Passa ai contenuti principali

Cacciucco burger e cacciucco pride


Sono rimasta un pochino indietro con le pubblicazioni a causa di tanti piacevoli impegni.
Primo in ordine cronologico la finale del Cacciucco Pride di Livorno, svoltosi all'interno del mercato della città dal 16 al 18 Giugno.
Qui, insieme a altri due finalisti, il siciliano e simpaticissimo Calogero e il livornese e tecnicissimo Francesco, ci siamo sfidati a colpi di lisca per contenderci il titolo di "miglior cacciucco", quello originale, quello delle 5C.
A presentare i magnifici Fede e Tinto, voci della trasmissione radiofonica "Decanter", che ci hanno fatto divertire e ridere con le loro battute sempre pronte.
A giudicare i nostri piatti? Il giornalista enogastronomico Claudio MolloSilvia Volpe, Chef e rappresentante Slowfood e Shamira Gatta, food writer... Agitazione solo al pensiero..

La mia versione si è classificata terza, valutata come ottima idea per proporre il cacciucco anche ai più piccoli, che con tutte quelli lische e pesci da pulire difficilmente si avvicinerebbero a una piatto del genere.

L'idea è quella di realizzare un fish burger con gli ingredienti primari del cacciucco(pesci da scoglio, pesci a trance, gamberi, cozze) per farcire un panino stile Hamburger.
Il tema cacciucco viene ripreso dai pomodori e dalla cipolla grigliata in padella.
Il tutto viene accompagnato con una maionese realizzata con un fumetto ristretto di pesce, in sostituzione delle uova.

Ingredienti:
Per il burger:
800 gr pesce misto da cacciucco, rispettando le proporzioni della ricetta da voi consigliata:  - 30% pesce scoglio(scorfano e gallinella) - 20%pesce a trance(grongo) -10%gamberi - 10% cozze - 30% moscardini.
aglio e prezzemolo

Per il pane:
250 gr farina integrale
1 uovo
30 gr olio extravergine di oliva
10 gr zucchero
5 gr sale
10 gr lievito birra
acqua q.b.

accompagnamento:
pomodori 
una cipolla
insalata

per la maionese:
gli scarti dei pesci
acqua
salvia
una costa di sedano 
una carota 
una cipolla
olio mais


Esecuzione:
Per il pane:
Impastare tutti gli ingredienti, aggiungendo acqua fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Lasciare lievitare 1 ora, dopo di che formare i panini e lasciare lievitare ancora 30 minuti.
Infornare a 200° per circa 20/30 minuti, fino a doratura.
 
Per il burger:
Pulire i pesci separando la polpa da teste, lische e carapaci.
In una pentola mettere tutti gli scarti, due foglie di salvia, la carota, il sedano e la cipolla e 500 ml di acqua.
Portare a bollore e continuare la cottura  fino a quando il liquido non si sia ristretto.
Tenere da parte.

Tritare l'aglio e il prezzemolo. In una pentola portare a ebollizione l'acqua, salare e aggiungere i pesci,facendo cuocere pochi minuti, o 20/30 minuti in base alla grandezza e ai tempi di cottura di ciascun ingrediente(per i gamberi basteranno pochi minuti, mentre per i moscardini ci vorrà più tempo).
In una casseruola far aprire le cozze, con poco olio e rigorosamente chiuse da un coperchio. Una volta aperte, pulire queste ultime e tenerle da parte.
Frullare la polpa dei pesci e tritare grossolanamente cozze, moscardini e gamberi.
Salare e pepare.

Formare dei burger, grandi come il palmo di una mano e cuocerli in una padella antiaderente con poco olio, fino a doratura.

A parte grigliare le falde della cipolla.
Affettare il pomodoro e lavare l'insalata.

Per la maionese:
Montare con il frullatore a immersione l'olio con la gelatina di pesce,formatasi dal brodetto ristretto.
Utilizzare la stessa tecnica della maionese classica. Aggiungere poco limone e regolare la sapidità con un pizzico di sale. 
La proporzione è 1 a 2, ogni 200 gr di olio, 100 gr di fumetto.

Farcire i panini con insalata, pomodoro, burger, cipolla e maionese.





Commenti

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…