Passa ai contenuti principali

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!


Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ottima da gustare.

Ingredienti:
Per le basi:
4 uova
zucchero (pari peso delle uova)
farina (pari peso delle uova)
burro (pari peso delle uova)
8 gr lievito per dolci

Per la farcitura:
marmellata di fragole
250 gr mascarpone
250gr panna da montare
50 gr zucchero a velo + quello per decorare

Esecuzione:
Preriscaldare il forno a 180°.
Montare il burro con lo zucchero, dopo di che aggiungere le uova, uno per volta per evitare di far impazzire il composto.
Aggiungere la farina miscelata con il lievito e amalgamare.
Dividere l'impasto in due teglie imburrate e infarinate ed infornare, per 20/25 minuti.
Montare il mascarpone con lo zucchero e aggiungervi la panna precedentemente montata.
Una volta raffreddare le sponge cake, spalmare una metà con la marmellata di fragole e l'altra metà con la crema di mascarpone.
Chiudere a mo' di sandwich.
Spolverare con zucchero a velo.
Guastare, possibilmente con té e latte!









 

   

Commenti

  1. Questa è la mia prossima... non amo le cose troppo complicate, e guardando la tua torta viene voglia di farla e mangiarla.. bravissima :-)

    RispondiElimina
  2. Buongiorno bimbe!!!!
    Avete tirato fuori dal cilindro una bellissima torta che mi ha aumentato la voglia di primavera, di camminate all'aria aperta MANO NELLA MANO col mio amore!!!!

    RispondiElimina
  3. Molto romantica con la primula.... mi piace! Un bascio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. wow, è davvero splendida! Complimenti!

    RispondiElimina
  5. È stata anche la mia torta e vedo che ognuna di noi ci ha messo un po' di se stessa.

    RispondiElimina
  6. Elegantissima la decorazione con la primula! Complimenti davvero! Un caro saluto!

    RispondiElimina
  7. Non ci crederai mai fatta...pian pian le farò tutte, bella la tua molto elegante e golosa con quella farcia. Baci

    RispondiElimina
  8. Tante meravigliose torte...tutte uguali eppure ognuna è riuscìta a renderla unica con la propria decorazione o interpretazione....anche la tua è bellissima 😀😀

    RispondiElimina
  9. Son sicura che sia una bontà!

    RispondiElimina
  10. mascarpone e fragole, un gran bel connubio, perfetto per questa torta! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. dalla fetta si capisce perfettamente la bontà che la caratterizza. buona idea anche con la confettura di fragole.bravaaa

    RispondiElimina
  12. con le fragole sfondi unaporta aperta! deve essere davvero deliziosa!

    RispondiElimina
  13. Ma allora siamo sorelle di torta! Ne sono contenta. La tua è un po' più sciantosa, con quelfiore...Bella!

    RispondiElimina
  14. Non potrei mai fare una torta complicata, proprio io che forse sono stata investita della fortuna del dilettante e ho fatto una dignitosa Yellow Cake. Ma questa tua è la mia prossima. Sperando che il risultato non cambi. Molto elegante.

    RispondiElimina
  15. Hai ragione, le nostre torte sono serelle! La tua però ha una fantastica confettura di fragole (quella che amo di più in assoluto) e una primula che fa provare invidia ai miei petali di ciclamino! Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  16. Un'altra sponge, semplice e perfetta. Complimneti!

    RispondiElimina
  17. Le fragole le ho, sul balcone, e questa sponge mi ispira, è come se sentissi il profumo. A breve nel mio forno ;-)

    RispondiElimina
  18. Stupenda, perfetta nella sua semplicità che racchiude gusto ed eleganza, complimenti!

    RispondiElimina
  19. la mia amata sponge anche con una semplice presentazione conquista tutti, bella!

    RispondiElimina
  20. Ecco un'altra sponge con la faccia golosa. La Regina sarà scandalizzata da questa torta che è l'emblema della godibilità. Ma tanto, ormai da tempo è passata a miglior vita ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

I miei noodles di riso con gamberi, arachidi e verdure per il Club del 27

Cucinare per se stessi. Io non lo faccio mai. Ed invece è il più grande regalo che possiamo farci, perchè è tempo speso unicamente per noi. La preparazione, e non solo la degustazione, sono del tempo che diamo a noi stessi, sempre presi dalla routine e, perchè no, dai gusti di tutti. Perchè in una famiglia si cerca di preparare una cosa sola, che accontenti tutti i palati, ma a volte cucinare ciò che più ci piace può essere per uno fonte di appagamento e tranquillità. Questo mese il Club del 27 ha pensato a una serie di piatti adatti a chiunque voglia coccolarsi, dal salato al dolce. Ho scelto una ricetta un po' esotica, speziata, con gamberi e verdure, abbinamento che adoro. La ricetta, come tutte le altre proposte, provengono dal libro "SOLO" di  Signe Johansen e in ognuna l'autore da consigli su come variare e modificare secondo il proprio gusto le preparazioni. Ecco quindi la mia versione di " Prawn, lime, peanut and herb rice nood