Passa ai contenuti principali

Bonet astigiano e il nostro weekend ad Asti, la mostra di Chagall





Colore e magia.

Ecco il titolo della mostra allestita ad Asti,a Palazzo Mazzetti, che io e le mie compagne di Blogtour abbiamo visitato.
La mostra è tutt'altro che banale: all'interno troverete opere "minori", non provenienti cioè da case d'arte, ma da collezionisti che hanno voluto condividere il loro patrimonio con altri appassionati.

 La nostra visita si apre con l'esposizione delle Favole de La Fontaine.
Lì ognuno di noi torna bambino, ammirando opere come la volpe e l'uva o ...
Opere in bianco e nero, ma che affascinano, calando lo spettatore all'interno della fiaba, se già la conosce, o lo lascia fantasticare, leggendone il titolo.




L'esposizione prosegue con le rappresentazioni bibliche, dove lo Chagall a tutti conosciuto, perde la sua connotazione, tralasciando, forse per la sacralità delle sue opere, il carro volante e gli sposi.



Nella penultima sala visitata troviamo la traduzione a immagini dei testi di Jean Girardoux e altri scrittori, del volume "I sette peccati capitali".
Questa forse la mia parte preferita, dove, nella prima opera, l'autore si auto-rappresenta con 7 teste, come a sottolineare che in lui vi convivono tutti: accidia, avarizia, ira, invidia, superbia, lussuria, gola. 
Di ogni opera due rappresentazioni, una più classica e l'altra più innovativa, pensata dal pittore.



In tutta la mostra si ritrovano dipinti rappresentativi della vita di Chagall, dai suoi primi dipinti negli anni '20, fino alla vita negli Stati Uniti, passando dalla fuga dal suo paese durante la seconda guerra mondiale.





Una mostra coinvolgente, nella quale ho lasciato una parte di cuore.
Asti è bellissima e la sua cucina è quella tipica del luogo, terra di confine tra Langhe e Monferrato.
 Il Bonet è conosciutissimo e preparato in ogni ristorante o trattoria della zona, ma quello astigiano è tutto particolare e quello che vi propongo è tratto dal libro di Goria.
Citando il libro: Questa è la vecchia formula del budino dell'albergo Salera d'Asti. Naturalmente ve ne sono infinite variazioni, si può dire una per famiglia, in giro per il Piemonte.

Ingredienti:
1 L di latte di mucca
100 gr di biscotti savoiardi
120 gr di amaretti secchi
50 gr di cacao
200 gr di zucchero + extra per il caramello
1 tazzina colma di caffè più un cucchiaio di caffè solubile
2 cucchiai di rum 
2 cucchiai di marsala
5 uova

Esecuzione: 
Far bollire il latte e lasciar raffreddare un po'.
Sbriciolare al suo interno gli amaretti e i savoiardi.
Aggiungete caffè e i liquori.
A parte montare le uova con lo zucchero e il cacao fino a che non abbiamo un consistenza soffice.
A questo punto aggiungere il latte poco per volta e mischiare bene.
Caramellare uno stampo grande da budino o due più piccoli con lo zucchero e versarvi il composto.
Cuocere in forno a bagnomaria per 30/40 minuti (io l'ho tenuto un'ora in realtà).
Far raffreddare e mettere in frigo per almeno due ore.
Ribaltare su un piatto da portata.






Proseguite con le altre puntate del nostro tour sul blog delle mie compagne di avventura:

Sabrina Fattorini - Architettando in cucina


·  Marta Calugi –  La cucina spontanea

·  Annarita Rossi - Il bosco di alici

·  Anna Calabrese – La cucina di Anisja

Gaia Innocenti – Profumo di mamma

·  Vittoria Traversa – La cucina piccolina

Commenti

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…