Passa ai contenuti principali

Pandoro Rolando Morandin e Tanti Auguri di buon Natale!


Questo mese è stato il mese della frenesia.
Tanti impegni, scadenze, appuntamenti.. Ed in un attimo siamo a Natale!

Ho ancora dei regali da acquistare, altri attendono di essere incartati e altri sono pronti, sotto l'albero.

Il primo Natale nella mia casetta nuova, che ho avuto cura di curare e addobbare per l'evento.
Il forno è stato inaugurato con una ventina di pandolci genovesi, da regalare e non..
E quest'anno, dato che l'anno scorso mi ero cimentata con il Panettone, ho deciso di tentare la preparazione di un altro grande lievitato delle feste: il Pandoro.

La preparazione è stata lunga e piena di dettaglia, ma seguendo la ricetta con impegno e attenzione il risultato è stato magnifico.
La dolce metà ha commentato "sembra come quelli comprati" e per lui questo è un enorme complimento! ^_^

La ricetta è una garanzia, quella di Rolando Morandin.
Un pandoro morbido, soffice e sano, perchè fatto in casa.

Ingredienti:
Primo impasto:
200 gr farina
125 gr tuorli(10 uova)
100 gr pasta madre(rinfrescata e in forza)
100 gr burro
88 gr zucchero
80 gr acqua
Emulsione:
25 gr tuorli
85 gr burro
20 gr miele
20 gr zucchero
15 gr cioccolato bianco (io non avevo il burro di cacao)
6 gr sale
bacche di vaniglia
Secondo impasto:
primo impasto
emulsione
100 gr farina
50 gr crema pasticcera

Esecuzione:
Inserire nella planetaria la Pasta Madre a pezzettini, metà quantità di zucchero ed i 50 g di acqua.
Far lavorare qualche minuto in modo da far sciogliere la Pasta Madre con la frusta K.
Aggiungere i tuorli, il restante zucchero, l'acqua e la farina a piccole dosi, mantenendo l'incordatura.
Aggiungere in ultimo il burro in fiocchi.
Impastare facendo incordare(ci vorranno 15/20 minuti).
Coprire l’impasto con della pellicola e far lievitare tutta la notte finchè non sarà triplicato.

Il mattino successivo preparare l'emulsione amalgamando tutti gli ingredienti (senza sciogliere nulla, ad esclusione del cioccolato).
Nella planetaria impastare il primo impasto con la crema e la farina.
Aggiungere l'emulsione a piccole dosi e far incordare.
Lasciare riposare l'impasto per un'ora.

Rovesciare l'impasto su una spianatoia.
Eseguire la pirlatura, lasciare puntare 30 minuti ed eseguire la seconda pirlatura.
Mettere in una stampo da pandoro imburrato e lasciare lievitare coperto da pellicola fino a che l'impasto non sborda leggermente dallo stampo. 

Infornare a 180° per 50 minuti, coprendo eventualmente con alluminio se l'impasto dovesse colorarsi troppo.
Sfornare e lasciare raffreddare per almeno due ore.
Togliere il pandoro dallo stampo e avvolgere nella pellicola.
Far riposare per una settimana, permettendo così ai sapori di diffondersi in ogni briciola.

Gustare, magari accompagnato da una crema inglese o al pistacchio.





Tantissimi auguri di buon Natale, sperando che ognuno di noi trovi sotto l'albero ciò che desidera, ma soprattutto tanta serenità e felicità. 

Commenti

  1. è perfetto,complimenti sei bravissima,quella morbida e fragrante fetta è mia,un bacio,ti auguro un felice e sereno Natale

    RispondiElimina
  2. che bello, ti è venuto perfetto!! Buon Natale e Felice Anno Nuovo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. Ciao ragazze, riesco solo ora a passare a farvi i miei più sinceri auguri di felici feste! sono rientrata in Italia da pochi giorni e ancora non mi sono ambientata :-P
    Grazie x essere passate a trovarmi durante la mia assenza <3 questa ricetta è il top anche x me e quest'anno ho fatto doppia dose x la gioia di mio marito e parenti vari :-P

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…