Passa ai contenuti principali

Pandoro Rolando Morandin e Tanti Auguri di buon Natale!


Questo mese è stato il mese della frenesia.
Tanti impegni, scadenze, appuntamenti.. Ed in un attimo siamo a Natale!

Ho ancora dei regali da acquistare, altri attendono di essere incartati e altri sono pronti, sotto l'albero.

Il primo Natale nella mia casetta nuova, che ho avuto cura di curare e addobbare per l'evento.
Il forno è stato inaugurato con una ventina di pandolci genovesi, da regalare e non..
E quest'anno, dato che l'anno scorso mi ero cimentata con il Panettone, ho deciso di tentare la preparazione di un altro grande lievitato delle feste: il Pandoro.

La preparazione è stata lunga e piena di dettaglia, ma seguendo la ricetta con impegno e attenzione il risultato è stato magnifico.
La dolce metà ha commentato "sembra come quelli comprati" e per lui questo è un enorme complimento! ^_^

La ricetta è una garanzia, quella di Rolando Morandin.
Un pandoro morbido, soffice e sano, perchè fatto in casa.

Ingredienti:
Primo impasto:
200 gr farina
125 gr tuorli(10 uova)
100 gr pasta madre(rinfrescata e in forza)
100 gr burro
88 gr zucchero
80 gr acqua
Emulsione:
25 gr tuorli
85 gr burro
20 gr miele
20 gr zucchero
15 gr cioccolato bianco (io non avevo il burro di cacao)
6 gr sale
bacche di vaniglia
Secondo impasto:
primo impasto
emulsione
100 gr farina
50 gr crema pasticcera

Esecuzione:
Inserire nella planetaria la Pasta Madre a pezzettini, metà quantità di zucchero ed i 50 g di acqua.
Far lavorare qualche minuto in modo da far sciogliere la Pasta Madre con la frusta K.
Aggiungere i tuorli, il restante zucchero, l'acqua e la farina a piccole dosi, mantenendo l'incordatura.
Aggiungere in ultimo il burro in fiocchi.
Impastare facendo incordare(ci vorranno 15/20 minuti).
Coprire l’impasto con della pellicola e far lievitare tutta la notte finchè non sarà triplicato.

Il mattino successivo preparare l'emulsione amalgamando tutti gli ingredienti (senza sciogliere nulla, ad esclusione del cioccolato).
Nella planetaria impastare il primo impasto con la crema e la farina.
Aggiungere l'emulsione a piccole dosi e far incordare.
Lasciare riposare l'impasto per un'ora.

Rovesciare l'impasto su una spianatoia.
Eseguire la pirlatura, lasciare puntare 30 minuti ed eseguire la seconda pirlatura.
Mettere in una stampo da pandoro imburrato e lasciare lievitare coperto da pellicola fino a che l'impasto non sborda leggermente dallo stampo. 

Infornare a 180° per 50 minuti, coprendo eventualmente con alluminio se l'impasto dovesse colorarsi troppo.
Sfornare e lasciare raffreddare per almeno due ore.
Togliere il pandoro dallo stampo e avvolgere nella pellicola.
Far riposare per una settimana, permettendo così ai sapori di diffondersi in ogni briciola.

Gustare, magari accompagnato da una crema inglese o al pistacchio.





Tantissimi auguri di buon Natale, sperando che ognuno di noi trovi sotto l'albero ciò che desidera, ma soprattutto tanta serenità e felicità. 

Commenti

  1. è perfetto,complimenti sei bravissima,quella morbida e fragrante fetta è mia,un bacio,ti auguro un felice e sereno Natale

    RispondiElimina
  2. che bello, ti è venuto perfetto!! Buon Natale e Felice Anno Nuovo, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  3. Ciao ragazze, riesco solo ora a passare a farvi i miei più sinceri auguri di felici feste! sono rientrata in Italia da pochi giorni e ancora non mi sono ambientata :-P
    Grazie x essere passate a trovarmi durante la mia assenza <3 questa ricetta è il top anche x me e quest'anno ho fatto doppia dose x la gioia di mio marito e parenti vari :-P

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Pasta Piselli & Pancetta

D'estate, soprattutto a inizio settimana, dopo un weekend di mare e spiaggia, con pranzi veloci, al sacco, per godersi ogni minuto di sole, mi piace tornare in cucina e cucinare qualcosa di più ricercato e particolare. E se gli ingredienti sono freschi, come i pisellini che ho trovato oggi al mercato, e buoni, come la pancetta con cui ho deciso di accompagnarli, il risultato è garantito. Cottura veloce, per mantenere colori e sapori, e poco altro, giusto uno splendido sole a scaldarci durante il pranzo.
Ingredienti: 250 gr cravattine 200 gr pisellini sgusciati 5 fettine di pancetta piacentina La Rocca 1 cipolla olio extravergine di oliva pepe e sale q.b.
Esecuzione: In una padella antiaderente, con poco olio, soffriggere la pancetta fino a farla diventare croccante. Togliere la pancetta e tenere in caldo. Nella stessa padella aggiungere la cipolla tritata e farla insaporire, soffriggendola dolcemente. Aggiungere i pisellini e far cuocere 5-10 minuti, fino a che essi non risultino teneri. Salare …