Passa ai contenuti principali

La baguette: il mio pane dei ricordi


Se dovessi scegliere un pane che mi rappresenti, certamente sceglierei la baguette.
No, non per la sua silhouette, ma per i ricordi che mi porta questo tipo di pane.
Per la mia famiglia era infatti il pane rappresentativo delle nostre vacanze in Corsica: quando si stava in spiaggia si mangiava "baguette et jambon"! E che litigate con mia sorella per accaparrarsi la punta finale, quella super croccante... Fortuna che la baguette ne ha due e mia mamma riusciva facilmente a sedare le nostre azzuffate!

Quando ho visto che oggi sarebbe stata la Giornata Nazionale del Pane, per la Voce degli Altri, ho voluto partecipare con un pane per me rappresentativo, delle vacanze, del mare, del sole e dei bei ricordi tra amici: la baguette corse.
Mi sono affidata alle ricette del web e ho cercato di fare un mix tra quella di Bonci (dove il lievito è pochissimo e mi intimoriva un po') e un'altra, in cui la parte lievitante era nettamente maggiore.
Il risultato è stato super e forse per questo devo anche ringraziare il mio fantastico forno.

Ingredienti:
Per il poolish
200 g di farina  
200 ml di acqua
1 g di lievito secco

Per l'impasto:
Poolish
800 g di farina 
400 ml di acqua
6 g di lievito secco
20 g di sale


Esecuzione:
Per il poolish:
Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida.
Aggiungere la farina e impastare.
Lasciare lievitare per 16-18 ore a una temperatura di circa 18 gradi.

Per l'impasto:
Iniziare ad impastare il poolish con la farina, il lievito e l’80% di acqua. A metà impasto aggiungere la rimanente acqua e il sale.
Mettere a lievitare per un'ora in una ciotola precedentemente oliata, trascorso il tempo, fare un giro di pieghe a tre, e far lievitare altri 45 minuti, dopo di  che, dividere l'impasto in 5 panetti da 330 g e fare la preforma, aspettare altri 20 minuti e dare la forma finale, allungando il panetto di circa 60 cm.
Metterle a lievitare su un telo, curando di metterle una a fianco all'altra ben strette, separate dal telo piegato per circa 60/90 minuti. Le baguette devono essere coperte.
Disporre le baguette su una teglia, fare 4-5 taglietti con la lametta e  infornare a 240°-250° con forno statico, abbassare subito a 220° e cuocere per 20-25 minuti mettendo sul fondo del forno una ciotola con dell'acqua.

Sfornare e far raffreddare le baguette su una griglia.





Anche il Calendario del cibo italiano psi unisce con entusiasmo alla grande raccolta panosa che Zorra  organizza ogni anno in occasione del World bread day per celebrare il più semplice ma nel contempo più popolare cibo che abbraccia ed unisce tutto il mondo nel suo inconfondibile e fragrante profumo.


Commenti

  1. se tu ringrazi il tuo fantastico forno, io ringrazio invece te, che hai fatto una baguette superba, degna di una vera boulangerie francese! Bellissima, davvero, sa di scrocchioloso e anch'io litigherei con qualcuno per accapparrarmi l'estremità croccante. Foto meravigliose: sento nell'aria profumo di baguette..... Ciao :*

    RispondiElimina
  2. wow! Ha un aspetto davvero stupendo!! Anch'io adoro questo pane ma non sono ancora riuscita a realizzarlo come dico io...con il lievito madre ho fatto vari tentativi ma non demordo ^_*
    Voi siete state bravissime ed il risultato è eccezionale :-) Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Ma che ammirazione profondissima per una che fa la baguette !! L'adoro...con la marmellata ma anche con uno stratto bello alto di un buon pate' rustico. Ci sta eh 😊 bravissima!

    RispondiElimina
  4. Buonissime!!! Sei stata davvero super brava. Davvero, per me questo é uno dei pani più difficili da replicare a casa e il tuo per me é riuscito perfettamente... Posso averne una?!!!

    RispondiElimina
  5. baguette meravigliosa!!! Chapeau! Pensa che io le faccio con il metodo dell'autolisi che nel primo impasto nemmeno lo mette il lievito ;) Il tuo lo proverò sicuramente!!! Grazie

    RispondiElimina
  6. Non saprei proprio quale pane potrebbe rappresentarmi, però il vostro me lo mangerei subitisssssimo!!!

    RispondiElimina
  7. Looks delicious! Grazie per la tua partecipazione al Giorno Mondiale del Pane.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

I miei noodles di riso con gamberi, arachidi e verdure per il Club del 27

Cucinare per se stessi. Io non lo faccio mai. Ed invece è il più grande regalo che possiamo farci, perchè è tempo speso unicamente per noi. La preparazione, e non solo la degustazione, sono del tempo che diamo a noi stessi, sempre presi dalla routine e, perchè no, dai gusti di tutti. Perchè in una famiglia si cerca di preparare una cosa sola, che accontenti tutti i palati, ma a volte cucinare ciò che più ci piace può essere per uno fonte di appagamento e tranquillità. Questo mese il Club del 27 ha pensato a una serie di piatti adatti a chiunque voglia coccolarsi, dal salato al dolce. Ho scelto una ricetta un po' esotica, speziata, con gamberi e verdure, abbinamento che adoro. La ricetta, come tutte le altre proposte, provengono dal libro "SOLO" di  Signe Johansen e in ognuna l'autore da consigli su come variare e modificare secondo il proprio gusto le preparazioni. Ecco quindi la mia versione di " Prawn, lime, peanut and herb rice nood