Passa ai contenuti principali

Il mio burger di ceci con peperoni e marmellata di pomodori per il Clib del 27


Questo è il periodo più bello per mangiare all'aperto, magari più tardi rispetto al solito, senza fiato corto e tempi stretti.
Questo è il momento in cui monopolizziamo, chi più chi meno, il terrazzo di Marta, invitando poi tutto il resto della famiglia.. Tanto mangiamo qualcosa di veloce, senza posate, senza piatti...

Cosa? Ma dei golosissimi burger.
Non li amiamo in qualsiasi versione e questo mese il Club del 27 ha pensato bene di farci rispolverare le vecchie ricette della sfida numero 49. I burger proposti sono uno più buono dell'altro e accontentano qualunque gusto.

Noi abbiamo scelto quelli de La Cucina Spontanea", blog di due sorella, proprio come il nostro, che sfoderano ricette una più invitante dell'altra.
 La ricetta prevede un burger a base di ceci e arricchito con peperoni e una golosissima marmellata di pomodori che ha rischiato di non arrivare manco in tavola da quanto è buona.
Sono talmente buoni che come contorno abbiamo optato per una semplice insalatina, per non distogliere l'attenzione da questo buonissimo panino.

Ingredienti 4 perone:

Per il buns (ricetta di Arianna):
250 gr di farina (00 e 1 o Manitoba al 50%)
130 gr di latte 
20 gr di burro 
10 gr di zucchero
5 gr di strutto (per chi non potesse sostituibile con il burro)
5 gr di sale
4 gr di lievito di birra fresco
1 cucchiaino di miele
1 uovo
un goccio di latte
Semi di lino

Per la polpetta:
230 gr di ceci
1 scalogno piccolo
1 carota
½ gambo di sedano
1 cucchiaino di paprika (noi abbiamo aggiunto anche curry cumino e coriandolo)

Per la marmellata di pomodori:
120g di pomodori oblunghi
30g di cipolla rossa
10g di zucchero di canna
1 cucchiaio di aceto
1 peperoncino piccolo
½ cm di zenzero fresco

200 gr di peperoni
8 fette di scamorza

Per i panini seguire la ricetta di Arianna riportata qui.

Per la marmellata di pomodori: 
Lavate i pomodori e fateli a tocchetti. Tritate finemente la cipolla. In un pentolino fate soffriggere la cipolla, dopodiché aggiungete il pomodoro e fatelo appassire. Aggiungete lo zucchero, il peperoncino tritato e lo zenzero grattugiato. Aggiustate di sale.
Fate andare a fuoco medio, aggiungendo acqua se necessario, fino a quando il pomodoro non si sarà ammorbidito. Sfumate con l’aceto a fine cottura. Per avere una salsa più omogenea frullate il tutto con l’aiuto del minipimer.

Per la polpetta: 
Tritate la carota, la cipolla ed il sedano e preparate un soffritto. Scaldate i ceci precotti in acqua leggermente salata. Scolateli e frullateli con il minipimer. Aggiungete alla purea di ceci il soffritto e mescolate bene. Aggiungete la paprika e il sale. Mescolate, dopodiché formate con l’aiuto di un coppa pasta le polpette. Infarinate le polpette con la farina.

Tagliate i peperoni a filetti e arrostiteli su una griglia ben calda. Una volta cotti, eliminate la buccia e conditeli con un filo d’olio e del sale.

Composizione del panino:
In una padella antiaderente, cuocete la polpetta di ceci, stando attenti perché molto morbida. Tagliate il pane a metà, stendete la salsa di pomodoro, adagiateci i peperoni arrostiti, le fette di scamorza ed infine la polpetta.





Con questa ricetta partecipo al Club del 27 con la tessera numero 47


Commenti

  1. avevo buttato l'occhio su questo hamburger, poi ho scelto altro ma deve essere veramente gustoso. Buone vacanze!

    RispondiElimina
  2. DELIZIA allo stato puro!!!!

    RispondiElimina
  3. Cenare in terrazza che meraviglia, soprattutto se in compagnia. Una serata hamburger poi è un must e sa di estate, di voglia di stare insieme, e tirare un po' tardi. Mi è piaciuta la vostra scelta da sorelle a sorelle. Buone vacanze!

    RispondiElimina
  4. Molto invitante, viene voglia di partecipare alla tavolata :)
    Sono tra le innumerevoli assenti, ma a settembre ci sarò.
    Buone vacanze

    RispondiElimina
  5. Ha un aspetto super goloso..gustosissimo anche il mix di sapori della farcia!

    RispondiElimina
  6. Proprio superimbottito questo panino. Vorrei essere sul vostro terrazzo a dargli un morso!

    RispondiElimina
  7. davvero delizioso! con abbinamenti insoliti , intriganti! da assaggiare prima possibile! Bravissima e buone vacanze!

    RispondiElimina
  8. Questa proposta vegetariana mi incuriosisce un sacco!! Bravissima!

    RispondiElimina
  9. Bello! Mi sa che te lo copio, se non c'e carne fa per me!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…