Passa ai contenuti principali

Mini brisé con crema alla ricotta alle erbette, pomodorini e feta


Ed eccoci con l'ormai consueto appuntamento del mese: l'MTChallenge.
Questo mese Flavia, vincitrice della scorsa sfida ci ha fatto sfoderare spianatoie e mattarelli, invitandoci a dare la nostra versione della torta salata. Filo comune: la pasta brisé di Michel Roux.
Noi adoriamo le torte salate, quindi non potevamo che essere felici della scelta fatta dalla cara Flavia.

Come prima versione abbiamo deciso di proporre una versione "mini" adatta come aperitivo o come antipasto.
I sapori sono quelli del bacino del Mediterraneo: erbette e spezie, tra cui timo, origano, noce moscata..
I pomodorini, elemento essenziale della cucina italiana, per poisbarcare in Grecia, spolverando il tutto di feta sbriciolata.



Ingredienti:
Pasta Brisé Michel Roux(io ho utilizzato mezza dose):
250 g di farina

150 g di burro morbido

1 cucchiaino di sale

Un pizzico di zucchero

1 uovo

1 cucchiaio di latte freddo
 Ripieno:
250gr ricotta
2 uova
70 gr parmigiano reggiano
mix di erbette e spezie miste(per noi timo, aglio, pepe, noce moscata, origano, sale, il tutto tritato insieme)
8 pomodorini
50 gr feta greca
sale q.b.

Esecuzione:
Preparare innanzitutto la pasta brisé come sapientemente indicato nel post di Flavia:

Versare la farina a fontana sul piano di lavoro. 
Mettere al centro il burro, il sale, lo zucchero e l’uovo, poi mescolarli e lavorarli.

Incorporare piano piano la farina, lavorando delicatamente l’impasto finché assume una consistenza grumosa.

Aggiungere il latte e incorporarlo delicatamente con la punta delle dita finché l’impasto comincia  a stare insieme.

Lavorare l'impasto finché non diventa liscio. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla in frigo fino all’uso.
Ecco la foto dell'impasto prima di essere steso:


Stenderla, copparla con dei coppapasta rotondi e disporli in degli stampini di 5 cm di diametro imburrati ed infarinati.
Inizialmente partire dalla cottura in bianco, a 180°, disponendo sopra ogni base un foglio di carta forno e dei ceci secchi.
Una volta che l'impasto inizia a colorarsi togliere i pesi, continuare la cottura per altri 5 minuti circa e sfornare.
Nel frattempo preparare il ripieno mescolando tutti gli ingredienti ad esclusione della feta e dei pomodorini.
Regolare di sale e riempire le tartellette con questo ripieno; pozionare su ciascuna di esse mezzo pomodorino e infornare nuovamente per 20 minuti, fino a che l'impasto non comincia a colorarsi e il pomdorino ad appassire.
Sfornare e lasciare raffreddare completamente.
Sbriciolare su ogni tartelletta la feta e guarnire con un pizzico di origano.









Con questa ricetta partecipo all'MTC n. 46
http://www.mtchallenge.it/2015/03/mtcn-46la-ricetta-dellasfida-di-marzo.html

 

Commenti

  1. Mamma che goduria dico ma anche tu...posti queste cose a quest'ora??!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh.. Hai ragione.. Mea culpa!! ;)
      Un abbraccione

      Elimina
  2. Un'idea veramente carina per come dici tu un aperitivo (e che aperitivo!!!), dai sapori cosi Mediterranei che ci portano verso la bella stagione, hai dato quella spinta in più con la feta e la dolcezza dei pomodorini e con il magnifico profummo delle erbe! Complimenti, Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo bisogno di pensare un po' all'estate con queste giornate uggiose!!
      Grazie cara, sono contenta che ti sia piaciuta questa versione!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Tu sai che io ho un debole per pomodorini e feta... queste tartellette sono da svenire... calcola che mancano venti minuti all'una... ho fame praticamente dalle 9..., ecco, lo sapevo che era meglio non venire a quest'ora! Siete bravissime! Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbiamo un debole entrambe per questi due ingredienti.. Soprattutto d'estate sono un classico nella mia cucina!
      Dovevi venire direttamente a casa nostra e prendertene due o tre per il pranzo!! ;)
      Un abbraccio tesorina!!

      Elimina
  4. Bella proposta in monoporzione.
    Complimenti
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, siamo felici ti piaccia la nostra versione "mini"!!
      Un abbracciotto

      Elimina
  5. Bellissime queste tartellette, adoro le monoporzioni... e tanto gustose, perfette con la feta!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara! Anche noi preferiamo le monoporzioni.. Piccone sono più carine!! ^_^

      Elimina
  6. Sono un'amante delle torte salate... ma queste in versione finger sono straordinarie!
    Spettacolari!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro! Anche noi le adoriamo, con qualsiasi base e qualsiasi ripieno...!
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. Devono essere squisite, ottima interpretazione ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, qui sono state un successo.. sono piccole, si mangiano in due bocconi e una tira l'altra!! :)

      Elimina
  8. No ma, cioè, sono fantastiche!!!!!! Bravissima, hai unito dei sapori che insieme fanno Booooom! Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro.. Diciamo che sogno l'estate e la metto tutta nelle mie tartellette!! :D
      Un abbraccio!

