Passa ai contenuti principali

Mini mousse alla vaniglia e fragola con gelée alla mora e lampone..


Altra proposta per l'MTChallenge.. 
Con una base così fantastica non potevamo non proporre un'altra interpretazione del pan di spagna di Iginio Massari, ricetta proposta da Caris per la sfida di questo mese.

Questa volta la ricetta é a base di frutti rossi.
Iniziano a vedersi nei banchi dei fruttivendoli questi bellissimi fruttini, rossi, viola e blu.. 
E non potevo non prenderli!

La preparazione é totalmente differente da quella dello scorso post: abbiamo voluto sperimentare la tecnica del montaggio al contrario per creare delle mini mousse che all'interno racchiudessero un cuore di gelatina, così da ricercare le tre consistenza citate da Caris nella sua spiegazione.
Un soffice pan di spagna, una golosa mousse bicolore e una fresca gelée ai frutti di bosco.


Ingredienti:
Per la gelatina:
180 gr di more e lamponi
2 fogli di gelatina
50 gr zucchero
Per la mousse:
2 tuorli 
3 fogli di gelatina
100 ml latte
350 ml panna
70 gr zucchero
3 cucchiai di marmellata di fragole
1/2 bacello di vaniglia
Pan di spagna (ricetta già spiegata qui)

Esecuzione:
Il giorno precedente al consumo preparare la gelatina: ammollare in acqua fredda la gelatina; in un pentolino scaldare i frutti con lo zucchero, frullarli e unirvi la colla di pesce.
Mettere in stampini che permettano poi di sformare la gelée facilmente.
A parte preparare la mousse:
Mettere a bagno la colla di pesce in acqua fredda;
Far bollire il latte con il bacello di vaniglia;
a parte sbattere i tuorli con lo zucchero e unirvi il latte tiepido.
Mettere questo composto sul fuoco al minimo e cuocerlo per circa 10minuti di modo che gonfi.
Spegnere il fuoco, unirvi la colla di pesce strizzata e mescolare fino al completo scioglimento.
Fare raffreddare completamente.
Montare la panna fresca e unirvi il composto precedente.
Dividere in due parte ed in una metà aggiungervi la marmellata di fragole.
Assemblaggio al contrario:
Riporto fedelmente la spiegazione del post di Caris, io mi sono dovuta arrangiare con attrezzi di "fortuna" con avendo stampini a cerniera così piccoli.
"Occorrono un anello, dei fogli di acetato, qualche contenitore di alluminio usa e getta... 
Porre un foglio di acetato su un vassoio piatto. Posate l’anello sul piatto e ricoprite i bordi o con delle bande apposite o ritagliando strisce di acetato. Fare un primo strato con la mousse alla vaniglia di circa un cm. 
Se la mousse è molto morbida, porre in freezer per circa 10-15 minuti. 
Aggiungete un disco di gelée di diametro inferiore di un paio di cm a quello dell’anello. 
Aggiungere un altro strato di mousse, questa volta alla fragole e terminare con il pan di spagna, anch'esso di diametro inferiore alla torta.
 Porre in congelatore per almeno qualche ora, rovesciare la torta sul piatto di portata, togliere i bordi di acetati e decorare con frutti rossi.






Con questa ricetta partecipo all'Mtchallenge n°47





Commenti

  1. Avete sempre delle idee geniali e sapete interpretare le ricette in un modo eccezionale e originale..complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sei tu che sei troppo gentile!! ;)
      Un abbraccio e buon w.e. tesoro!!

      Elimina
  2. Ma quanto vi è venuto bello! prendo subito la foto della monoporzione tagliata perché l'interno buca lo schermo! Una monoporzione normalmente mi fa andare in brodo di giuggiole perché la trovo sempre molto elegante! qui poi ha la marcia in più del vostro delizioso abbinamento! E il montaggio al contrario, pur fatto con mezzi di fortuna, è venuto benissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi adoriamo monoporzioni e finger food!
      E i frutti rossi nei dolci ci piacciono sempre, è l'ingrediente che ci mette sempre d'accordo!
      Per il montaggio al contrario, abbiamo tenuto le dita incrociate fino all'ultimo!! ;)

      Elimina
  3. Veramente bellissima questa monoporzione,..uno spettacolo!!
    GRAZIA
    http://atavolaconmammazan.blospot.com

    RispondiElimina
  4. Confermo: la foto della fetta fa venir voglia di affondarci il cucchiaino dentro! Del resto, i frutti rossi fanno bene, no?...Quindi, lo farei senza grossi sensi di colpa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, anche noi lo diciamo sempre...!! Frutti rossi e benefici, quindi approfittiamone!! ;)
      Grazie cara, sei davvero gentile!

      Elimina
  5. Che ricetta meravigliosa, affondo il mio cucchiaino in cotanta meraviglia e vi faccio i miei complimenti vivissimi per questa idea pazzesca. Vado subito a inserirvi nel mio blogroll perchè non posso più fare a meno delle vostre strepitose ricette.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che carinaaa!!! Anche noi ti seguiamo assiduamente, lo sai!! ;)
      Grazie per i complimenti! ^_^

      Elimina
  6. Queste monoporzioni sono uno spettacolo!!! La fetta tagliata fa veramente venire l'acquolina in bocca!!!! Versione davvero originale!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!! Sei gentilissima, siamo felici ti piaccia la nostra versione!! ^_^

      Elimina
  7. Che meraviglia... me la stavo perdendo!!!
    Bravissima, mi piace un sacco la versione "mignon" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei gentilissima cara!
      Noi adoriamo le monoporzioni e se riusciamo optiamo spesso per questa versione... Così ne mangi due, tanto sono mignon! :P

      Elimina
  8. ma che goloso!! amo i tortini così!
    e poi è davvero bello
    bravissima
    buon we XL

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, siamo felici ti sia piaciuta la nostra interpretazione! ;)

      Elimina
  9. Mamma mia irresistibile!!! :)
    Ciao, vorrei aggiungermi come follower (non nelle cerchie) sperando che vorrai ricambiare ma non so come fare nel tuo blog :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Sei gentilissima...!
      Per diventare follower, cerco di risolvere il problema!! ^_^

      Elimina
  10. ma che brave....meravigliose, se potessi sarei già davanti alla vostra porta di casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e noi saremmo già con la porta aperta ad aspettarti!
      Smack
      ^_^

      Elimina
  11. ma io vi lovvo!!!
    cittdinanza ad honorem,all'mtc,perchè siete le sfidanti ideali!.Sempre in ricerca,sempre entusiaste- e sempre più brave!
    Troppo felice, di avervi in squadra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, Ale, ci fai arrossire!!
      Siamo noi felicissime di far parte di questa fantastica sfida mensile e di questa super avventura!
      Un grande abbraccio!

      Elimina
  12. Mi sto letteralmente sciogliendo, anzi scioglievolendo sulla sedia!!! Poi mi piacciono le monoporzioni, perchè così ogniuno si mangia la sua sua perfettamente integra!!!
    Un abbracciotto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a noi piacciono tanto! Sono chic e tanto carine! ^_^
      Grazie carissima! Un abbraccio

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…