Passa ai contenuti principali

Piatti delle feste.. Timballo di anellini


Durante queste feste gli sformati, le lasagne e le paste al forno in genere l'hanno fatta da padrone, arricchendo di calore le nostre case.
Besciamella, pesti vari, ragù preparati nei modi più svariati, di verdure, di carne o di pesce, si fondono insieme a qualsiasi formato di pasta all'interno del forno per sprigionare odori inebrianti e sapori avvolgenti.
E anche in casa nostra sono arrivate le paste al forno, questa volta dal sud d'Italia, dalla Sicilia. 
Un classico piatto delle feste a Palermo, é il timballo di anelletti: uno scrigno di melanzane fritte racchiude al suo interno questo particolare formato di pasta (di difficile reperibilità fuori "casa") arricchito da un sontuoso ragù e pisellini verdi e caciocavallo.
E sotto la guida di mia nonna, abbiamo provato a trasferirci in Sicilia, in quel di Palermo, almeno con la fantasia e, soprattutto, con il gusto.

Ingredienti:
300 gr anelletti o anellini
250 gr macinato misto(maiale e manzo)

200 gr piselli surgelati

1 bottiglia di passata di pomodoro

una carota e una cipolla per il soffritto

sale zucchero q.b.

vino per sfumare 
1 melanzana lunga grossa

formaggio a pasta filante (caciocavallo)q.b.



Esecuzione:

Per prima cosa preparare il ragù: Rosolare la cipolla e la carota tritate finemente, aggiungere il macinato, farlo rosolare, aggiungere i piselli e infine sfumare con un po’ di vino.

Quando il vino sarà evaporato aggiungere la passata di pomodoro, un po’ d’acqua, sale, un cucchiaio di zucchero e lasciare cuocere il tutto per circa mezz'ora dal bollore. 
Il ragù deve essere abbastanza ristretto.
Tagliare le melanzane sottilmente nel verso della lunghezza, lasciarle "dare l'acqua" per un'ora, dopo di che asciugarle e friggerle in abbondante olio; scolarle e tenerle da parte.
Bollire in abbondante acqua salata gli anelletti, scolandoli a metà cottura.
Tagliare il formaggio a cubetti piccoli.
Imburrare e cospargere di pangrattato una teglia, meglio se a ciambella, ma anche uno stampo da lasagna che permetta poi di coppare le porzioni andrà benissimo.
Disporvi le melanzane in modo da ricoprire tutta la superficie.
In una terrina versare gli anelletti, condire questi ultimi con il ragù e il formaggio e versare il tutto nello stampo.
Livellare la superficie e cospargere con altro pangrattato.
Infornare per 20 minuti a 200°.
Sformare.



 
bannerpiccolo


Commenti

  1. l'ho sempre visto su i siti di altre amiche blogger siciliane. Non l'ho mai mangiato ma fa proprio gola!
    Grazie mille per la ricetta, ti ho aggiunto alla lista dei partecipanti, in bocca al lupo^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi!! Creano dipendenza.. Dopo che li hai fatti una volta devi rifarlo e rifarli e rifarli...! ;)
      Grazie e un abbraccio!

      Elimina
  2. Che stupenda proposta e non solo per le feste :-)
    Molto carine anche le foto, complimenti!!
    Buona domenica e a presto <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si.. È talmente buono che si rifarebbe sempre!! E poi è bellissimo anche come piatto per il pranzo della domenica in famiglia..! ^_^
      Grazie tesoro, un bacione!

      Elimina
  3. non fa esattamente parte del mio bagaglio culinario... ma non si sa mai che non voglia convertirmi a qualche piatto sudista

    RispondiElimina
  4. quanto mi piace questa ricetta, l'ho mangiata durante il mio viaggio in Sicilia, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono buonissimi...! Io in Sicilia non ci sono mai stata, per il momento mi faccio guidare dalle origini materne.. ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  5. Per me sicuramente porzione doppia. Non riesco mai a trovare gli anellini, purtroppo perchè questa pasta mi attira tantissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho grosse difficoltà a reperirli.. Solo certi supermercati o negozi più specializzati li hanno.. Ma ne vale la pena! ;)

      Elimina
  6. da queste parti pare che le feste non finiscano mai... altro che dieta post feste!!! Quindi che dire.. un bel timballo ci stà sempre, le paste al forno, ricche.. mmmhh, una vera delizia, complimenti per la ricettina della nonna!!!! un forte abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheheheh sì, come dice sempre mio papà, qui da noi é sempre festa.. Non ci stanchiamo mai di spignattare e cucinare!! :)
      E poi, come dire di no a un piatto di pasta al forno...?
      Grazie cara, ti abbraccio

      Elimina
  7. Bellini bellini.... gli anellini mi portano indietro nel tempo... mia nonna li preparava spesso, è un formato di pasta famosissimo in sicilia... brava! E cmq io dico sì al libro per interpretare i foodbloggers! Un bacio a tutti, e uno a te stellina mia <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si, anellini siciliani DOC, ho anche fatto una fatica a trovarli qui! :)
      Brava, come lo intitoliamo? psicoblogger?! ihihihi
      Un abbracciotto tesoro!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel