Passa ai contenuti principali

Canederli di Ortiche e Prescinseua: seconda ricetta per l'MTChallenge N°44!


Non potevo non arrivare con un'altra ricetta per l'MTChallenge N°44..
Fare i canederli é un'arte, ma un'arte che a me piace un sacco!
Grazie a Monica, come già ho detto nella ricetta dei Canederli alla barbabietola rossa e Puzzone di Moena, ho appreso le tecniche corrette per preparare queste deliziose palline di pane.
E se inizialmente mi ero tenuta su una ricetta un po' più classica, se così si può dire, questa volta mi sono calata proprio nella parte.

Se ricordiamo l'origine della ricetta, questa era stata creata dalla padrona di casa di una casetta altoatesina per appagare il palato e rendere satolli un gruppo di Lanzichenecchi che la avevano minacciata di bruciare la sua dimora se non avessero al più presto mangiato qualcosa..
La donna, incurante del pericolo e radunati tutti gli avanzi di pane secco e gli ingredienti disponibili, creò queste palline di pane, che cotte nel brodo caldo, riempirono e soddisfarono i saccheggiatori.

E allora immaginandomi contadina, alle prese con i Lanzichenecchi affamati ho pensato a cosa le mie terre mi avrebbero potuto offrire..
Erbe di campo.. Ortiche per l'esattezza..
Prescinseua, formaggio ligure conosciuto poiché accompagna in modo ottimo le erbe e famosissimo per la preparazione della torta pasqualina..
Ed un brodo vegetale, semplice, perché si sa che i genovesi sono "braccine" e mai avrei donato un sontuoso brodo di carne a dei Lanzichenecchi affamati!
Il tutto condito con olio ligure, dal retrogusto di carciofo, e formaggio.

Ed ecco che la ricetta prende forma, con idee precise e fare deciso.

Ingredienti:
250 gr di pane raffermo (per me pane con lievito madre fatto in casa)
150 gr latte
2 uova
130 gr Prescinseua
100 gr ortiche pulite, sbollentate e strizzate (io ne ho sempre qualche pallina in freezer, le adoro!)
2 cipollotti freschi
80 gr parmigiano
noce moscata, sale e pepe
pane grattuggiato q.b.
brodo vegetale(fatto con 1 cipolla, una carota, una costa di sedano, una patata e una zucchina)
Per condire:
olio a crudo
Parmigiano

Esecuzione:
Mettere il pane, precedentemente tagliato a cubetti, ad ammorbidirsi con un'emulsione di latte e uova.
Lasciare riposare 2 ore mescolando ogni tanto per far assorbire il liquido al meglio.
In una padella far asciugare ed insaporire le ortiche con il cipollotto. Far raffreddare.
Aggiungere al pane le ortiche e la prescinseua; aggiungere il parmigiano, una grattata di noce moscata, regolare di sale e di pepe ed eventualmente aggiungere un po' di pangrattato se il composto risultasse troppo morbido.

Formare i canederli e bollirli nel brodo vegetale, scolarli e condirli con olio e Parmigiano.
N.B. Monica consiglia di provare prima con un solo canederlo, per verificare che regga la cottura.. Tecnica fantastica!




I Lanzichenecchi saranno rimasti contenti?


Con questa ricetta partecipo all’MTC n. 44

Commenti

  1. E' veramente un'arte... che tu hai.... sono meravigliosi e non vedo l'ora di provarli...
    Complimenti, ti abbraccio cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina sei!! Grazie cara, se li provi fammi sapere!
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Bravissima!! Io non li ho mai fatti... solo mangiati! E che bontà! Brava brava! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!
      Provali, sono semplici e "utili" per smaltire il pane raffermo.. Noi qui a casa ne abbiamo sempre a quintali! ;)
      A presto, un abbraccio!

