Passa ai contenuti principali

I miei noodles di riso con gamberi, arachidi e verdure per il Club del 27



Cucinare per se stessi.
Io non lo faccio mai.
Ed invece è il più grande regalo che possiamo farci, perchè è tempo speso unicamente per noi.
La preparazione, e non solo la degustazione, sono del tempo che diamo a noi stessi, sempre presi dalla routine e, perchè no, dai gusti di tutti.
Perchè in una famiglia si cerca di preparare una cosa sola, che accontenti tutti i palati, ma a volte cucinare ciò che più ci piace può essere per uno fonte di appagamento e tranquillità.

Questo mese il Club del 27 ha pensato a una serie di piatti adatti a chiunque voglia coccolarsi, dal salato al dolce.
Ho scelto una ricetta un po' esotica, speziata, con gamberi e verdure, abbinamento che adoro.
La ricetta, come tutte le altre proposte, provengono dal libro "SOLO" di Signe Johansen e in ognuna l'autore da consigli su come variare e modificare secondo il proprio gusto le preparazioni.
Ecco quindi la mia versione di "Prawn, lime, peanut and herb rice
noodles"
L'immagine può contenere: cibo, il seguente testo "Signe Johansen Solo The Joy of Cooking for One"

Ingredienti:
100 g di spaghetti di riso spessi 
olio vegetale o di girasole, per friggere 
150 g di gamberi 
1–2 spicchi d'aglio, tritati finemente 
1 peperoncino, tritato finemente 
1 cipollotto, affettato sottilmente 
un mazzetto di menta, tritato grossolanamente 
1 piccola carota, tagliata a nastri con un pelapatate 
una piccola manciata di arachidi salate, schiacciate grossolanamente
sale marino e macinato fresco 
pepe nero 
 Per la salsa:
scorza grattugiata e succo di 2 lime bio
1 cucchiaio di salsa di pesce 
1 cucchiaio di zucchero di canna 
1 peperone rosso,tagliato a dadini 
1 spicchio d'aglio, finemente grattugiato 

Unire gli ingredienti per la salsa in una ciotola. Cuocere gli spaghetti di riso in acqua bollente salata e cuocerli scolandoli al dente.
 Scolare la pasta e metterla nella salsa. Tenere da parte. 
Nel frattempo, scaldare un po' d'olio in una padella, aggiungere i gamberi e friggerli per alcuni minuti fino a che non diventino di un rosa dorato. Togliere dalla padella e tenere da parte.
Aggiungere l'aglio, il peperone e il cipollotto nella stessa padella dei gamberi e soffriggere per un paio di minuti, quindi togliere la padella dal fuoco e rimettere i gamberi nella padella per insaporire il tutto. Servire i noodles in un piatto e cospargerli con i gamberi e le verdure, la menta, le arachidi tritate. Condire a piacere (con spezie o salsa di soia).





Con questa ricetta partecipo al Club del 27 con la tessera n°47

Commenti

  1. Sono stata ad un passo dal farli anche io, poi ho girato suo cous cous. I noodles li farò senza dubbio. Un bascio

    RispondiElimina
  2. brava, ci vorreve più spesso sentire questo senso di appagamento e tranquillità. sono stupendi questi noodles, soltanto che mi blocco quando vedo "peperoncino", ma ormai sono abituata a non lo metterlo, così mi sa che provo anche questi!!

    RispondiElimina
  3. è tutto una delizia, dalla ricetta alle foto che sono splendide!!!!!

    RispondiElimina
  4. Viene voglia di procedere con l'assaggio ^_^
    Ottima scelta.

    RispondiElimina
  5. Noodles! Ma quanto mi piacciono? Tantooooo :-)

    RispondiElimina
  6. Volevo fare anche io questa ricetta e dopo aver visto le tue foto ho deciso che devo provarla!Brava

    RispondiElimina
  7. Che voglia avrei di provare anche questo piatto! Fa gola solo a vedere le foto, brava

    RispondiElimina
  8. Eravamo tentatissimi di fare i noodles che amiamo! Abbiamo scelto altro, ma presto li faremo.

    RispondiElimina
  9. io invece mi faccio il pranzo quando rimango sola, preparo la tavola e poi però gioco con il telefono mentre mangio(e questo non ci sta), ma in fondo non saprei con chi conversare...e mangiare da soli è un po' triste...diciamocelo! Belli i tuoi noodles, vorrei assaggiarli ora....

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…