Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2019

Biscotti di Natale e ciao ciao 2019

Siamo agli sgoccioli, ultimo giorno di questo anno che, tra alti e bassi è giunto al termine. Non faccio mai bilanci e non lo farò oggi, spero solo che il prossimo anno porti a tutte le persone, soprattutto quelle che mi stanno a cuore, tanta felicità e soddisfazione, di qualunque genere essa sia, per famiglia, lavoro.. Questa sera cosa farò? Una cena ovviamente, con gli amici più cari. Una serata a base di risate, buon cibo, buon bere e buoni amici. Spero che per tutti sia così. Regalo virtualmente a tutti un piccolo biscotto di frolla al limone decorato, quest'anno ne abbiamo sfornati parecchi, da regalare, da appendere e da gustare. Il tema del Recake di questo mese era proprio questo: donare un biscotto. Questi sono quelli che preparo sempre, che piacciono a tutti. Croccanti e al gusto di limone. Buona anno!
Ingredienti: 300 gr di farina 00 1 uovo la buccia grattugiata di un limone bio 150 gr di burro 150 gr di zucchero Per la glassa:  30 gr di albume 300 gr di zucchero a velo un cucchiaio di su…

Arrosto a sabrina ripieno di panforte e bietole

Ultimo appuntamento con i Dolci Senesi.
Questo excursus all'interno delle tradizioni con il Calendario del Cibo Italiano, mi ha appassionata.
Piccole ricette nuove e diverse dal solito per gustare dolci classici.
Abbiamo avuto un primo piatto, poi un dolce.. Non poteva che esserci un secondo!
La carne si sposa magnificamente con le spezie e i canditi, quindi oggi, per la Giornata Nazionale del Panforte, proponiamo un arrosto ripieno, ottimo da proporre in queste feste per incuriosire e stupire amici e parenti.
La storia del Panforte è strettamente legata a quella del Panpepato, anzi, esso ne è il predecessore.
Sono molto simili, ma, mentre il Panpepato presenta come ingrediente il cacao, il Panforte ne è privo, arricchendosi di magnifica vaniglia.
Cercando nel web ho trovato due leggende associate al Panforte: secondo alcuni suor Ginevra, chiusa in convento per un amore impossibile, mentre stava preparando il classico panmelato sentì dalla finestra la voce del suo amato messer Giannetto …

Pandoro di Raffaele Pignataro

Penso che oramai questa sia diventata un po' una tradizione. Io che per una settimana rinfresco la pasta madre, io che mi cimento nei grandi lievitati con mia madre che mi sussurra "ma perchè non lo compriamo.. Con tutta questa fatica", io che vado a dormire a ore impensabili, io che disturbo i vicini nella notte con la impastatrice a manetta perchè l'impasto non se la sente di incordare.
Ogni anno più o meno la scena è proprio questa, invece questa volta è andata meglio, molto meglio. Avevo 3 giorni a disposizione, dal 6 all'8 Dicembre, ed ho organizzato il piano di attacco. Perchè diciamolo, fare i grandi lievitati in casa un po' di ansia la mette, indipendentemente da mia mamma.. ;) Quest'anno mi sono detta "Calma - io che la calma manco so dove sta di casa - e sangue freddo". Ho deciso di provare un altro pandoro, quello di Raffaele Pignataro, dopo lo scorso anno con quello delle sorelle simili e l'anno prima con quello di Morandin. Ho fatto pi…

Semifreddo ai ricciarelli, panna e mandorle caramellate

I dolci a base di mandorla mi sono sempre piaciuti. Sarà forse una questione genetica - in Sicilia è un ingrediente tipico- ma tra tutta la frutta secca la mandorla è quella che più prediligo.
E tra i biscotti più famosi a base di mandorla non posso non citare i Ricciarelli. Sembra vengano riscoperti ogni anno solo sotto Natale, ma in realtà a Siena e zone limitrofe si gustano tutto l'anno.  Oggi li celebriamo.
La storia del ricciarello ha inizio in Oriente. 
In una novella del commediografo Parige si racconta che fu il conte Ricciardetto della Gherardesca a portare in Toscana quei dolcetti a base di mandorle e zucchero che nella forma ricordavano le scarpe tipiche degli uomini arabi, leggermente arricciate in punta, viste durante le Crociate. 
Al ritorno del conte, le farmacie di Siena che avevano a disposizione più spezie di qualsiasi altra bottega, continuarono a produrre quei piccoli dolci così simili al marzapane, che vennero chiamati ricciarelli.


Nella sua Scienza in cucina e arte …

Risotto zucca, formaggio alla birra e pan pepato

Siena, penso di esserci stata un'infinità di volte.. L'ho girata in lungo e in largo. I miei genitori in Toscana hanno passato il loro viaggio di nozze e, fin da piccolissime eravamo solite trascorrere piacevoli weekend tra le colline toscane e senesi.
Una grande cultura e tradizione, quella toscana. Ricordo che quando andavamo a Siena mamma faceva tappa fissa in qualche pasticceria, per comprare i dolci tipici di quella zona: Ricciarelli, Panpepato e Panforte. Buonissimi tutti, seppur con caratteristiche differenti.
Oggi è la Giornata Nazionale del Panpepato: il dolce più antico tra quelli tradizionali di Siena. Si iniziò a produrlo con il nome di melatello, poichè era puramente farina impastata con acqua dolciastra proveniente dalla lavatura dei contenitori di miele Successivamente si utilizzò il vero e proprio miele, mescolato con la farina,ottenendo quindi il panes melato.  Venne poi l'aggiunta della frutta di stagione, che dopo qualche giorno a causa della formazione di muffe …