Passa ai contenuti principali

Il mio reiz kugel per il club del 27


Le ricette dolci a base di riso per me sono sempre un po' ostiche.
Sarà che nella mia testa il riso è salato, inserito nella preparazione di un classico risotto o di una rustica torta salata, ma difficilmente lo utilizzo in piatti dolci. 
 Così quando nelle ricette del club del 27 ho trovato un ventaglio di ricette di riso, ho cercato di sforzarmi per trovarne una che non fosse salata.
 Ho optato per un keiz kugel, attingendo dalle ricette del tema del mese numero 41.. 
Questo mese più che mai le ricette sono in stretto legame con la sfida del mese, il sartù

Il keiz kugel ha origine mitteleuropea.
È un riso bollito nel latte, con l'aggiunta di zucchero e uova.
A caldo è come una crema.morbida, mentre a freddo di rassoda, trasformandosi in una sorta di torta.
L'abbinamento con l'acidità dei frutti di bosco mi è piaciuta subito, ottimo abbinamento al sentore di vaniglia presente nella crema di riso.

Ingredienti
125 g di riso a grano tondo (tipo Arborio)
800 ml di latte
125 g di zucchero
2-3 gocce di essenza di vaniglia
3 tuorli d’uovo
Bollite il riso per 5 minuti in abbondante acqua salata e scolatelo. Portate a ebollizione il latte e versateci il riso, poi abbassate il fuoco al minimo, mescolate di tanto in tanto e fate cuocere per 30
minuti. Aggiungete lo zucchero e la vaniglia e cuocete altri 5 minuti sino a che il riso sia tenero.
Montate i tuorli d’uovo con un po’ del latte in cui si cuoce il riso e versateli nella pentola con il riso. La temperatura delle essere bassa, altrimenti l’uovo di rassoda, mescolate costantemente sino a che il
latte assume la consistenza di una crema, una natilla.








Commenti

  1. Il risolatte era nei miei ricordi di bambina e quindi ero titubante nel farlo, ma direi che questa versione di reiz kugel mi è piaciuta e la tua coppetta con fragole e mirtilli è molto invitante
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me il riso latte destava un po' di titubanza... Invece, è stata una piacevole sorpresa!

      Elimina
  2. bello e goloso con i frutti sopra

    RispondiElimina
  3. questa ricetta non l'ho vista!! ma e' una crema di riso adattissima anche a riempire un bel guscio di crostata! brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ci avevo pensato anche io? per utilizzare tutta quella ancora non mangiata? Poi la dolce metà ha fatto fuori tutto, ma replicherò per provare a metterla in una crostata!

      Elimina
  4. Non sai che darei x affondarci il cucchiaino 😋

    RispondiElimina
  5. hai ragione anch'io lo associo sempre al salato...ma il bello è sempre scoprire novità, giusto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, infatti non sarà l'ultima versione dolce che farò! ^_^

      Elimina
  6. Meraviglioso con i frutti di bosco

    RispondiElimina
  7. Bello e colorato, con l'allegria che contraddistingua questo blog. Posso dire che mi manca un po' l'immagine-fumetto che c'era prima? Però è giusto anche cambiare ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sai che non so come fare a rimetterlo??? Tranquilla che tornerà prima possibile!! ^_^

      Elimina
    2. Tutto sistemato! ^_^
      Grazie cara!

      Elimina
  8. Anch'io il riso non lo amo nei dolci, ma tu lo hai reso goloso con quei frutti rossi! Baci

    RispondiElimina
  9. Il risolatte con l'uovo mi manca all'appello dei risolatti provati fin'ora. Devo rimediare.

    RispondiElimina
  10. be con fragole e mirtilli, come dire di no! ci stanno proprio bene!

    RispondiElimina
  11. Con questi frutti di bosco deve essere proprio delizioso. Un giusto contrasto di sapori!

    RispondiElimina
  12. Mi piace l'idea di abbinarlo ai frutti di bosco e poi il vostro Reiz Kugel ha un colore meraviglioso.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…