Passa ai contenuti principali

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!


Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ottima da gustare.

Ingredienti:
Per le basi:
4 uova
zucchero (pari peso delle uova)
farina (pari peso delle uova)
burro (pari peso delle uova)
8 gr lievito per dolci

Per la farcitura:
marmellata di fragole
250 gr mascarpone
250gr panna da montare
50 gr zucchero a velo + quello per decorare

Esecuzione:
Preriscaldare il forno a 180°.
Montare il burro con lo zucchero, dopo di che aggiungere le uova, uno per volta per evitare di far impazzire il composto.
Aggiungere la farina miscelata con il lievito e amalgamare.
Dividere l'impasto in due teglie imburrate e infarinate ed infornare, per 20/25 minuti.
Montare il mascarpone con lo zucchero e aggiungervi la panna precedentemente montata.
Una volta raffreddare le sponge cake, spalmare una metà con la marmellata di fragole e l'altra metà con la crema di mascarpone.
Chiudere a mo' di sandwich.
Spolverare con zucchero a velo.
Guastare, possibilmente con té e latte!









 

   

Commenti

  1. Questa è la mia prossima... non amo le cose troppo complicate, e guardando la tua torta viene voglia di farla e mangiarla.. bravissima :-)

    RispondiElimina
  2. Buongiorno bimbe!!!!
    Avete tirato fuori dal cilindro una bellissima torta che mi ha aumentato la voglia di primavera, di camminate all'aria aperta MANO NELLA MANO col mio amore!!!!

    RispondiElimina
  3. Molto romantica con la primula.... mi piace! Un bascio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. wow, è davvero splendida! Complimenti!

    RispondiElimina
  5. È stata anche la mia torta e vedo che ognuna di noi ci ha messo un po' di se stessa.

    RispondiElimina
  6. Elegantissima la decorazione con la primula! Complimenti davvero! Un caro saluto!

    RispondiElimina
  7. Non ci crederai mai fatta...pian pian le farò tutte, bella la tua molto elegante e golosa con quella farcia. Baci

    RispondiElimina
  8. Tante meravigliose torte...tutte uguali eppure ognuna è riuscìta a renderla unica con la propria decorazione o interpretazione....anche la tua è bellissima 😀😀

    RispondiElimina
  9. Son sicura che sia una bontà!

    RispondiElimina
  10. mascarpone e fragole, un gran bel connubio, perfetto per questa torta! Complimenti!

    RispondiElimina
  11. dalla fetta si capisce perfettamente la bontà che la caratterizza. buona idea anche con la confettura di fragole.bravaaa

    RispondiElimina
  12. con le fragole sfondi unaporta aperta! deve essere davvero deliziosa!

    RispondiElimina
  13. Ma allora siamo sorelle di torta! Ne sono contenta. La tua è un po' più sciantosa, con quelfiore...Bella!

    RispondiElimina
  14. Non potrei mai fare una torta complicata, proprio io che forse sono stata investita della fortuna del dilettante e ho fatto una dignitosa Yellow Cake. Ma questa tua è la mia prossima. Sperando che il risultato non cambi. Molto elegante.

    RispondiElimina
  15. Hai ragione, le nostre torte sono serelle! La tua però ha una fantastica confettura di fragole (quella che amo di più in assoluto) e una primula che fa provare invidia ai miei petali di ciclamino! Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  16. Un'altra sponge, semplice e perfetta. Complimneti!

    RispondiElimina
  17. Le fragole le ho, sul balcone, e questa sponge mi ispira, è come se sentissi il profumo. A breve nel mio forno ;-)

    RispondiElimina
  18. Stupenda, perfetta nella sua semplicità che racchiude gusto ed eleganza, complimenti!

    RispondiElimina
  19. la mia amata sponge anche con una semplice presentazione conquista tutti, bella!

    RispondiElimina
  20. Ecco un'altra sponge con la faccia golosa. La Regina sarà scandalizzata da questa torta che è l'emblema della godibilità. Ma tanto, ormai da tempo è passata a miglior vita ...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…