Passa ai contenuti principali

Gnocchi di patate con pesto di zucca e pancetta croccante


Se si prova a dire a un genovese "Gnocchi con...?", egli vi risponderà certamente "PESTO!".
Quindi quando ho scoperto che la sfida del mese del mitico MTChallenge, scelta da Annarita, portava in campo proprio questo piatto, la mia testa ha fatto subito il collegamento. 
Poi mi sono ripresa, no, Bianca, non puoi andare sul classico.. E li ho iniziato a pensare..
Ma tant'é, continuavo a pensare al pesto.. 
Ok, pesto sia.. Ma rivisitato.

Per scoprire ogni segreto su come realizzare lo gnocco perfetto, rimando al dettagliatissimo post di Annarita: la scelta del tipo di patata, il rispetto dei tempi per l'esecuzione dell'impasto sono fondamentali.

Gnocchi di patate con pesto di zucca e pancetta croccante
Ingredienti:
Per gli gnocchi (ricetta dal blog di Annarita):
600 gr di patate (per noi quarantine, quelle tipiche dell'entroterra ligure)
180 gr farina
sale q.b.
Per il pesto:
una zucca piccola
80 gr parmigiano
uno spicchio di aglio
30 gr di nocciole 
olio extravergine di oliva
sale pepe
In più:
100 gr pancetta toscana a fettine

Esecuzione:
Mettere a bollire in acqua fredda le patate, scegliendole più possibile uguali per permettere una cottura uguale per ciascuna.
Una volta cotte, schiacciarle con lo schiacciapatate, salare ed impastare, dopo averle allargate per far uscire il vapore, sul piano di lavoro.
Formare dei cordoncini, tagliare a tocchetti di 1,5/2 cm e arrotolare sui rebbi di una forchetta per dare la tipica scanalatura.
Cuocere in acqua bollente salata fino a che non salgono a galla.
Nel frattempo preparare il pesto: cuocere per 15 minuti alla massima potenza le fetta di zucca, ancora con la buccia.
Fare raffreddare 10 minuti, dopo di che estrarre la polpa con l'aiuto di un cucchiaio.
In un mixer frullare l'aglio con le nocciole.
Aggiungere la polpa di zucca, il parmigiano e l'olio e frullare nuovamente.
Regolare di sale e pepe.
In una padella antiaderente scaldare pochissimo olio, aggiungere la pancetta e far cuocere fino a renderla croccante.
Scolare gli gnocchi saltarli con la pancetta e , fuori dal fuoco, aggiungere il pesto.






Con questa ricetta partecipo alla sfida n°59 dell'MTChallenge


Commenti

  1. Post dopo post scopro molti nuovi tipi di pesto e questo mi piace. Il condimento è avvolgente e profumato dalla pancetta croccante. Brava.

    RispondiElimina
  2. ma che dire... stessa lunghezza d'onda, bella anche questa tua versione e allora non sono l'unica profana a pensare che si possa pestizzare praticamente tutto ;-)

    RispondiElimina
  3. non so se strettamente parlando si potrebbe parlare di "pesto" (forse piu' di condimento, tout court): ma di certo e' che i sapori sono molto ben equilibrati e coerenti. l'avrei lasciata un tantino piu' fluida, forse. Ma bene cosi, ottima idea!!

    RispondiElimina
  4. Pesto o condimento che sia questi gnocchi sono molto invitanti!!!Poi con per la zucca ho una grande stima!!!!! bravissima!

    RispondiElimina
  5. Gnocchi, zucca e pancetta, dolce e salato, mi sembra un connubio perfetto!!! Amo sia la zucca che gli gnocchi, quindi siamo a cavallo 😉

    RispondiElimina
  6. Gnocchi, zucca e pancetta, dolce e salato, mi sembra un connubio perfetto!!! Amo sia la zucca che gli gnocchi, quindi siamo a cavallo 😉

    RispondiElimina
  7. Adoro gli gnocchi e il pesto di zucca non l'ho mai fatto ;-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…