Passa ai contenuti principali

Involtini di pane,uova, formaggio ed maggiorana, ovvero involtini di mia nonna Maria


Durante le vacanze appena trascorse sono finalmente riuscita, dopo mesi e mesi di posticipazioni e rimandi a date insperate, ad andare nel paesino di origine di mio papà.

E' un piccolo paese sull'appennino tosco-emiliano, incastonato tra splendide montagne.
Lì hanno vissuto i miei nonni, lì si sono conosciuti, e da lì, con mio papà ancora piccolo, sono partiti in cerca di fortuna verso la Liguria.
Questo è stato il destino di molte persone tanto, ma forse nemmeno troppo, tempo fa.

Mia nonna non l'ho conosciuta, almeno non direttamente, ma la riscopro ogni giorno, preparando i piatti con la sua padronanza, quella tipica delle rezdore emiliane.
Spesso mio papà, quando non mi tiro indietro davanti a nulla, nemmeno a lavori tipicamente maschili, commenta "Sei proprio una donna emiliana!"... E questo per me è uno dei più bei complimenti.

Avrei tanto voluto cucinare con mia nonna, carpirne i segreti e ricette, custodirli gelosamente..
Fortunatamente mio padre è un ottimo cuoco e ha saputo tramandare a noi ciò che lei non ha potuto.

Come la ricetta di questi involtini, creati apposta per mio papà, che fin da piccolo aveva gusti difficili.. O meglio, diversi da quelli degli altri bambini.
Quale bambino non ama involtini prosciutto e formaggio? Ecco, mio papà era uno di quelli.
Così mia nonna si è inventata un impasto ad hoc, che riscontrasse i gusti del suo bimbo.
Un involtini semplice, con ciò che di più semplice aveva in casa:
qualche uova, una manciata di parmigiano, un poco di pangrattato e qualche erbetta.. Tutto condito con tanto amore.

Inizialmente ero restia a condividere questa ricetta, ne sono profondamente gelosa, ma credo che il più bel modo per far continuare a vivere le persone sia quello di raccontare di loro, di diffondere ciò che ci hanno lasciato.

Involtini di pane, uova, formaggio e maggiorana
(Dosi... a occhio)
8 fettine di vitello o manzo tagliate sottili
2 uova 
80 gr parmigiano
sale e pepe
noce moscata 
maggiorana
pane grattato
olio
burro
vino bianco
latte


Esecuzione:
Preparare un impasto morbido, ma consistente con formaggio, uova,pane e aromi.
Tagliare le fettine di carne di dimensioni grandi come il palmo di una mano.
Riempire gli involtini con il ripieno e sigillarli utilizzando degli stuzzicadenti.
Scaldare in una casseruola olio e burro e farvi colorare gli involtini.
Sfumare con vino e latte.
Aggiungere un po' di dado e terminare la cottura, ci vorranno circa 10 minuti.






Con questa ricetta partecipo al contest "di cucina in cucina" ospitato questo mese dal blog Cucina Serena.

Cosa c'è di più felice di un ricordo legato ai nonni? Sarà che i miei sono stati speciali.. Ma penso lo siano per ciascuno di noi.






Commenti

  1. Carissima grazie della tua partecipazione e soprattutto di averci aperto le porte del tuo cuore con questa ricetta di famiglia che rievoca ricordi di felicità. Le cose semplici quando fatte con il cuore diventano cibo prelibato per il palato e per l'anima. Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Questa è proprio una di quelle ricette che profumano di casa, di famiglia e di nonna :-)
    GRazie x averla condivisa e felice inizio settimana <3

    RispondiElimina
  3. ovvero buonissimi! bella idea ragazze.

    RispondiElimina
  4. La nonna Maria mi è già simaptica!!!!!
    Bravissime e buona giornata

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…