Passa ai contenuti principali

Friselle integrali



Il culto del pane e dei lievitati salati in genere me l'ha trasmessa mio padre.
La bontà dei grani, che danno un caratteristico sapore, gli oli, che ingentiliscono o rendono più piccante l'impasto, tutto per esaltare un cibo che sa di condivisione.
Oggi, per la giornata nazionale delle friselle, voglio proprio esaltare la condivisione, lo scambio di saperi, cosa che avviene anche oggi, come un tempo.
Anni fa le ricette si passavano su foglietti, scritti a mano velocemente e poi trascritti su libretti e ricettari.
Ora si passano via mail, per messaggio e.. Via web.
Questa ricetta me l'ha infatti data un'amica del web, Consuelo, dato il successo che ha riscosso in famiglia e tra gli amici, è diventata una ricetta personale, che rispolvero ogniqualvolta se ne trovi la necessità.
Un successo garantito.
Le friselle sono simili a un grosso tarallo, tagliato orizzontalmente e fatto biscottare.
Ne risulta un lievitato croccante, adatto ad essere leggermente inumidito e condito a piacere o gustato in purezza.
Di seguito la ricetta con le mie modifiche o semplificazioni, perchè Consuelo con i lievitati è una maestra.

Ingredienti:
500 gr di farina integrale macinata a pietra
250 gr di acqua (nella ricetta originale ve ne sono 350gr, ma io questi livelli di idratazione non riesco ancora a gestirli)
190 gr di lievito madre rinfrescato il giorno prima
50 gr di olio e.v.o.
15 gr di sale fino marino (nell'originale 8 gr)

Esecuzione:
Impastare tutti gli ingredienti con l'ausilio dal gancio impastatore nella planetaria fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Togliere dalla macchina, formare una palla e mettere in una ciotola, quindi sigillarla con pellicola trasparente.
Far lievitare per 3 ore in luogo caldo.
Rovesciare l'impasto sul piano di lavoro e dividere in pezzature da circa 100 gr. Dividere a loro volta a metà e formare due cordoncini. Sigillare le estremità per ottenere una ciambella e sovrapporle. Proseguire in questo modo per tutti i pezzi di pasta.
Adagiare le ciambelle ottenute su due teglie rivestite di carta da forno, avendo cura di distanziarle. 
Coprire con pellicola trasparente e far lievitare fino al raddoppio in un luogo caldo.
Cuocere le teglie in forno preriscaldato a 220°C per 15 minuti, poi portare la temperatura a 180°C e proseguire per altri 30 minuti.
Sfornare e tagliare subito le ciambelle a metà. 
Riporre sulla teglia con la parte tagliata rivolta verso l'alto e cuocere a 180°C per 15 minuti con lo sportello del forno leggermente aperto. 
Spegnere il forno e lasciarle raffreddare al suo interno lasciando lo sportello leggermente aperto. 
Una volta fredde, si conservano come i biscotti in una scatola di latta o un barattolo di vetro.
Finiscono troppo velocemente.

Commenti

  1. Sono davvero felice che questa ricetta sia entrata a far parte del tuo ricettario personale :-) è un vero onore ^_^
    Buona domenica e a presto <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…