Passa ai contenuti principali

Tagliatelle nere con sugo di pomodorini, stracciatella e bottarga


Ci sono certi piatti che sono parte intrinseca di una famiglia, tramandati in generazioni e modificati nel corso dei decenni, passando di mano in mano.

Sicuramente le tagliatelle sono uno di questi piatti.
Mia nonna Maria, tipica rzedora emiliana, conosceva bene e sapeva altrettanto bene preparare le tagliatelle.
"Bisogna vederci attraverso e stenderle in un'unica sfoglia"
Guai a tagliarle a pezzi e infilarle in quelle odiose macchinette tirapasta, mia nonna aveva un lungo mattarello e, come racconta mia padre, la pasta la faceva suonare, picchiandola sulla madia mentre lentamente, ma nemmeno troppo, diventava un lenzuolo.

E altrettanto bene la sfoglia la tira mio padre, mia mamma, Marta e io.
Chi la ama più sottile, chi la preferisce più spessa, ma comunque la pasta la si tira a mano, punto.

Per la Giornata Nazionale delle tagliatelle ho voluto variare leggermente sul tema, proponendole nere, grazie all'uso del nero di seppia al loro interno.
Il nero deve essere quello vero, non quello delle bustine, altrimenti le tagliatelle anzichè nere risulteranno grigiastre e prive di sapore.
E qui faccio incontrare l'arte emiliana con il Mar Ligure, mia terra natia.
Certo nonna, lo so, in queste non potrai vederci attraverso..

Ingredienti:
Per le tagliatelle:
300 gr farina 
3 sacche di nero di seppia
2 uova
acqua q.b.
Per il sugo:
una confezione di pelati da 400gr
bottarga
stracciatella pugliese
pinoli
aglio
olio di oliva extravergine
basilico
acciughe salate

Esecuzione:
Per prima cosa preparare la pasta, amalgamando tutti gli ingredienti e aggiungendo tanta acqua quanta ne serve per ottenere un impasto omogeneo.
Avvolgere nella pellicola e lasciare riposare mezz'oretta.
Nel frattempo preparare il sugo facendo soffriggere in olio di oliva extravergine l'aglio.
Aggiungere le acciughe salate, pulite e diliscate, e far sciogliere a fuoco basso.
Aggiungere i pinoli, far tostare ed infine unire i pelati.
Salare e continuare la cottura per una decina di minuti, giusto il tempo di far tirare il sugo.
Aggiungere qualche foglia di basilico e spegnere il fuoco.

Tirare la pasta con il mattarello dello spesso desiderato: io la tengo leggermente più spessa, ma va considerato il fatto che in cottura quest'ultima tende a gonfiare un poco.
Arrotolare la pasta su se stessa dal lato più lungo e tagliare a strisce.
Scrollare le strisce per permettere alla tagliatella di srotolarsi. 



Mettere una pentola di acqua sul fuoco e portare a bollore, gettarvi la pasta e cuocere poi minuti.
Scolare, saltare in padella con il sugo e impiattare, aggiungendo per ogni commensale la stracciatella e la bottarga secondo il proprio gusto personale




Commenti

  1. Chissà che piacere vedere la nonna tirare la sfoglia, uno spettacolo che non si dimentica facilmente e che resta nel cuore x sempre!
    Golosissima la tua variante al nero e succulento anche il sugo abbinato :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…