Passa ai contenuti principali

Risotto al provolone del monaco, miele di acacia e caffè


Quando gli ingredienti sono di qualità la riuscita del piatto è assicurata.

Nello splendido weekend ad Agerola siamo tornate cariche di ingredienti locali, tipici e autoctoni, tra cui uno splendido Provolone del monaco.
Questo provolone è totalmente differente dal provolone dolce, viene stagionato ed ha un sapore unico, sapido e avvolgente.
E' un formaggio proveniente dai Monti Lattari. E’ su questo territorio che il Provolone viene prodotto dal 1700, quando, a causa dell’espansione urbana, diversi pastori furono costretti a spostarsi in quella che all’epoca era l’area agricola nei dintorni di Napoli. Molti pastori, con le loro famiglie, decisero di spostarsi, su questi monti, iniziando a sfruttare gli ampi pascoli incontaminati, producendo il pregiatissimo Provolone del Monaco
Il principale mercato per la vendita del provolone era Napoli e i pastori, coperti da pesanti mantelle, furono soprannominati “monaci” dai fantasiosi abitanti di Napoli. 
Da quel momento, i provoloni prodotti da quei pastori divennero per tutti “i provoloni del monaco”.

E con un ingrediente così pregiato non potevamo che abbinare un altro ingrediente altrettanto pregiato: il caffè.
Un abbinamento insolito, per un primo piatto di eccellenza.
Questa è la sfida che ci ha proposta Serena, carinissima ragazza che si occupa degli eventi e della gestione del negozio Minuto Caffè di Genova.
Creare una ricetta con il caffè monorigine Etiopia Sidamo.
Il caffè nasce proprio in questi luoghi e Serena mi ha rivelato tantissimi segreti sulla sua preparazione, tostatura e utilizzo.

Una ricetta dolce sarebbe stata banale, classica, quindi ci siamo buttati su un risotto.
Il sapido del provolone, la dolcezza del miele e l'amaro del caffè.

Risotto al provolone del monaco, miele di acacia e caffè

Ingredienti:
400 gr riso carnaroli
200 gr provolone a cubetti
una cipolla
un bicchiere di vino bianco
brodo di carne
miele di acacia
caffè Etiopia Sidamo

Esecuzione:
In un tegame scaldare il burro e soffriggervi la cipolla, a parte tostre il riso, dopo di che aggiungerlo al soffritto. Aggiungere il vino e sfumare, dopo di che continuare la cottura aggiungendo il brodo come per un normale risotto e far cuocere. Una volta che il risotto è a cottura, salare, pepare e mantecare con il formaggio a cubetti.

Lasciare riposare qualche minuto, e impiattare con sopra del miele e la polvere di caffè.




Commenti

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…