Passa ai contenuti principali

Il mio pollo fritto per il Club del 27



Chi mi conosce sa quanto io ami i cibi fritti. 
So che sono politically incorrect, fanno male, fanno ingrassare.. Ma al cuore non si comanda, giusto? 
È quando, come ogni mese, il Club del 27 ci ha chiamate in cucina, per rispolverare ricette di una vecchia sfida, non ho saputo proprio dire di no. 
Il pollo fritto, per giunta le cosce fritte, se non avessi partecipato non me lo avrebbero perdonato. 
È così eccomi, quasi allo scadere, a inondare la casa dei miei profumi preferiti... 
La ricetta è perfetta, il fritto risulta avere una crosticina croccantissima e supersaporita, proveniente da un blog amico e superaffidabile:grazie Chiara!! 

Pollo fritto versione classica
Marinatura nel latticello e panatura con uovo e pangrattato
6 cosce di pollo circa 800 g
Per il latticello:
Ingredienti per 250 g circa di latticello
500 ml panna fresca
Per la panatura:
2 uova
100 g di farina
100 g di pangrattato
sale e pepe
Per friggere:
1 l di olio di mais

Preparare per prima cosa il burro e il latticello.
Versare la panna nella planetaria e montarla a velocità media per 20 minuti circa fino a quando la parte grassa diventerà burro e si separerà dalla parte liquida, il latticello appunto.
Filtrare il latticello con un colino a maglie strette e strizzate bene il burro.
Sciacquare il burro sotto l’acqua fredda e riporlo in un contenitore in frigo.
Versare invece il latticello sulla carne ricoprendola interamente, coprire con la pellicola e mettere in frigo per almeno 4 ore, meglio se tutta la notte.
Una volta trascorso il tempo della marinatura, prelevare le cosce di pollo e metterle a scolare su una gratella per almeno 30 minuti, poi passarle nella farina, eliminando perfettamente quella in eccesso, nell’uovo condito con sale e pepe ed infine nel pangrattato.

Pollo fritto versione creativa
Marinatura nel latticello e panatura con farina di mais formenton 8 file rosso
6 ali di pollo circa 600 g
Per il latticello:
250 g latte parzialmente scremato
250 g quark magro
Scorza e succo di 1 limone
1 cucchiaio di cajun
2 cucchiai di rum
Per la panatura:
100 g di farina di mais rosso Formenton 8 file (o semplice farina di mais)
Per friggere:
1 l di olio di mais

In una ciotola versate il quark e il latte e stemperarli, aggiungete il succo e la scorza di limone, il rum e il cajun. Lasciare a temperatura ambiente per 15 minuti circa e poi versarlo sulla carne, coprire con pellicola e mettere in frigo per almeno 4 ore, meglio se tutta la notte.

Una volta trascorso il tempo della marinatura, prelevare le ali di pollo e metterle a scolare su una gratella per almeno 30 minuti, poi passarle nella farina di mais.

Mettere l’olio in un tegame con il fondo spesso e i bordi alti e portarlo a 180°, in mancanza del termometro si dovrà immergere un pezzo di pane nell’olio, quando sarà ben dorato è pronto. Immergere completamente 2/3 pezzi di pollo alla volta, utilizzando una schiumarola a maglie strette in modo che la carne non tocchi il fondo del tegame, quando saranno belli dorati, dopo 8/10 minuti, scolarli dall’olio e metterli su un piatto foderato con carta assorbente.
Procedere alla frittura delle cosce e dopo delle ali, in quanto la panatura di sola farina di mais è meno compatta e il rischio di sporcare l’olio in cottura è più alto.

Tenere in caldo in forno a 120°.

Accompagnamento:
Come contorno per queste delizie ho optato per delle classiche patatine fritte e un chutney agli agrumi, per sgrassare un fritto che, per quanto asciutto e croccante é sempre presente. 
È un chutney che avevo preparato per un altro appuntamento dell'mtchallenge, relativo ai regali di Natale, e mi ha entusiasmato talmente tanto che continuo a rifarlo e.. Divorarlo! 

Per circa 2 kg di Chutney:
3 mele Bramley (circa 650 g)
4 clementine
2 cipolle grandi, pelate e leggermente affettate
1 kg di mirtilli rossi
200 g di uvetta
15 g di pepe
300 ml di aceto di vino rosso
500 g di zucchero di canna
1 peperoncino rosso, privato dei semi e finemente affettato.

Sbucciate le mele e privatele del torsolo, affettatele finemente e mettetele in una casseruola larga e dal fondo spesso.
Sbucciate le clementine e aggiungete le bucce alle mele. Eliminate tutti i filamenti bianchi, tagliate queste ultime grossolanamente e aggiungetele nella casseruola.
Mescolate le cipolle, 700 g di mirtilli, l’uvetta, i grani di pepe, l’aceto, lo zucchero e il peperoncino, aggiungete le mele e le clementine e cuocete il tutto a fiamma vivace per 5 minuti, mescolando bene, fino a quando lo zucchero non si sarà sciolto.
Abbassate la fiamma a fuoco dolce e proseguite la cottura per 45 minuti, mescolando occasionalmente fino a quando il composto non si sarà bene addensato. Aggiungete i restanti mirtilli e fate cuocere per altri 5-10 minuti o fino a quando non saranno diventati teneri.
Invasate in barattoli sterilizzati, chiudete ermeticamente e lasciate raffreddare.
Si conservano per 6 mesi in luogo fresco e asciutto e si consiglia di non aprirli prima di due mesi. Una volta aperti, conservate in frigo.







Con questa ricetta partecipo al Club del 27 con la tessera numero 47


Commenti

  1. Adoro il chutney agli agrumi, e penso proprio che qui con il pollo fritto ci stia benissimo!

    RispondiElimina
  2. Coscette cotte a puntino che meraviglia e che fameeee

    RispondiElimina
  3. Anch'io sono una vera amante del fritto! Bel pollo

    RispondiElimina
  4. Ma grande Bianca, hai fatto tutte e due le versioni, un mito! Mi piace tutto, soprattutto quel chutney che ricordo molto bene :-)

    RispondiElimina
  5. Bel piatto e ottimo accompagnamento. Buon appetito a tutti! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  6. Magnifico! Ed hai rifatto entrambe le versioni...complimenti ^_^
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Buonissima anche questa versione del pollo fritto.
    Da provare!

    Camilla - La Cascata dei Sapori

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…