Passa ai contenuti principali

Caponata di melanzane: sapori di estate


Siamo rimaste un po' in stand-by questo mese.
Un po' il caldo, un po' la voglia di riposarci, anche dai fornelli, stando più fuori, più in giro, più al mare, ci hanno fatto staccare anche dalla pubblicazione di ricette.
Non che non avessimo cucinato, ma anche per il fotografare, allestire e preparare é stato premuto il tasto stop.

E torniamo con un piatto che sa proprio di estate, con le verdure tipiche di questa stagione: le melanzane.
E da nipoti di origini sicule doc non poteva che arrivare la caponata: quanta ne abbiamo divorata quest'estate?!
Complice un amica che ci ha rifornito più volte con ottime melanzane, non potevamo di certo tirarci indietro.

E' una ricetta che si é modificata negli anni, poiché quella di mia nonna prevedeva solo le melanzane. Successivamente tramite consiglio di un'amica siciliana ho aggiunto anche i peperoni, fritti rigorosamente anche loro.
Ok, il fegato non ringrazia, ma tutto il resto assolutamente si! 

Ingredienti:
2 Melanzane 
1 peperone rosso
1 peperone giallo
2 coste di sedano
1 cipolla bianca 
50 gr olive nere denocciolate(tipo greche)
25 gr capperi di Salina
25 gr pinoli
25 gr uvetta di Corinto
1 scatola di pelati da 400 gr
1 bicchiere di aceto
2 cucchiai di zucchero
sale e peperoncino q.b.
olio
basilico

Esecuzione:
Tagliare le melanzane e cubetti e disporle in un colapasta alternandole a un po' di sale.
Lasciare riposare un'ora per permettere loro di rilasciare tutta l'acqua.
Asciugare le melanzane e friggere in abbondante olio extravergine di oliva.
Tagliare i peperoni a quadrati grossi e friggere anch'essi nell'olio.
In una casseruola soffriggere in olio la cipolla e il sedano affettati; una volta che essi sono appassiti aggiungere i pinoli, l'uvetta, i capperi e le olive.
Aggiungere le melanzane e i peperoni, lasciare insaporire pochi minuti e aggiungere i pelato precedentemente schiacciati con una forchetta.
Mescolare in un bicchiere l'aceto e lo zucchero e versarlo nella casseruola. 
Una volta che l'aceto sarà evaporato regolare di sale e peperoncino.
Cuocere per una ventina di minuti e, una volta spento il fuoco, aggiungere il basilico.

E' ottima sia tiepida che fredda, gustata come antipasto o come contorno a un'ottima fetta di caciocavallo o provola.




Commenti

  1. Che bello ritrovarvi e con una ricetta che profuma proprio di estate :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!! Anche noi siamo felici di essere tornate, più cariche che mai!!!
      ^_^

      Elimina
  2. Ben tornate! Anche io ho premuto il tasto stan by! Ma presto torno. Questa è una delle mie preparazioni preferite..uno di quei piatti che finiscono con una bella scarpetta!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto un po' di riposo ci vuole, per ripartire alla grande!
      Anche noi adoriamo la caponata.. e la scarpetta é d'obbligo!
      Un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …