Passa ai contenuti principali

Auguri e Hot Cross Buns


Auguri di buona Pasqua e felice Pasquetta!
Festa, famiglia e amicizie solide riempiono per me questi giorni di vacanza..
E, lo ammetto, anche cibi e piatti di ogni origine e tradizione..
Come ogni anno, a grande richiesta di mia sorella, non é mancata la Pastiera Napoletana..
Mi sono cimentata, con grandi risultati nella colomba, ma avendo sempre manie di abbondanza in ripieni e farciture, la glassa é colata qua e là e ho deciso, con disappunto sempre di mia sorella, di evitare foto, almeno per questa volta..
E così abbiamo accolto altre tradizioni, altre usanze, provenienti da oltre manica..

Gli Hot Cross Buns.
Questi panini dolci britannici sono tipici del periodo pasquale, in particolare del Venerdì Santo.
Essi non vengono incisi con il coltello in superficie, ma viene disegnata sulla sommità una croce a base di farina e acqua, segno di benedizione e di cristianità.
Vi sono inoltre superstizioni legate a questi buns: una di esse narra che diviso con un amico, questo dolce panino conserverebbe l'amicizia per tutto l'anno.
E in segno di belle, fantastiche amicizie, che negli anni accompagnano le nostre feste, ho deciso di prepararli. 
Sono bellissimi a vedersi e molto speziati.

Ingredienti:
500 gr farina
300 ml latte
1 uovo
80 gr zucchero
55 gr burro
1 bustina lievito di birra secco
1 pizzico di sale
mezza noce moscata
un cucchiaino di cannella 
buccia di arancia, mandarino e limone grattuggiata
50 gr uvetta(sultanina e verde) e albicocche essiccate
30 gr mela disidratata
per la glassa:
2 cucchiai di farina e poca acqua
marmellata di albicocche

Esecuzione:
Scaldare il latte fino a renderlo tiepido, aggiungere il burro e farlo sciogliere.
Mescolare la farina con il lievito, l'uovo sbattuto, lo zucchero e le spezie e il mix di bucce grattuggiate.
Unire a questo composto il latte.
Lavorare fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Lasciare lievitare un'ora, riprendere l'impasto ed aggiungervi la frutta disidratata mista.
Dividere in 16 palline e disporle in una teglia rettangolare.
Lasciare riposare mezz'ora e nel frattempo preparare la glassa con farina acqua e aroma di arancia.
Con questa glassa formare una croce su ogni bun e infornare a 200° per una decina di minuti.
Sfornare e glassare con marmellata di albicocche scaldata in un pentolino.
 



Commenti

  1. Che bella la vostra Pasqua, tradizionale ma non solo!! I dolci non vi sono di certo mancati! Questi hot cross buns ci affascinano da tempo...che dite, li proviamo anche se la Pasqua è già trascorsa?
    Sono bellissimi complimenti !
    Felice Pasquetta!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, la bilancia non sarà contenta! ;)
      Provateli care, anche se la pasqua è trascorsa! Sono buonissimi anche come semplice panino per la colazione!
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Ma ciaoooooo!! Io passo in ritado, ma assaggio volentieri un hot cross bun! I miei tra poco arriveranno sul blog, nei prossimi giorni. Io la mela non ce l'ho messa, splendida idea!! Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serviti pure, cara! ^_^
      aspetto la tua versione, sono curiosa!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Voglio provarli anch'iooooo!!!! :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provali, sono buonissimi e morbidi.. Fino a due giorni conservano comunque una certa morbidezza e si possono riscaldare, per ridare fragranza, in un fornetto!
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Che meraviglia, bravissime!!! Sembrano dipinti, con i dolci siete proprio delle campionesse!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, auguri!
      Sai che per i dolci io ho un debole, sono quello che più mi rilassa e mi da soddisfazione!
      Felice che ti piacciano!
      Smack

      Elimina
  5. Auguri in ritardo..sono stati giorni molto difficili..
    Grazie x le parole che hai lasciato da me <3<3<3
    A presto con il solito sorriso (spero) <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro spero di risentiti presto con il sorriso di sempre!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Cara sono bellissimi!!!!! Ti sono venuti uno spettacolo!!! :) Super soffici...te ne rubo un paio e ti mando un bacio! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!
      Si sono conservati morbidi per più giorni e lo speziato con la marmellata di albicocca è super!
      Ruba, ruba!! ;)
      Un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…