiatelo sul piatto con la carta assorbente.
Una volta asciutto, se desiderate, potete tenerlo al caldo nel forno preriscaldato a 120°C circa, infornandolo sulla placca da forno.

Salsa al mango(tratta da un libro inglese per BBQ):
1 mango
120 ml ketchup
succo di due lime
due foglie di basilico
un pizzico di peperoncino
2 cucchiai salsa di soia
due spicchi di aglio tritati
un pezzetto di zenzero fresco.

Frullare il mango con il ketchup, l'aglio, lo zenzero e il basilico.
Aggiungere la salsa di soia, il lime e il peperoncino.
Regolare eventualmente di sale.

Chips di verdure(patate,patate dolci, barbabietola, carota, platano):
Tagliare le verdure a rondelle sottili e disporle su di un canovaccio, in questo modo si asciugheranno prima della frittura.
Friggere a 180° fino a che non risultino croccanti.




Con questa ricetta partecipo all'MTChallenge n°63






Commenti

  1. chips + salsa for president!!
    sento la necessità di copiare!

    RispondiElimina
  2. wow che fantastico post..ho l'acquolina al solo pensiero :-P

    RispondiElimina
  3. Questa è una ricetta che abbiamo sempre voluto provare, poi noi proprio non resistiamo al fritto! E' una di quelle cose che mette subito allegria :)
    Delizioso questo pollo fritto a regola d'arte, complimenti!
    Un bacione !!

    RispondiElimina
  4. guarda,Bianca, quando hai scritto che non e' proprio vero che fritta sia buona anche una scarpa, sarei tornata a Genova solo per baciarti in fronte: le peggiori schifezze della mia vita erano fritte ed e' anche per questo che io ho una sorta di timore reverenziale verso questa preparazione: perche' se non e' buona, e' veramente una schifezza. E te lo ricordi per un po', ahime'
    In compenso qui c'e un bellissimo pollo, cotto al punto giusto, con una buona panatura e con una salsa al mango che dice "copiami". Abbinamento goloso e intrigante, ottima prova! Brave!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Ale, felice che tu condivida il mio pensiero! Pure io accuso i fritti fatti male, ti capisco perfettamente.. Ma, nonostante questo il mio amore per questa preparazione resta e persevera!

      Elimina
  5. Pollo ben cotto , panatura dorarata e croccante e cottura interna perfetta. bellissima la presentazione e cosa dev'essere la salsa al mango??? Brava

    RispondiElimina
  6. Concordo con l'Ale Bianca...Frittura perfetta e salsa al mango top! Un abbinamento che mi intriga tanto tanto... bravissima! :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…