Passa ai contenuti principali

Crumiri o Krumiri, i biscotti di farina di mais e le tecniche per farli in casa


Quando ho tempo, la cosa che amo di più fare è preparare biscotti.
Non a caso il blog ha preso questo nome.
Sono belli a vedersi, magnifici, nelle loro mille forme.
E sono peggio delle patatine, almeno per me, poiché quando inizio è difficile fermarmi a un unico pezzo.

I biscotti di oggi li avevo preparati tempo fa per l'MTChallenge, con tema i biscotti della tradizione.

Questi biscotti nascono nel Monferrato,nel 1870, di forma arcuata, estremamente croccanti e burrosi.
L'Italia era unita da pochi anni e ancora non si erano spenti gli echi del Risorgimento. 
Una notte, dopo una serata al caffè con gli amici, Domenico Rossi, famoso pasticciere piemontese, invitò tutti nel suo laboratorio di pasticceria e lì, in una misteriosa alchimia fra ingredienti e magia, sfornò i primi Krumiri, i quali devono il
loro nome a un liquore molto apprezzato in quel periodo: il Krumiro appunto.
La forma però si deve però, secondo leggenda, a un tentativo di sabotaggio da parte degli operai dell'azienda in cui questi biscotti venivano prodotti: a fronte di un misero aumento, per un incremento elevato della produzione, gli addetti protestano creando biscotti "storti".
Il sabotaggio però non funzionò, poiché la bontà dei biscotti vinse sulla forma che però li rese caratteristici.

Ingredienti:
140 gr di farina di mais 
140 gr di burro
100 gr di farina bianca
75 gr zucchero 
2 tuorli 
vaniglia
Esecuzione:
Mescolare
la farina di mais, la farina bianca, lo zucchero, un pizzico di sale e la vaniglia;
aggiungere il burro e i tuorli. Formare una palla, avvolgerla nella pellicola e
lasciarla riposare per circa una mezz'ora.
Dividere poi in due o tre pezzi,formare dei cordoncini lunghi una decina di cm, creare la tipica zigrinatura con l'ausilio di una forchetta.
(In teoria andrebbero inseriti in una tasca da pasticciere con bocchetta zigrinata, ma non avendola.. Ci si ingegna!) 
Appoggiare questi
pezzi su una placca ricoperta di carta da forno e dare loro la forma
caratteristica “a manubrio”.
Infornare in forno statico a 180 °C per 10 minuti, dovranno risultare belli dorati, lasciare riposare per una notte intera.
Conservare in scatole di latta.





Commenti

  1. Hanno un aspetto davvero golosissimo...anche a casa mia durerebbero molto poco :-P
    Complimenti e felice serata <3

    RispondiElimina
  2. Quanto mi piacciono i crumiri e che bene ti sono venuti, bravissima!!!

    RispondiElimina
  3. Ma che bei biscottini... Devono essere deliziosi... Ne rubo un paio e mi dirigo dritta dritta verso il mio lettino.
    Un abbraccio e buon weekend! <3

    RispondiElimina
  4. gnammmmmm.....sono venuti benissimo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…