Passa ai contenuti principali

La mia naked cake per Sweety: End of Summer, Fragole e Pistacchio


“Siete fra quelli che scelgono un viaggio nella capitale francese non per le romantiche passeggiate sul Lungosenna, ma perché “Parigi val bene una mousse”?
Non avete mai saputo come finisce la favola di Biancaneve, perché a “specchio specchio delle mie brame” iniziavate a fantasticare su glasse e coperture?
E siete ancora convinti che il discorso più rivoluzionario del secolo scorso inizi con “I have a cream”?
Allora, non perdetevi Sweety of Milano, la grande manifestazione di pasticceria che si terrà nel capoluogo lombardo il 17 e il 18 settembre, nel corso della quale i nostri Maestri più famosi terranno masterclass a tema, proporranno le loro nuove creazioni, incontreranno il pubblico davanti ad un caffè, in un fine settimana all’insegna della dolcezza e della creatività”.



E poteva non esserci MTChallenge? Ovviamente no e noi ci siamo subito buttate in questa entusiasmante avventura.
Dopo aver studiato per una settimana le dispense fornite dai nostri tutor, Ilaria e Maria Grazia, ci siamo lanciate nella creazione della nostra Naked Cake.
Le Naked cake sono torte di origine americana che ormai spopolano un po' ovunque.
L'idea di base è una torta veloce, priva di stuccature troppo elaborate e pesantezza data da pasta di zucchero.
Nonostante questo conservano un'eleganza data da strati a vista e decori florali o fruttati.
MTChallenge ha chiamato quindi in campo 20 di noi affinchè realizzassimo la nostra Naked Cake, più italianizzata in basi e creme.
E chi ci giudicherà??? Tra tutti i membri della giuria dell'MTC ci sarà un presidente d'eccezione, il grandissimo pasticciere francese originario della Loira e genovese d'adozione (e quindi è anche per questo che sono ancora più emozionata) Michel Paquier!!!
Di 20 ne resteranno solo 5 che vedranno valutata la loro torta per decretare la vincitrice assoluta, proprio a Sweety a Milano.

Ed ecco la mia interpretazione, con i gusti che più piacciono in famiglia e che fanno da padrone nelle innumerevoli torte preparate.

Naked Cake "End of Summer"
Ingredienti:
Per il pan di spagna(di Iginio Massari, a freddo):
200 gr uova
130 gr zucchero
1 gr sale
100 gr farina
30 gr fecola di patate
Per il pan di spagna al pistacchio(di Leonardo di Carlo privato del burro e della buccia di limone, realizzato a freddo):
150 gr uova
70 gr zucchero
7,5 gr miele di acacia
1 gr sale
70 gr farina
45 gr farina di pistacchio
Per la ganache alla fragola:
400 gr fragole
400 gr cioccolato bianco
Per la crema al pistacchio:
250 gr mascarpone
80 gr latte condensato
80 gr crema di pistacchio
granella di pistacchio
25 gr pistacchio
Per la bagna:
té al bergamotto e gelsomino zuccherato
Decorazione:
Fragole fresche e granella di pistacchio

Esecuzione:
Per il pan di spagna classico:
Montare in planetaria con una frusta fine: uova intere, zucchero, sale per circa 20 minuti a media velocità. Setacciare due volte la farina bianca e la fecola e incorporare delicatamente a pioggia. Mettere in due stampi del diametro di 20 cm imburrati e leggermente infarinati e cuocere a 170°-180° per circa 20-25 minuti .
Per il pan di spagna al pistacchio:
Montare in planetaria con una frusta fine: uova intere, zucchero, sale per circa 20 minuti a media velocità. Setacciare due volte la farina bianca e la farina di pistacchio e incorporare delicatamente a pioggia. Mettere in uno stampo del diametro di 20 cm imburrato e leggermente infarinato e cuocere a 170°-180° per circa 20-25 minuti.
Lasciare raffreddare tutte le base coperte, ancora calde, in uno strofinaccio.
Per le creme:
Per la ganache alla fragola:
Tagliare a pezzettini in cioccolato bianco.
A parte frullare le fragole e scaldarle in un pentolino.
Appena queste ultime risultano calde versare sul cioccolato e mescolare velocemente.
Far raffreddare e riporre in frigorifero per molte ore, almeno 4.
Per la crema al pistacchio:
Montare il mascarpone con il latte condensato.
Aggiungere la crema di pistacchio e la granella, mescolando per ottenere una crema uniforme.

