Passa ai contenuti principali

Flaounes per Recake 2.0 di Marzo



Aria di primavera, in perfetto stile marzolino.
Pioggia, vento e poche gite sui prati.
Eppure da domenica dicono che il tempo dovrebbe migliorare, lasciandoci un tiepido sole primaverile.

Tanta voglia di picnic, gite fuori porta e escursioni zaino in spalla... E la Liguria è una perfetta alleata per tutto questo.

La ricetta quindi è perfetta da infilare nello zaino per essere portata ovunque si desideri: mare, collina o montagna.
Io opterei per la prima delle alternative, ma ogni variante è ottima!

Delle morbide focaccine ripiene di formaggi misti, queste sono le Flaounes! 
Sono delle piccole monoporzioni, originarie dell'isola di Cipro, o isola di Afrodite.
La cucina di quest'isola ricorda a tratti la cucina siciliana, dove sesamo e uvetta, ingredienti di influenza araba, trovano spesso ampio utilizzo.
Tradizione vuole che i Flaounes vengano preparati il venerdì santo, per essere poi gustati la Domenica di Pasqua, per essere gustati al posto del pane.

INGREDIENTI


Per l'impasto:

250 g di farina 0 e grano duro
7 g di lievito di birra
1 cucchiaio di miele
15 g di olio extravergine di oliva
15 g di burro morbido
75 g di acqua a temperatura ambiente
50 g di latte tiepido
1/2 cucchiaino di sale

Per il ripieno:
300 g di formaggi misti (noi:caprino, scamorza e caciotta)
35 g di farina 0
45 g di semola rimacinata
1 g di lievito di birra
1/2 cucchiaino di lievito in polvere (non vanigliato)
menta fresca tritata
2 uova piccole -o 1 grande- sbattute (1 1/2 per impasto e 1/2 per spennellare)
40 g di uvetta, ammollata ed asciugata (per noi uvetta di Corinto)

semi di sesamo


Esecuzione:

Iniziare preparando l'impasto. Sciogliere il lievito nell'acqua, aggiungere il latte e l'olio.


Versare la farina in una ciotola capiente, fare la fontana e versare al centro i liquidi e il burro. Iniziare a impastare prendendo un po' di farina alla volta. Trasferire sul piano di lavoro e lavorare bene fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.


Fare una palla e lasciarla riposare in una ciotola unta e coperta, fino al raddoppio del volume.


Grattare grossolanamente i formaggi, metterli in una ciotola ed aggiungere le farine e i lieviti, poi le uova sbattute. Conservare in frigo fino al momento dell'uso, solo in quel momento si unirà la menta fresca tritata e l'uvetta, precedentemente sgocciolata e asciugata.


Trasferire l'impasto sulla spianatoia, stendere la pasta ad uno spessore di 3 mm e ritagliare con uno stampo rotondo i dischi. Passarli su un piatto dove avremo messo i semi di sesamo, per fare in modo che questi si attacchino sul disco inferiore della pasta. 

Al centro di ogni disco mettere un cucchiaio abbondante di composto e riportare i lembi di pasta verso il centro, sigillando bene i lati.

Adagiare le focaccine su una teglia coperta di carta forno, spennellarle con l'uovo sbattuto e distribuire ancora qualche semino, soprattutto al centro.
Io ho aggiunto una spolverata di pepe nero.


Cuocere per circa 20 minuti a 180°, finché il formaggio fonde e la pasta diventa dorata. 

CONSIGLIO! Per assaporare al meglio queste focaccine, vi consigliamo di gustarle da tiepide.






Con questa ricetta partecipo a Recake 2.0 di Marzo

Commenti

  1. Bravissima, sono proprio da picnic! :D
    Grazie per aver giocato con noi.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…