      Elimina
  9. delizioso aperitivo! gli stuzzichino sono i miei preferiti, chissà che profumi! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi adoriamo gli stuzzichini, per mangiare tante cosine, tutte gustosissime!! ;)

      Elimina
  10. Che belline in formato monoporzione ! perfette per la stagione a venire

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, io ormai sono già proiettata verso la stagione calda!! ;)
      Grazie cara!

      Elimina
  11. Cosa dirvi!!!! Vi adoro perchè mi postate ricette superlative, ma vi odio, perchè mi mettete una fame!!!!!
    Ma non smettete vi prego, in certe casi adoro farmi del male!!!
    Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, cara mi fai morire...! ;D
      E non potevi farci complimento più bello!!
      Ti abbraccio! :)

      Elimina
  12. Piccole e sfiziosissime, da mangiare una dopo l'altra, come le ciliegie.
    E poi il ripieno così morbido e profumato...e la feta...con cui io andrei avanti a vita... totalmente conquistata, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, come sei carina! Anche noi abbiamo un debole per la d'età, si presta a un sacco di preparazioni! ;)
      Grazie mille! Un abbraccio

      Elimina
  13. L'espressione della mediterraneità , le vostre tartine profumano di buono e di casa.
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, abbiamo voluto inserire ingredienti che sentivamo particolarmente nostri! ;)
      Felice che ti piaccia!

      Elimina
  14. Questo ripieno, così feesco ed aromatico, mi attira moltissimo e lo proverò. Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!! Se lo provi facci sapere, siamo contente ti piaccia questa ricetta!! :D

      Elimina
  15. Oggi è il primi giorno di primavera, ma qui si respira già aria d'estate! Sono deliziose, queste mini torte, sia nell'aspetto che nella combinazione degli ingredienti: un piccolo scrigno dove si danno appuntamento tanti gusti (l'acido, il dolce, il sapido e chissà che non ci sia anche una punta di amaro, nellacombinazione di erbe), in una combinazione equilibrata ed elegantissima. Un must per gli aperitivi in terrazza, mi sa.. bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, noi ci siamo già catapultate nell'estate.. L'aria di primavera ci fa pensare già alla spiaggia, ai pranzi sotto l'ombrellone e alle feste sul terrazzo!!
      Siamo davvero contente che ti piaccia questa interpretazione...!! Un abbraccio

      Elimina
  16. Veramente appetitosi questi stuzzichini aperitivosi!
    grazie per l'idea e in bocca al lupo per la sfida!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie a te dei bei complimenti!! Gentilissima!!
      Un abbraccio!

      Elimina
  17. Che tripudio di sapori e profumi mediterranei!!!! Adoro la feta e le erbe aromatiche...non posso che adorare codifica queste vostre meravigliose tortine!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara... Abbiamo gusti simili allora, anche noi adoriamo erbette e spezie e la feta è un ingrediente che si presta a numerose preparazioni..! Felici di sapere di aver incontrato i tuoi gusti!!
      Un abbraccio!

      Elimina
  18. adoro la paste brisèe per la sua versatilità in cucina, con questo ripieno sono una vera tentazione!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piaccio tanto le basi salate.. Ogni ripieno le esalta e le arricchisce!
      Sono contenta ti piaccia questo tipo di ripieno.. A me la feta e le erbette aromatiche fanno impazzire! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  19. Che spettacolo questa brisee!!!! Il ripieno è una favola!! Complimenti!!!!!

    RispondiElimina
  20. Cielo che visione!!!!! Credo dovrò passare con maggiore frequenza a farvi visita, perché sapete deliziare in un modo irresistibile. Bravissime ragazze!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che tenera sei?!? Grazie per gli splendidi complimenti..!
      Passa a trovarci quando vuoi, a noi fa piacerissimo!!!
      Un abbraccio cara!

      Elimina
  21. Ma che belle! Devono essere anche super buonissime! Sarebbe giusto il momento di assaggiarne una! Me la offri?! :DDD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo!!!! Serviti pure cara!!
      Grazie per i bei complimenti, sei gentilissima!

      Elimina
  22. Questo mese ,più che mai, ha prodotto delle ricette davvero bellissime! Mi piace l'abbinamento feta e pomodorini ...davvero profumi e colori dell'estate nella tua ricetta! complimenti *Cri*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cri, che gentile sei!!
      Non sai quanto piacere mi abbia fatto questo complimento.. Sei carinissima!
      Grazie grazie!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel