Passa ai contenuti principali

La mia pizza al piatto per il club del 27:Pizza con pomodorini confit, aglio, pinoli e basilico



Pizza?!? 
C'è qualcuno a questo mondo che al richiamo della pizza sa dire di no?
Io no di certo e se scoprite il modo di riuscirci fatemi un fischio perchè io potrei mangiarla tutti i giorni, alla faccia della dieta.
Semplice, semplicissima. Io la adoro nella sua forma più classica.
La mangio rigorosamente con le mani, ma taglio l'interno con la forchetta.. 
E voi? 

L'immagine può contenere: testo
Qui la soluzione


Questo mese il Club del 27 ha rispolverato alcune ricette della sfida n°58 dell'MTChallenge, riproponendo alcune delle varie ricette che più ci hanno fatto gola.

Io ho scelto quella di Vittoria, dai tipici ingredienti mediterranei, volti soprattutto a esaltare l'ottimo impasto, senza appesantirlo e sovrastarlo.
Pomodori confit, io ho usato dei San Marzano tagliati a fette, pinoli tostati, aglio  e basilico - ingredienti preferiti da noi liguri - e un ottimo olio extravergine di oliva.

Ingredienti
450 g di farina
250 ml di acqua
12 g di sale
1 g di lievito di birra

Procedimento
Misurare l’acqua, versarla in una ciotola, prelevarne una piccola quantità in due tazzine differenti: in una sciogliere il sale, nell’altra il lievito di birra.
Versare il contenuto con il lievito di birra nella ciotola con l’acqua e iniziare ad aggiungere gradualmente e lentamente la farina setacciata a parte, incorporandola man mano all’acqua, poi finita la farina aggiungere il sale sciolto in acqua, continuare ad amalgamare  fino a raggiungere il “punto di pasta”.
Il disciplinare dice che questa fase deve durare 10 minuti, a me è durata circa 5/6 minuti.
Ribaltare sul piano da lavoro e lavorare 20 minuti. Non sottovalutare questo tempo: è estremamente necessario per ottenere un impasto non appiccicoso, morbido ed elastico e una pizza soffice e asciutta.
Piegare e schiacciare ripetutamente, poi all’avvicinarsi dei 20 minuti l’impasto diventerà morbido e sempre più cedevole e infine avrà un aspetto setoso.
A questo punto riporlo in una ciotola di vetro o porcellana, coprire con pellicola e lasciar lievitare per 2 ore.
Procedere alla staglio a mano.  Il disciplinare consiglia di ottenere dei panetti da 300/350 g. ma dovendo utilizzare un forno casalingo io consiglio con queste dosi di ottenere 3, ma anche 4 panetti.
Riporli su un telo non infarinato, perché essendo un impasto ben incordato, non si attaccherà durante la lievitazione, e lasciar quindi lievitare per altre 4 ore.
Riscaldare il forno alla massima temperatura insieme alla teglia (per me la pietra refrattaria) che servirà per la cottura, senza mai aprire lo sportello.
Una volta che i panetti sono lievitati stenderne uno alla volta su un ripiano, stavolta va bene anche il legno, spolverato con farina di semola, senza usare il mattarello ma allargandolo con le mani, dal centro verso il bordo e poi, come fanno i pizzaioli veri, facendolo debordare roteandolo, in modo che avvenga un’estensione più delicata.
Cottura fornello-forno
Questo metodo di cottura produce immediatamente il classico cornicione alto tipico della pizza napoletana.
Scaldare il forno con la pietra refrattaria al suo interno alla massima temperatura.
Trasferirci il disco di pizza senza condire e lasciar cuocere per 2 minuti. 
Nel frattempo estrarre lo stampo  dal forno, trasferirci la pizza, condirla velocemente e lasciar cuocere in forno, nella parte più alta per 4/5 minuti e comunque finchè non risulti bella dorata.

Condimento
Olio extravergine di oliva

Sale
7-8 pomodorini piccadilly confit
zucchero
timo
un cucchiaio scarso di pinoli tostati in padella
qualche foglia di basilico
1 spicchio di aglio
Preparazione condimento:
Affettate i pomodorini in 4-5 fettine, metteteli in una teglia unta, spolverate di sale, zucchero e timo e infornate a 200° per una mezz'ora o finchè non saranno leggermente caramellati.
Cuocete la base in bianco sul fornello, poi condite con poco olio e sale e infornate.
Solo a fine cottura strofinate con lo spicchio di aglio (facoltativo), coprite con i pomodorini che avrete precedentemente preparato, i pinoli e il basilico. Ancora un filo di olio ed è pronta. 








Con questa ricetta partecipo al Club del 27 con la tessera n°47

Commenti

  1. Bella questa pizza ed il condimento non è per nulla scontato. Mi piace molto (forse perché anch'io sono ligure?!?! ;-)).
    Vado matta per la pizza anch'io e, come te, potrei mangiarla anche tutti i giorni.
    La mangio molto lentamente, perché me la gusto, prima la taglio in spicchi, di ciascuno spicchio mangio la parte interna e poi il cornicione con le mani.
    Per me la morte sua è con una bella media rossa doppio malto! eheheheh
    A presto

    RispondiElimina
  2. Slurp.......... golosissima, la doppia cottura che abbiamo imparato con Antonietta la trovo veramente perfetta per la cottura con il forno di casa specialmente quando si fanno più pizze e si continua ad aprire il forno
    Uno spicchio virtuale della tua pizza lo gusto volentieri 😋😘

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, a chi non piace la pizza? io l'adoro e sarei capace di mangiarla tutti i giorni

    RispondiElimina
  4. Con questi ottimi ingredienti la tua pizza è favolosa! Un abbraccio

    RispondiElimina
  5. Ti è lievitata in maniera meravigliosa...posso solo immaginare la bontà

    RispondiElimina
  6. Meravigliosa! Ottima scelta ^_^

    RispondiElimina
  7. L'idea dei pinoli mi piace proprio, da provare

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…