Passa ai contenuti principali

Risotto al provolone del monaco, miele di acacia e caffè


Quando gli ingredienti sono di qualità la riuscita del piatto è assicurata.

Nello splendido weekend ad Agerola siamo tornate cariche di ingredienti locali, tipici e autoctoni, tra cui uno splendido Provolone del monaco.
Questo provolone è totalmente differente dal provolone dolce, viene stagionato ed ha un sapore unico, sapido e avvolgente.
E' un formaggio proveniente dai Monti Lattari. E’ su questo territorio che il Provolone viene prodotto dal 1700, quando, a causa dell’espansione urbana, diversi pastori furono costretti a spostarsi in quella che all’epoca era l’area agricola nei dintorni di Napoli. Molti pastori, con le loro famiglie, decisero di spostarsi, su questi monti, iniziando a sfruttare gli ampi pascoli incontaminati, producendo il pregiatissimo Provolone del Monaco
Il principale mercato per la vendita del provolone era Napoli e i pastori, coperti da pesanti mantelle, furono soprannominati “monaci” dai fantasiosi abitanti di Napoli. 
Da quel momento, i provoloni prodotti da quei pastori divennero per tutti “i provoloni del monaco”.

E con un ingrediente così pregiato non potevamo che abbinare un altro ingrediente altrettanto pregiato: il caffè.
Un abbinamento insolito, per un primo piatto di eccellenza.
Questa è la sfida che ci ha proposta Serena, carinissima ragazza che si occupa degli eventi e della gestione del negozio Minuto Caffè di Genova.
Creare una ricetta con il caffè monorigine Etiopia Sidamo.
Il caffè nasce proprio in questi luoghi e Serena mi ha rivelato tantissimi segreti sulla sua preparazione, tostatura e utilizzo.

Una ricetta dolce sarebbe stata banale, classica, quindi ci siamo buttati su un risotto.
Il sapido del provolone, la dolcezza del miele e l'amaro del caffè.

Risotto al provolone del monaco, miele di acacia e caffè

Ingredienti:
400 gr riso carnaroli
200 gr provolone a cubetti
una cipolla
un bicchiere di vino bianco
brodo di carne
miele di acacia
caffè Etiopia Sidamo

Esecuzione:
In un tegame scaldare il burro e soffriggervi la cipolla, a parte tostre il riso, dopo di che aggiungerlo al soffritto. Aggiungere il vino e sfumare, dopo di che continuare la cottura aggiungendo il brodo come per un normale risotto e far cuocere. Una volta che il risotto è a cottura, salare, pepare e mantecare con il formaggio a cubetti.

Lasciare riposare qualche minuto, e impiattare con sopra del miele e la polvere di caffè.




Commenti

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…