Assemblaggio:
Posizionare il primo disco di pan di spagna classico sul piatto da presentazione.
Bagnare con il té e ricoprire con la ganache alle fragole.
Posizionare al di sopra il pan di spagna al pistacchio, senza bagnarlo, e ricoprirlo con la crema al pistacchio.
Bagnare la parte bassa del secondo pan di spagna classico con il té e posizionarlo sulla crema.
Ricoprire con ulteriore ganache alle fragole.
Decorare con fragole fresche e granella di pistacchio.

  






Commenti

  1. A quest'ora una fettina della tua golosa naked la gradirei proprio
    bella interpretazione
    ciao Manu

    RispondiElimina
  2. Buona! Fragole e pistacchi mi piace da matti 😉

    RispondiElimina
  3. Bellissima e super colorata! Hai creato davvero una bellissima versione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Tamara, mi fa piacere ti piaccia la nostra interpretazione!

      Elimina
  4. Beh il gioco inizia a farsi duro, vedo cose e torte meravigliose... me la godo da spettatrice ed è proprio un bel godere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, abbiamo dato il nostro meglio, ma la concorrenza ha sfornato delle delizie! ;P

      Elimina
  5. Quella crema che cola mi fa sbavare :-Q_________

    RispondiElimina
  6. Sai cosa mi colpisce come vero tocco speciale della tua torta, per la verità golosa in tutte le sue componenti? I due tè, che giocano in sorprendente, perfetto contrasto con tutto il resto. Idea azzeccatissima, brava.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande, era proprio quello l'intento... E si sposa a meraviglia! ^_^

      Elimina
  7. Fragole e pistacchio sono un connubio azzeccatissimo, si sa; in questa torta sono presentati in una veste insolita e golosissima!
    Contrariamente ad Acquaviva, la mia unica perplessità riguarda proprio i due tè della bagna: ho paura che interferiscano con i due sapori principali. Ma forse mi sbaglio... e in ogni caso è tutta questione di gusti. ;-)
    Intanto bravissima, bella proposta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi piacerebbe tanto offrirtene una fettina... A noi è piaciuto molto questo abbinamento.. ^_^
      Grazie mapi! ^_^

      Elimina
  8. Una proposta molto golosa, il pan di Spagna al pistacchio è tra i miei preferiti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io lo adoro!!!! Grazie mille dei complimenti! ^_^

      Elimina
  9. Fragole e piastacchio sono un binomio vincente, c'è poco da dire! Ne vorrei tanto assaggiare una fetta e in un caso o nell'altro, spero davvero tanto di conoscervi a Milano! A presto

    RispondiElimina
  10. Ultimamente m'è presa la fissa per i pistacchi.. e dire che prima mi tenevo a debita distanza. Ti lascio immaginare quindi che gola possa farmi la tua torta.. fragole e pistacchi poi! complimenti!

    RispondiElimina
  11. Ma che aria golosa ha questa torta!!! Quella cremina rosa che cola ha del libidinoso!!! E' terribile che il web non consenta l'assaggio!!!

    RispondiElimina
  12. Molto golosa, una rivisitazione del classico "fragola e pistacchio". Bravissima!

    RispondiElimina
  13. Eccomi. amo il pistacchio alla follia, per cui non dubito che mi fionderei su questa torta e pure con le peggiori intenzioni. Il problema, dal punto di vista tecnico, e' nella ganache alla fragola, che ha retto poco e quindi ha avuto un effetto colante che e' un po' sfuggito di mano. Si tratta di perfezionarla un pochino, ma e' un fatto estetico, sia chiaro, perche' l'abbinamento e' azzeccato. Pero', la pasticceria non perdona-e io nemmeno :), ahime', quando sono nei panni del giudice. ma alle brave si chiede sempre di migliorare- e voi lo siete :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…