Passa ai contenuti principali

La finale di Risate & Risotti e il nostro risotto "Una ciliegia tira l'altra"


Siamo tornate.
Questo weekend avevamo l'appuntamento tanto atteso: La finale del Contest Risate e Risotti, organizzato da Luca Puzzuoli per l'amica scomparsa Giuseppina Carboni.

La location e l'alloggio erano memorabili: la bellissima cornice di Lucignano hanno fatto da sfondo all'evento.

La nostra gara si è svolta sabato mattina, presso il ristorante Il Goccino, con gli altri due foodblogger estratti a sorte: Nientedietadadomani e LechicchediCristiana.
Riprese, prove. Poi l'apertura delle mystery box e.. Terrore.
In tutte e tre le scatole vi era della frutta abbinata a della carne.
E pensare che nell'intervista avevamo detto quasi tutti che non avremmo voluto frutta! 






Pazienza Marta, rimbocchiamoci le maniche.
Oltre a costolette di maialino a pezzo intero avevamo peperoni e ciliegie: più di un brivido mi è sceso lungo la schiena.
E partiamo:
La base sarà un risotto ai peperoni con ciliegie, impreziosito con perle di ciliegia e costolette di maialino glassate al miele.
La nostra scelta è stata quella di voler mantenere la natura del pezzo di carne assegnatoci, anche se la costoletta era davvero difficile da inserire in un risotto.
Dopo ansie, paure, ma anche tanto divertimento e tecnica abbiamo fatto uscire il nostro risotto dalla cucina.
Eravamo fiere della riuscita del piatto, soprattutto con degli ingredienti e tecniche di preparazione così impegnative.

Titolo? 
Dall'ansia di non far bene non lo avevamo nemmeno pensato. 
E questo ci è costato caro, a detta dei giudici durante la proclamazione.
Lo ha scelto Marta, nel pomeriggio, nella tranquillità della piscina dello splendido B&b che ci ospitava: "Una ciliegia tira l'altra".
Titolo perfetto, perchè esprimeva davvero l'essenza del nostro piatto: la ciliegia era infatti il filo conduttore che accompagnava l'assaggiatore nella degustazione del piatto.

Alla sera nella splendida piazza di Lucignano la proclamazione, durante la magnifica cena che per l'evento era stata organizzata dai ristoranti Il Goccino e La Rocca: ci siamo aggiudicate il IV posto. 
Tantissima fatica, stanchezza, ma anche tanta soddisfazione.
E la felicità di aver costruito nuove amicizie, in giro per l'Italia, tramite ciò che più c riesce meglio: cucinare.
Che in realtà siamo un medico e un ingegnere è solo un piccolo dettaglio. ;)




Risotto una ciliegia tira l'altra

Ingredienti:
un carrè di maialino da cui ricavare 4 costolette
una manciata di ciliegie
un peperone rosso
un peperone giallo
aglio
rosmarino
cipolla
miele 
senape
aceto bianco
vino bianco
zucchero di canna 
burro
brodo vegetale
sale e pepe q.b.

Esecuzione:
Disossare il maialino, pulendo la costola e tagliando 4 costolette.
La tecnica non è semplice, ma con un po' di pazienza si riesce a pulire, raschiandola con la lama di un coltello affilata, tutta la parte del costato, per dividerlo in costolette.
Mettere le costolette a marinare con senape, miele, aceto bianco, rosmarino, aglio, sale e pepe.
Pulire, togliere la pelle e ridurre a cubetti i peperoni.
Denocciolare le ciliegie.
Tenerne 5 da parte e utilizzare tutte le altre.
Scaldare in una padella il burro, aggiungere la frutta, farla saltare leggermente, dopo di che aggiungere zucchero di canna e poco aceto. Far evaporare, salare e tenere da parte.
Iniziare ora la cottura del risotto: tritare finemente la cipolla, soffriggerla in un po' di burro e aggiungere il riso.
Quest'ultimo dovrà essere tostato alla perfezione, diventando quasi trasparente all'esterno e bianco al cuore.
Sfumare con il vino e continuare la cottura con il brodo.
A metà cottura aggiungere i peperoni.
Quasi al termine aggiungere anche le poche ciliegie tenute da parte e ridotte a cubetti.
Nel frattempo cuocere le costolette: nella stessa padella dove si sono preparate le ciliegie, spadellare le costolete, dorandole all'esterno. Ripassare 2 minuti in forno a 200°.
A cottura del riso ultimata spegnere il fuoco, far riposare e mantecare con parmigiano e burro.
Impiattare disponendo il risotto sul fondo del piatto, decorando con perle di ciliegia e costolette glassate.





Tutte le foto sono a cura del simpaticissimo fotografo Fabio Alessandrini
Un sentito grazie a Luca e a Moreno, per questa fantastica avventura, l'anno prossimo ci riproveremo!
Grazie anche a tutti gli sponsor dell'iniziativa: Hotpoint di Ariston, Pasta Panarese, Riso Maremma, Frantoio Mancianti, Prodotti Boscovivo e Cantina Gattavecchi.



Commenti

  1. Con quegli ingredienti sarei andata nel panico O_o siete state bravissime e la presentazione del vostro risotto è da oscar :-)
    Non posso che replicare all'infinito i complimenti :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…