Passa ai contenuti principali

Raieu de brandacujun al sugo di bouillabaisse


Altro giro altro regalo...
Ehm, altro mese altra sfida volevo dire..
Ormai è un appuntamento, un rito a cui non riusciamo più a fare a meno...
Di che parlo? Delle sfide dell'MTChallenge!
Le trovo folgoranti, nel vero senso della parola, perché ogni mese ci mettiamo in gioco un po' di più, ogni mese studiamo e impariamo qualcosa di prezioso.

La ricetta vincitrice dello scorso mese, quella di Monica e Luca del blog Fotocibiamo, mi aveva abbagliata al primo sguardo.
Una genialata, un azzardo da una parte e una bravura altrettanto elevata mi avevo lasciata a bocca aperta.
E la loro scelta per la sfida n°52, da ligure quale solo, non poteva colpirmi ancora di più: i Raieu co-u tuccu o, all'italiana, Ravioli alla genovese
Questa ricetta è di casa in qualsiasi famiglia della Liguria: una pasta ripiena condita con un sugo creato con un pezzo di carne, lasciato sobbollire per ore in salse di pomodoro, e che sarà anche protagonista diretto del ripieno.
Una ricetta che nasce dalla cucina povera, in cui con poco bisognava far tutto.

E la nostra ricetta è nata proprio da quest'idea, dalla cucina povera.
Ed ecco affacciarci alla vicina Francia, in particolare sulla bellissima Marsiglia, per far nostra una ricetta tipica: la Bouillabaisse.
Questo piatto è un piatto molto povero. Esso veniva preparato dai pescatori del luogo con i pesci di scoglio, pesci che sul mercato erano poco richiesti e costavano molto poco.
Con questo "scarto" del mare, i pecheurs crearono una zuppa, che profumava e sapeva di mare a ogni sorso.
E questa è stato il nostro sugo: Pesci cotti a lungo in un fumetto di pesce, tritati e "ristretti" per concentrarne tutto il sapore.

E il ripieno nasce da un'altra usanza povera, questa volta del ponente della Liguria: il Brandacujun.
Questo piatto è realizzato unicamente con patate e stoccafisso (o baccalà), condito con prezzemolo aglio e olio e mescolato attraverso il movimento energico di una pentola che permetteva il disfacimento e l'unione degli ingredienti (da qui il termine brandare che significa scuotere); per la seconda parte del nome rimando a ciò che più sembra orecchiabile, in quanto leggenda narra che questo compito fosse svolto dal più tonto della famiglia.

Nonostante le due ricette siano molto povere, sanno entrambe estrarre dai loro ingredienti un bouquet di sapori unico del suo genere.

La mia preparazione si discosta molto da quella spiegata da Monica e Luca e da quella presentata nell'infografica di Daniela, ma invito comunque alla loro consultazione poiché vi sono consigli preziosissimi sulle cotture lente e la realizzazione dei ravioli

Ingredienti:
Per la pasta:
300 gr farina
3 uova
acqua q.b.
Per il ripieno:
400 gr stoccafisso già ammollato
300 gr patate lessate
aglio e prezzemolo tritati
olio e sale q.b.
Per il sugo:
500 gr pesci di scoglio (pescetti e teste)
3 porri piccoli
1/4 di finocchio
2 pomodori 
4 spicchi di aglio
1 L acqua
1 bicchiere vino bianco
3 tranci di pescatrice
1 tracina
3 triglie
3 pesci prete piccoli o una gallinella

Esecuzione:
Per la pasta:
Impastare la farina con le uova e un pizzico di sale, aggiungendo tanta acqua quanta sarà necessaria per avere un impasto elastico.
Coprire e lasciare riposare 30 minuti coperta da una boule.
Per il ripieno:
Bollire in acqua salata lo stoccafisso.
Scolarlo e,nella medesima acqua, bollire le patate.
A parte tritare aglio e prezzemolo finemente.
Frullare grossolanamente lo stoccafisso e schiacciare con lo schiacciapatate i tuberi.
Unire tutti gli ingredienti regolando eventualmente di sale.   
Per il sugo:
Tagliare a fette il finocchio e i porri; schiacciare gli spicchi di aglio con la loro camicia e mettere tutto a soffriggere in abbondante olio.
Aggiungere tutti i pesci di scoglio, lasciarli cuocere 10 minuti, bagnare il tutto con un bicchiere di vino bianco e cuocere fino a che quest'ultimo non sia tutto evaporato.
Recuperare tutto il fondo, separandolo dai pesci e passare tutto nel passaverdure: in  questo modo tutti i succhi usciranno, dando un gusto unico al sugo.
A parte pulire i pesci per ottenerne tutta la polpa, e passare al passaverdure tutto ciò che resta: anche dalle teste e code otterrete un ottimo fondo.
Rimettere i succhi ottenuti nella pentola, aggiungere i pesci e l'acqua e lasciarli cuocere per 20 minuti.
Una volta che i pesci saranno cotti toglierli dal sugo, pulirli e tenerli da parte.
Filtrare il sugo con un colino a trama grossa per eliminare le eventuali spine e continuare la cottura del sugo fino alla giusta densità (ci vorrà circa un ora e mezza) e a 10 minuti dal temine aggiungere nuovamente la polpa dei pesci(la polpa daovrà essere pulita minuziosamente, poiché molti pesci di scoglio sono ricchi di spine).

Formazione della pasta ripiena:
Stendere la pasta sottilmente (per noi fino al penultimo scatto della macchina per la pasta) ottenendo un lungo rettangolo.
Disporre sul lato più lungo le palline di brandacujun e ripiegare la pasta a libro chiudendo bene ogni raviolo.
Tagliare i ravioli con la rotella zigrinata.

Bollire in acqua abbondante salata i ravioli e condirli con il sugo.
Spolverare con prezzemolo tritato.
Gustare con un ottimo vino bianco.



Con questa ricetta partecipo alla sfida n°52 di MTChallenge

Commenti

  1. Wow, complimenti!!! Avete riprodotto la ricetta in un modo egregio..meritate il10 e lode ^_^
    Buon inizio settimana e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima!
      Buon inizio settimana anche a te!
      Un abbracciotto

      Elimina
  2. Bellissimo il vostro ripieno ligure che si sposa ad un condimento proveniente da un'altra faccia del Mediterraneo, la vicinissima Provenza.
    Mi piace moltissimo!

    RispondiElimina
  3. Mi sembra di sentire il profumo del mare che arriva dai vostri stupendi ravioli. Avete attinto con saggezza a due ricette povere, una ligure e una provenzale, ed avete unito due tradizioni, cogliendo in pieno il senso della sfida. Bravissime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si sente, si sente.. Questi ravioli profumano della brezza marina che senti quando osservi il mare seduta sugli scogli! ;)
      Grazie per gli splendidi complimenti, hai compreso perfettamente la nostra idea!

      Elimina
  4. Baccalà e stoccafisso sono tra le pochissime cose che non mangio, ma questa ricetta mi sembra davvero ben studiata ed ottimamente realizzata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, felice che ti piaccia la nostra idea nonostante non incontri i tuoi gusti! ^_^

      Elimina
  5. Hai unito in questi ravioli due tra i piatti che amo di più e che non ho mai preparato a regola d'arte... Mostro che sono. Deliziosi. E ch voglia di Marsiglia mi hai fatto venire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io li adoro....! E Marsiglia con la sua cucina e i suoi paesaggi è così bella!!! ^_^

      Elimina
  6. Bella proposta! Avete condensato in unico piatto due piatti poveri, uno ligure ed uno appartenente alla tradizione oltralpe trasformandoli in un sontuoso piatto delle feste!!
    Brave davvero..

    Un abbraccio
    monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Monica, ci siamo ispirate all'idea del raviolo alla genovese, per stravolgerlo, passando dalla carne al pesce...!
      Grazie ancora!

      Elimina
  7. Molto interessante questo brandacujun! non lo conoscevo, ma penso lo proverò perché mi intriga molto. un abbraccio, Lidia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buonissimo!! Provalo perché nella sua semplicità ha un gusto deciso!
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Non conoscevo affatto questo brandacujun e mi hai molto incuriosita.
    e questa versione di mare della pasta ripiena mi piace tantissimo... brava :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' buonissimo!!!!
      Felice che ti piaccia questa versione marinara del più classico raviolo!

      Elimina
  9. Che bel profumo di Liguria! complimenti!

    RispondiElimina
  10. Anche io non conoscevo il brandacujun, la vostra proposta è davvero speciale!
    Complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, felice di averti fatto scoprire un piatto nuovo!

      Elimina
  11. Della serie: se ne impana una nuova ogni giorno. E poi, una visitina ogni tanto in questo blog è doverosa, strappa sempre un sorriso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie!!! Vieni sempre a trovarci, a noi fa super piacere!

      Elimina
  12. Amo le zuppe di pesce e i pesci cosi detti poveri. Ci vuole veramente amore per la cucina e pazienza per prepararli ma poi il risultato è impagabile.
    Il tuo piatto sa di sapori che amo, chiudo gli occhi e sento l'incantevole sapore di vero mare!
    Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, spesso i pesci da zuppa sono ricchi di spine, ma hanno un gusto inimitabile...
      Grazie mille!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…