Passa ai contenuti principali

Pizza con patate dolci e melanzane per Passiamole in rivista



Ho sempre amato le riviste di cucina.

Fin dai primi anni in cui è nata questa mia passione mi recavo tutti i mesi in edicola, a cadenza programmata, per acquistare le mie riviste preferite e magari provare quella che più mi aveva colpita.
Quelle foto, che facevano venire l'acquolina in bocca al solo guardarle, mi hanno sempre affascinata.

E lo fanno tutt'ora, siano esse pubblicate su una rivista o un blog.
Così quando mi si è presentata l'occasione di far parte di un gruppo che mensilmente e/o settimanalmente testava e proponeva ricette prese da riviste estere, mi si è illuminato il viso.
Passiamole in Rivista è proprio questo, un bellissimo progetto che vede un gruppo di blogger preparare piatti inusuali, tipici di una cucina non-italiana, ma non per questo meno strepitosa e deliziosa.

Quest'oggi il tema è "Green is the new black": ottimi piatti a base di vegetali, abbinati a deliziose spezie, erbe o formaggi.

Nel mio caso la rivista scelta è Food to love e le ricette sono una più buona dell'altra.

Le pizze senza glutine non sono mica tristi e insapori, anzi! 

Pizza con patate dolci e melanzane

Ingredienti:
farina di riso bianco,
2 basi per pizza senza glutine 
3 pomodori medi 
1 piccola patata dolce
1 spicchio d'aglio e schiacciato affettato sottilmente 
1 cipolla rossa media (io l'ho sostituita con del cipollotto fresco a fine cottura)
1 melanzana media, affettata sottilmente 
30 g di cheddar magro grattugiato grossolanamente
2 cucchiaini di semi di cumino 
100 g di yogurt greco
10 g di coriandolo fresco (da me omesso)

Esecuzione:  
Preriscaldare il forno a 220 ° C.
Dividere l'impasto in due. Rotolare ogni porzione formando una palla e stenderla formando un cerchio di diametro 20 cm - oppure come nel mio caso, mantenere l'impasto unico e stenderlo in lunghezza, formando una lingua di pasta.
Coprire e conservare fino a quando necessario.
Usare un piccolo coltello affilato per segnare la base dei pomodori con una croce.
Mettere i pomodori in un grande ciotola resistente al calore e coprire con acqua bollente. Lasciare riposare per 2 minuti.
Scolare dall'acqua e scartare le pelli e picciolo.
Rimettere i pomodori nella ciotola; usando uno schiacciapatate o una forchetta, schiacciare i pomodori.
 Metteteli in un setaccio o colino e lasciarli drenare l'acqua per una decina di minuti.
Aggiungere l'aglio al pomodoro e tenere da parte. 
Cuocere le patate dolci, le melanzane e la cipolla(da me sostituita dal cipollotto) su una griglia per 2 minuti da ogni lato o fino a doratura.
Distribuire il pomodoro sulla pizza, eliminando il liquido in eccesso lasciando un bordo di 1 cm. 
Aggiungere le verdure.
Distribuire i semi e il formaggio.
Cuocere le pizze per 20 minuti o 
fino a quando è croccante e dorato. 
Cospargere con coriandolo(nel mio caso cipollotto) e lo yogurt.




Con questa ricetta contribuisco a Passiamole in rivista
L'immagine può contenere: cibo

Commenti

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…