      Elimina
  3. Wow, la versione dei canederli alle ortiche deve essere favolosa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara! Sono contenta ti piaccia questa versione "ligure"! ;)

      Elimina
  4. Amo visceralmente la cucina ligure e tutti suoi prodotti, quindi puoi facilmente immaginare quanto mi piaccia questa interpretazione dei canederli. Le ortiche, insieme alle erbe spontanee in generale, sono un'altra mia grande passione (in primavera mi sbizzarrisco!) e penso che stiano a meraviglia in questo piatto.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, anche io adoro cogliere erbe di campo e creare le ricette di una volta, o stravolgere ricette classiche secondo una diversa tradizione! ;)
      Sono contenta ti piacciano!
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Ho sempre odiato le ortiche.
    I miei vicini di casa rincorrevano me e le amiche con lunghi bastoni a cui avevano legato delle ortiche e se non riuscivamo a scappare abbastanza velocemente ci frustavano le gambe...male, prurito e bruciore.
    Però poi mia mamma ha iniziato ad usarle per fare gli gnocchi, il risotto ed i ravioli e quindi ora sono una delle erbe che più uso in cucina nonostante i brutti ricordi.
    Mi piace che tu le abbia utilizzate, perché sono un erba piuttosto infestante, oltre che fastidiosa e la loro rimozione per usarle in cucina è un riciclo perfetto.
    Buona l'idea di affiancare loro un formaggio per ammorbidire e creare una disomogeneità corretta.
    Brava e grazie per questa tua altra proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, che brutti ricordi!! Fortuna che é arrivata la mamma ad associare a queste erbe un bel ricordo! ^_^
      Io le adoro e appena posso, in primavera, faccio riserve per l'inverno! :)
      Grazie cara, sono felice ti sia piaciuta questa versione!

      Elimina
  6. Che bella idea le ortiche!!! Li adoro, e oltre alle loro varie proprietà per la salute si sposano molto bene con le farine e i formaggi!
    Le foto sono molto belle e danno ai tuoi canederli un'immagine molto appetibile.
    Complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto, oltre ad essere buone sono anche un ottimo alleato per la salute!
      Contenta che ti piacciano le foto e i canederli!
      Un abbraccio

      Elimina
  7. La pasqualina nei canederli!!! Questa cosa è da standing ovation! Avevo pensato anch'io alle ortiche ma abbinate alla più montanara Raschera. Ma poi ho optato per una ricetta più ligure. Anche perchè non avrebbe retto il confronto con la tua abbinata Ortiche e Prescinseua ... quanto la adoro e qui non la trovo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco potevo intitolarlo davvero canederli alla pasqualina.. Che idea geniale!! ;)
      Grazie cara, i tuoi complimenti mi hanno fatto tanto tanto piacere.. E per la prescinseua, te la spedisco!?! :D

      Elimina
  8. Le ortiche mi piacciono molto e nel mio terreno ne ho una piantagione intera. Purtroppo non in questa stagione quindi mi toccherà aspettare la primavera per riprodurre la tua ricetta.
    Bella idea. Brava.
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io adoro le ortiche, purtroppo non essendo stagione ho attinto dal freezer! Se riprodurrai la ricetta ne sarò felicissima, nel caso fammi sapere il tuo giudizio! ;)
      Grazie mille e un abbraccio!

      Elimina
  9. Penso proprio che siano piaciuti tanto! Sono bellissimi! Brava... e molto avvincente anche la tua intro! Ti bacio dolce amica e buon week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesorina! Si sono piaciuti un sacco e io mi vedevo molto contadina contro i lanzichenecchi!! ;) ti abbraccio!! Smack

      Elimina
  10. Wooow, che buoniiii e che belli questi ingredienti campestri e semplici! Non siamo lanzichenecchi, ma affamate sicuramente....ne è mica rimasto qualcuno?:)
    Bravissima!! Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, carissime.. I canederli si soni volatilizzati, ma ci metto un attimo a rifarveli.. ;)
      Grazie e buon w.e. anche a voi!!

      Elimina
  11. Bellissimi e originali!!! Io non gli ho mai fatti.. Ma adoro le ortiche e le erbe di campo,. Hanno un sapore che rende unici i piatti in cui le si usa..
    Buon week end! Baci..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo, erbe saporitissime che oggi stanno un po' perdendo il loro utilizzo, quindi mi sembrava bello portare una ricetta per riscoprirle un po'! ^_^
      Grazie cara e buon w.e. anche a te!

      Elimina
  12. Ve l'ho già detto che il disegno di voi con la sparabiscotti mi strapiace???? E mi aumentate la voglia di canederli, ancora MAI provati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!!!
      E i canederli devi assolutamente farli, io ora ho sempre una riserva di pane raffermo a cubetti.. Cosi da averli pronti alla prima occasione! ;)
      Un abbracciotto!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…