Passa ai contenuti principali

Le mie Pears in Mulled wine per il club del 27



All'ultimo secondo e quasi allo scoccare della scadenza arrivo con questa ricetta superlativa.
Chi mi conosce sa quanto io ami che conserve, la mia dispensa vanta la qualsivoglia marmellata e il qualunquesia succo di frutta, nonchè sottoli e sottaceti.
Quindi non potevo sottrarmi al primo appuntamento post vacanze del Club del 27: Le Conserve.
Nella raccolta scelta da Ilaria, proveniente da "Preserving" di Emma Macdonald, c'è davvero l'imbarazzo della scelta.
Le avrei fatte tutte, e credo che prima o poi, piano piano, il mio ripostiglio si popolerà di questi piccoli barattolini, assieme ai più classici che preparo da anni.

La scelta è ricaduta sulle Pere al Vin Brulè, perchè appena ho letto la ricetta ho ripensato alle vacanze in Trentino ai mercatini, dove, senza questa bevanda miracolosa nessuno potrebbe sopravvivere al gelo che cerca di sopraffare la voglia di camminare tra bancarelle e addobbi natalizi.
Questa ricetta mi riporta lì. 

Ingredienti:
1 kg Pere sode, pelate, pulite e divise in quattro
325 ml di vino rosso
500g di zucchero semolato
scorza grattugiata e succo di un limone
1 fascio di spezie per vin brulè (io ho un mix proprio acquistato ai mercatini)
1 anice stellato

Esecuzione:

Mettere le pere in una casseruola, coprire con acqua bollente e far bollire delicatamente per circa 5 minuti fino a quando non siano quasi tenere. Scolare.
Sterilizzare un barattolo da conserva in modo che sia pronto per l'uso.
Mettere il ​​vino, lo zucchero, la scorza e il succo di limone, le spezie per vin brulè, l'anice stellato e 230 ml di acqua in una pentola a fondo spesso. 
Portare a ebollizione, mescolando fino a quando lo zucchero non sia
sciolto e cuocere a fuoco lento per 5 minuti.
Aggiungere le pere alla padella e continuare a cuocere dolcemente per circa 5 minuti fino a quando le pere sono
belle morbide (verificare se queste sono cotte bucando con un coltello: se entra facilmente, sono pronte).
Utilizzando un mestolo forato, rimuovere le pere dalla padella e inserire nel barattolo.
Rimuovere le spezie per vin brulè, ma lasciare l'anice stellato.
 Versare il liquido rimanente sulle pere, coprendole completamente. Lascia uno spazio di circa 1 cm tra la parte superiore del liquido e il coperchio. 
Battere leggermente il barattolo sulla superficie di lavoro per rimuovere l'aria ed eventuali bolle. 
Posizionare le chiusura ermetica con l'elastico o il coperchio di metallo e sigillare il barattolo. 
Se si utilizza un barattolo a vite, allentare di un quarto di giro. Etichettare e lasciare raffreddare completamente prima di riporlo in frigorifero. 
Mangiare entro 1 mese.







Con questa ricetta partecipo al Club del 27 con la tessera numero 47


Commenti

  1. Queste sono proprio buone e vanno rifatte! Un caro saluto.

    RispondiElimina
  2. Mi convinco sempre di più che devo provarle :)

    RispondiElimina
  3. Queste le voglio fare, appena ho un attimo mi organizzo.

    RispondiElimina
  4. Siamo in tante ad aver ceduto alla tentazione di preparare queste pere, ma pi ne vedo in giro, più penso che le rifarò presto ;-)
    Baci
    Anna Luisa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…