Passa ai contenuti principali

Ribollita toscana. sapore di tradizione


In questi giorni uggiosi persino io, acerrima nemica delle zuppe e delle minestre, ho ceduto ai "pasti al cucchiaio".

Sì, perchè per quanto io ami "masticare", in queste giornate piovose, ho sentito il bisogno di un comfort food che scalda dentro.
Del sobbollire dei sapori, del profumo del soffritto, dell'amalgamarsi degli aromi.

E l'ho voluto fare con un classico della cucina toscana, uno di quei piatti che fanno da caposaldo della cucina fiorentina, ma che si ritrova un po' ovunque in questa magnifica regione.

La ricetta originale non la so, ma ho cercato di riprodurre quella assaggiata tanto tempo fa in un'osteria vicino a San Gimignano.. Quanti splendidi ricordi...!


Ribollita Toscana
Ingredienti:
300 gr cannellini secchi
150 gr bietoline fresche
due coste di cavolo nero (una ventina di foglie)
mezzo porro
una carota
una cipolla
mezza scatoletta di salsa di pomodoro
una tazzina di acqua con sciolto un cucchiaio di concentrato
olio, pepe e sale q.b.
4 fette di pane toscano (senza sale)

Esecuzione:
La sera prima: mettere a bagno i fagioli in abbonante acqua.
Il giorno seguente: Bollire i fagioli, partendo dall'acqua fredda salata, fino a circa metà cottura.
Spegnere il fuoco e lasciare i fagioli dentro l'acqua.
A parte, in un coccio di terracotta, preparare il soffritto, facendo insaporire la cipolla tagliata a rondelle, la carota e il sedano.
Aggiungere le bietoline e il cavolo nero tagliati grossolanamente e far insaporire.
Aggiungere il porro e cuocere pochi minuti, dopo di che aggiungere la salsa e il concentrato.
Frullare metà dei fagioli con la loro acqua di cottura, mentre tenere i restanti da parte.
Aggiungere il composto frullato alla minestra, continuando a far cuocere per circa un'ora.
Regolare di sale e pepe.
Aggiungere gli altri fagioli e continuare la cottura a fuoco bassissimo per altri 20/30 minuti.
In una padella calda tostare le fette di pane, sfregarle con uno spicchio di aglio e disporle nella ciotoline da zuppa.
Versare la ribollita, regolare di pepe e terminare con un generoso giro di olio.






Commenti

  1. Per me le zuppe sono sempre ben accette e questa scatena in me mille emozioni.
    Complimenti e Buon we <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Parmigiana di melanzane a freddo e il nostro weekend ad Agerola per Risate e Risotti

Un weekend all'insegna della cultura alimentare e della biodiversità.
Ecco come posso definire il weekend passato (3-5 Marzo 2017).

La ricetta che propongo oggi è infatti un elogio agli ingredienti magnifici che ho trovato in questo territorio.
Lo chef che ci ha guidate in questo magnifico tour enogastronomico è Antonio Villani, chef del ristorante dell'hotel San Pietro a Positano.

Come siamo finite in questo magnifico luogo? 
L'organizzatore dell'evento Risate e Risotti, Luca Puzzuoli, ci ha invitate come ospiti, assieme alla foodblogger Cristiana, ad Agerola, magnifico paese nell'entroterra della costiera amalfitana.
Un'occasione per cucinare con grandi chef e per scoprire luoghi da noi mai visitati.

Nella giornata di sabato, affiancate da chef preparati e qualificati, abbiamo preparato una ricca cena per l'agriturismo La Cascina del Sole ad Agerola.
Splendidi piatti, magnifiche preparazioni corredate da accurate spiegazioni ci hanno accompagnate per tutta la gio…