Passa ai contenuti principali

La baguette: il mio pane dei ricordi


Se dovessi scegliere un pane che mi rappresenti, certamente sceglierei la baguette.
No, non per la sua silhouette, ma per i ricordi che mi porta questo tipo di pane.
Per la mia famiglia era infatti il pane rappresentativo delle nostre vacanze in Corsica: quando si stava in spiaggia si mangiava "baguette et jambon"! E che litigate con mia sorella per accaparrarsi la punta finale, quella super croccante... Fortuna che la baguette ne ha due e mia mamma riusciva facilmente a sedare le nostre azzuffate!

Quando ho visto che oggi sarebbe stata la Giornata Nazionale del Pane, per la Voce degli Altri, ho voluto partecipare con un pane per me rappresentativo, delle vacanze, del mare, del sole e dei bei ricordi tra amici: la baguette corse.
Mi sono affidata alle ricette del web e ho cercato di fare un mix tra quella di Bonci (dove il lievito è pochissimo e mi intimoriva un po') e un'altra, in cui la parte lievitante era nettamente maggiore.
Il risultato è stato super e forse per questo devo anche ringraziare il mio fantastico forno.

Ingredienti:
Per il poolish
200 g di farina  
200 ml di acqua
1 g di lievito secco

Per l'impasto:
Poolish
800 g di farina 
400 ml di acqua
6 g di lievito secco
20 g di sale


Esecuzione:
Per il poolish:
Sciogliere il lievito nell’acqua tiepida.
Aggiungere la farina e impastare.
Lasciare lievitare per 16-18 ore a una temperatura di circa 18 gradi.

Per l'impasto:
Iniziare ad impastare il poolish con la farina, il lievito e l’80% di acqua. A metà impasto aggiungere la rimanente acqua e il sale.
Mettere a lievitare per un'ora in una ciotola precedentemente oliata, trascorso il tempo, fare un giro di pieghe a tre, e far lievitare altri 45 minuti, dopo di  che, dividere l'impasto in 5 panetti da 330 g e fare la preforma, aspettare altri 20 minuti e dare la forma finale, allungando il panetto di circa 60 cm.
Metterle a lievitare su un telo, curando di metterle una a fianco all'altra ben strette, separate dal telo piegato per circa 60/90 minuti. Le baguette devono essere coperte.
Disporre le baguette su una teglia, fare 4-5 taglietti con la lametta e  infornare a 240°-250° con forno statico, abbassare subito a 220° e cuocere per 20-25 minuti mettendo sul fondo del forno una ciotola con dell'acqua.

Sfornare e far raffreddare le baguette su una griglia.





Anche il Calendario del cibo italiano psi unisce con entusiasmo alla grande raccolta panosa che Zorra  organizza ogni anno in occasione del World bread day per celebrare il più semplice ma nel contempo più popolare cibo che abbraccia ed unisce tutto il mondo nel suo inconfondibile e fragrante profumo.


Commenti

  1. se tu ringrazi il tuo fantastico forno, io ringrazio invece te, che hai fatto una baguette superba, degna di una vera boulangerie francese! Bellissima, davvero, sa di scrocchioloso e anch'io litigherei con qualcuno per accapparrarmi l'estremità croccante. Foto meravigliose: sento nell'aria profumo di baguette..... Ciao :*

    RispondiElimina
  2. wow! Ha un aspetto davvero stupendo!! Anch'io adoro questo pane ma non sono ancora riuscita a realizzarlo come dico io...con il lievito madre ho fatto vari tentativi ma non demordo ^_*
    Voi siete state bravissime ed il risultato è eccezionale :-) Complimenti!

    RispondiElimina
  3. Ma che ammirazione profondissima per una che fa la baguette !! L'adoro...con la marmellata ma anche con uno stratto bello alto di un buon pate' rustico. Ci sta eh 😊 bravissima!

    RispondiElimina
  4. Buonissime!!! Sei stata davvero super brava. Davvero, per me questo é uno dei pani più difficili da replicare a casa e il tuo per me é riuscito perfettamente... Posso averne una?!!!

    RispondiElimina
  5. baguette meravigliosa!!! Chapeau! Pensa che io le faccio con il metodo dell'autolisi che nel primo impasto nemmeno lo mette il lievito ;) Il tuo lo proverò sicuramente!!! Grazie

    RispondiElimina
  6. Non saprei proprio quale pane potrebbe rappresentarmi, però il vostro me lo mangerei subitisssssimo!!!

    RispondiElimina
  7. Looks delicious! Grazie per la tua partecipazione al Giorno Mondiale del Pane.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…