Passa ai contenuti principali

La mia zuppa di farro castagne e funghi porcini per il club del 27



Autunno, cadono le foglie.
Nonostante il clima ancora mite gli alberi iniziano a tingersi di giallo, arancione, marrone.. A tratti anche di rosso.
Come a segnare il tempo che sta scorrendo, nonostante le temperature ricordino ancora, a tratti, quelle estive.

Ma presto il freddo arriverà e porterà con se i suoi frutti, i suoi piatti.
A breve sulle nostre tavole torneranno i brasati, le polente e.. Le zuppe.
Quelle zuppe che però piacciono anche a me, dense, corpose e saporite, come quella che ho scelto per questo mese tra le ricette del club del 27: Zuppa di farro con castagne e funghi.
Inizialmente le castagne in una zuppa mi hanno fatto storcere il naso, incuriosendomi allo stesso tempo.
Abbinamento super azzeccato, proprio la castagna dona equilibrio e la giusta densità.
Nella ricetta originale di Fabio il piatto viene servito direttamente all'interno di una pagnotta, io ho preferito gustarla al naturale, con un trito di rosmarino e un filo d'olio a crudo.


Ingredienti
250 g di farro decorticato
100 g di funghi porcini circa
15 castagne (marroni) grandi
olio evo
sale
1 pagnotta di pane piccola(da me omessa)
qualche foglia di alloro
rosmarino 

Procedimento
Seguire le istruzioni riportate sulla confezione per la cottura del farro. Io l'ho messo prima in ammollo per qualche ora, poi l'ho cotto per circa 45 minuti dal bollore dell'acqua fredda salata in cui l'avevo messo, dopo averlo sciacquato sotto l'acqua corrente. 
Nel frattempo in una padella fare saltare per qualche minuto con dell'olio extra vergine d'oliva i funghi porcini (freschi, se disponibili o congelati. Io ne avevo di congelati), salare e tenerli da parte.
In un altro tegame, cuocere le castagne. Privarle della buccia esterna con un coltellino, e riporle in un tegame con acqua fredda ed un pizzico di sale e fare cuocere per circa mezz'ora in maniera tale che almeno alcune si riescano a pulire ancora intere per la decorazione finale (le mie si sono rotte, ma questo non preclude il risultato finale). 
Privarle della pellicina e tenere da parte. Volendo, si possono insaporire con la classica foglia di alloro.
Quando mancano pochi minuti alla cottura del farro, aggiungere le castagne spezzettate grossolanamente ed i funghi e mescolare finché la zuppa non si sarà addensata. Per questo consiglio di regolarsi con l'acqua di cottura, eliminando l'eccesso e tenendolo da parte nel caso servisse per prolungare la cottura del farro.
Mentre la zuppa riposa un attimo, scalottare la pagnotta di pane, privarla della mollica interna e versarvi la zuppa. Decorare con 3 castagne intere e qualche foglia di alloro (io ho aggiunto il trito di rosmarino). 
Servire con un mestolo o un cucchiaio direttamente dalla pagnotta. Volendo, si possono fare anche delle monoporzioni con dei panini più piccoli, comunque in grado di contenere la zuppa. 
Anche riscaldata il giorno dopo è ottima, anzi, dopo il riposo tutti i sapori sono ancora più amalgamati.





Con questa ricetta partecipo al Club del 27 con la tessera 47


Commenti

  1. Questa sera sarebbe proprio il piatto adatto, con il vento che ulula fuori, la pioggia che cade...mi sembra quasi di sentirne l'odore!!

    RispondiElimina
  2. Deve essere squisita! Non l'avevo presa in considerazione invece, dopo aver visto la tua, la voglio provare :)
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  3. Mi immagino cosa può essere questa zuppa in una fredda giornata d'inverno!

    RispondiElimina
  4. Insolita e originale questa minestra. Un abbraccio e buona domenica.

    RispondiElimina
  5. Ideale per l’autunno . Ottima scelta

    RispondiElimina
  6. ohh, finalmente una zuppa... con questo tempaccio è quello che ci vuole! Aspetto molto invitante!

    RispondiElimina
  7. Devo dire che mi stupisce questa ricetta, da provare. Non l'avevo considerata tra le ricette da provare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…