Passa ai contenuti principali

Risotto zucca, formaggio alla birra e pan pepato


Siena, penso di esserci stata un'infinità di volte..
L'ho girata in lungo e in largo.
I miei genitori in Toscana hanno passato il loro viaggio di nozze e, fin da piccolissime eravamo solite trascorrere piacevoli weekend tra le colline toscane e senesi.

Una grande cultura e tradizione, quella toscana.
Ricordo che quando andavamo a Siena mamma faceva tappa fissa in qualche pasticceria, per comprare i dolci tipici di quella zona: Ricciarelli, Panpepato e Panforte.
Buonissimi tutti, seppur con caratteristiche differenti.

Oggi è la Giornata Nazionale del Panpepato: il dolce più antico tra quelli tradizionali di Siena.
Si iniziò a produrlo con il nome di melatello, poichè era puramente farina impastata con acqua dolciastra proveniente dalla lavatura dei contenitori di miele
Successivamente si utilizzò il vero e proprio miele, mescolato con la farina,ottenendo quindi il panes melato. 
Venne poi l'aggiunta della frutta di stagione, che dopo qualche giorno a causa della formazione di muffe conferiva al dolce un sapore acidulo, “fortis”. 
Il panes melato divenne panes fortis. 
Durante il XIII secolo iniziò l'importazione dall'oriente delle spezie che ben presto vennero utilizzate anche in cucina. 
Niccolò dè Salimeni introdusse l’uso del pepe, della cannella e dei chiodi di garofano in preparazioni culinarie e, proprio in questi anni si ebbero le prime notizie sui panes melatos et pepatos, presenti presso l’Archivio di Stato, in cui si riferisce di questi dolci portati come tributo al Monastero di Montecellesi, oggi Montecelso, nei pressi di Fontebecci. 
Si racconta che proprio in questo Monastero si trovino le origini panpepato.
Oggi tutti i forni e le pasticcerie senesi producono questa delizia e ognuno ha la propria ricetta.
Ringraziando il forno Ravacciano, che ci ha permesso di assaggiare questo magnifico dolce, partecipiamo a questa giornata con una ricetta salata: un risotto alla zucca con un formaggio forte aromatizzato alla birra, abbondantemente impreziosito da panpepato sbriciolato.

Ingredienti:
250 gr di riso
1/4 di zucca mantovana
150 gr di formaggio alla birra di malga
una fetta di 0.5 cm di panpepato
brodo vegetale
una cipolla
sale e pepe q.b.
un pizzico di cacao amaro
burro 
vino rosato per sfumare

Esecuzione:
Pulire e affettare la zucca.
Pulire e tritare la cipolla, dopo di che soffriggerla in una noce di burro.
Aggiungere la zucca e cuocerla a fuoco lento, aggiungendo eventualmente brodo per evitare che si attacchi.
Quando la zucca avrà la consistenza di una crema aggiungere il riso, farlo insaporire e sfumare con vino rosato.
Continuare la cottura con altro brodo vegetale.
Mantecare con il formaggio alla birra e regolare di sale e pepe.
Impiattare e cospargere con il panpepato sbriciolato.
Spolverizzare con poco cacao amaro.






Commenti

  1. No va behhh!!! Chissà che delizia quel contrasto del formaggio con il panpepato e la zucca! Un'idea geniale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da provare... A noi ci ha conquistate ed é entrato nella classifica dei nostri risotti top!

      Elimina
  2. con il tocco di cacao amaro hai chiuso un cerchio perfetto. Bellissimo.

    RispondiElimina
  3. Complimenti, davvero bello ... il formaggio alla birra mi incuriosisce non poco

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi lo acquistiamo in Trentino, a Bolzano, tutte le volte che andiamo in vacanza da quelle parti. È intenso, cremoso.. Buonissimo!

      Elimina
  4. Questo è già in programma! Complimenti Bianca.

    RispondiElimina
  5. Slurp! Un mix di sapori davvero sorprendenti!

    RispondiElimina
  6. Come ammaliare a tavola i tuoi ospiti :-)) me di sicuro, perchè vivrei di zucca, di risotti e di contrasti speziati ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…