Passa ai contenuti principali

Beignets di New Orleans



Non ho mai amato particolarmente il carnevale.
Non mi è mia piaciuto travestirmi, forse perchè non mi ha mai intrigato il pensiero di fingermi altro.
In realtà il carnevale è anche altro. 
Il suo significato etimologico significa levare la carne, associandolo al fatto che precede l'inizio della Quaresima cattolica.
Ma ciò che più mi piace dell'idea del carnevale è che in passato, durante questa festa, il servo poteva, anche se solo simbolicamente, diventare padrone.
E' come fantasticare, almeno per un momento.

Ciò che invece ho sempre adorato del carnevale sono i dolci, soprattutto quelli fritti.
La frittura è una delle preparazioni che prediligo, chi mi conosce lo sa. E se in questo periodo ho pure la scusante allo sfrigolio nella cucina... Chi mi ferma più?

Questa ricetta è la proposta di questo mese di Recake: i Beignets di New Orleans.
Piccoli quadrotti di pasta lievitata, supersoffici e al sapore di limone e vaniglia.
Nascono per essere gustati in purezza, senza farcitura, ma io li ho arricchiti con una farcia al limone, fresca e delicata.
Da provare in entrambe le versioni, ripieni o no, uno tira l'altro!

Ingredienti
Per i beignets:
190 ml di acqua tiepida
3 g di lievito di birra disidratao
60 g di zucchero semolato
125 ml di latte tiepido
1 uovo
1/2 cucchiaino di sale
480-500 g di farina 00
45 g di burro fuso
1 cucchiaino di estratto di vaniglia e/o scorza di limone grattugiata
1 litro di olio di semi per friggere
Zucchero a velo per spolverare

Per la crema al limone:
250 gr di acqua
150 gr di zucchero
50 gr di succo di limone
50 gr di amido di mais
50 gr di burro
buccia di 1 limone

Esecuzione
Per la crema:
Mescolare la buccia del limone con l'amido di mais e lo zucchero.
A parte mescolare l'acqua con il succo di limone.
Sciogliervi il mix di polveri all'interno e portare a bollore sul fuoco, mescolando continuamente per evitare la formazione di grumi.
Appena la crema inizierà ad addensarsi togliere dal fuoco e far raffreddare leggermente.
Aggiungere il burro e mescolare con la frusta per fare amalgamare bene la crema. Far raffreddare e tenere da parte.
Per i beignets:
Mettere il lievito e lo zucchero nella ciotola della planetaria e scioglierli aggiungendo l’acqua. Fare riposare per cinque minuti.
Mescolare insieme il latte, l’uovo leggermente sbattuto, la vaniglia e/o la scorza di limone e il sale. Aggiungere il tutto nella ciotola col lievito e mescolare.
Unire metà della farina e iniziare a lavorare l’impasto con la foglia a velocità media.
Unire il burro fuso freddo.
Aggiungere la farina restante e impastare con il gancio fino a ottenere un panetto liscio e bello lucido.
Mettere l’impasto in una ciotola unta con poco burro e coperta con pellicola e lasciare lievitare in luogo caldo per un paio d’ore o finché non sarà raddoppiato di volume.
Riscaldare l’olio in una casseruola profonda e capiente e portarlo a 185-190 gradi.
Riprendere l’impasto e stenderlo su un piano di lavoro leggermente infarinato, formando un rettangolo dello spessore di circa 1/2 cm. Tagliare l’impasto in quadrati di 5-6 cm di lato (anche 3×3, se si desidera farli più piccolini).
Friggere pochi quadrati alla volta, finché saranno gonfi e dorati (saranno necessari un paio di minuti per lato). Scolarli su un foglio di carta assorbente per rimuovere l’olio in eccesso.
Prima di servirli, spolverizzarli con abbondante zucchero a velo.





Con questa ricetta partecipo al Recake del mese di Febbraio
Nessuna descrizione della foto disponibile.

Commenti

  1. Anch'io non ho mai amato il carnevale.
    Non mi piaceva travestirmi da altro: primo perché mi mancavano le idee, secondo perché poi una volta travestita pativo il freddo, terzo perché durante le sfilate dei carri il rumore dei tamburi mi rimbombava dritto nello stomaco e quarto perché gli scherzi (dalle fialette puzzolenti ai petardi) li pativo molto. Insomma...mi pare di avere un po' di argomenti :-D.
    Questi bignet, invece no, fanno moltissima gola!!! :-D

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…