Passa ai contenuti principali

Su mustazzeddu: focaccia sarda ripiena.




Nonostante le mie origini liguri, amo conoscere e sperimentare preparazioni di focacce di varia provenienza.
E in effetti questa preparazione si presta a molteplici variazioni e sfumature, basta cambiare una farina o una farcitura.
 Oggi, per la giornata nazionale della focacce e pizze condite ho deciso di prendere un traghetto immaginario, sbarcare sulle terre sarde fino a raggiungere le zone del Sulcis-inglesiente, per assaggiare Su Mustazzeddu, una focaccia condita con pomodoro aglio e basilico, ma che si presta a molteplici varianti, in base alla fantasia di chi la prepara.
Su internet si trovano molteplici versioni, io ho semplicemente adattato la ricetta alle mie esigenze, utilizzando lievito di birra poiché il mio lievito madre non era abbastanza attivo e usando dei pomodori in conserva anziché quelli freschi, basta utilizzare prodotti di qualità.

Ingredienti:
350 gr di rimacinato di semola
150 gr di farina di grano duro

250 gr di acqua fredda

150 gr di pasta madre o 10 gr lievito di birra fresco

10 gr di sale fino

50 gr di olio extravergine di oliva

1,5 Kg di pomodori sardi maturi o pomodori in conserva(io ho utilizzato datterini Ciro flanella)
abbondate basilico fresco
q.b. di sale e di pepe

due cucchiai di olio extravergine di oliva

Esecuzione:
In una planetaria mescolare le farine, aggiungere il lievito, 
il sale, l'olio evo e l'acqua. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. 
Formare un panetto, infarinate il fondo di una capiente ciotola e metterelo coperto a lievitare fino al raddoppio.
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo impastando velocemente e rimetterlo a lievitare ancora un'ora.
Per il ripieno:
Lavare e tagliare a pezzetti i pomodori. Metteterli in una ciotola e condirli.
Riprendere l'impasto e stenderlo fino a ottenere un'altezza di circa 2 cm. Oliare una teglia e posizionare la sfoglia facendola uscire dai bordi della teglia, realizzando un contenitore. 
Versare al centro del contenitore i pomodori conditi.
Infornare a 240° per 30/40 minuti, abbassando a 220° se si dovessse colorare troppo l'impasto.
Sfornate e lasciate intiepidire prima di sformare.

Commenti

  1. Questa focaccia deve essere davvero buona! Personalmente la trovo fantastica con la farcia di pomodori!!!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo piatto. Molto appetitoso!

    RispondiElimina
  3. mamma che bontà. mi è venuta un'acquolina incredibile

    RispondiElimina
  4. Ieri ci ho sbavato sopra, ma la connessione ballerina mi ha impedito di dire quanto mi sia piaciuta. Rimedio oggi (e ricomincio a sbavare).

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

I miei noodles di riso con gamberi, arachidi e verdure per il Club del 27

Cucinare per se stessi. Io non lo faccio mai. Ed invece è il più grande regalo che possiamo farci, perchè è tempo speso unicamente per noi. La preparazione, e non solo la degustazione, sono del tempo che diamo a noi stessi, sempre presi dalla routine e, perchè no, dai gusti di tutti. Perchè in una famiglia si cerca di preparare una cosa sola, che accontenti tutti i palati, ma a volte cucinare ciò che più ci piace può essere per uno fonte di appagamento e tranquillità. Questo mese il Club del 27 ha pensato a una serie di piatti adatti a chiunque voglia coccolarsi, dal salato al dolce. Ho scelto una ricetta un po' esotica, speziata, con gamberi e verdure, abbinamento che adoro. La ricetta, come tutte le altre proposte, provengono dal libro "SOLO" di  Signe Johansen e in ognuna l'autore da consigli su come variare e modificare secondo il proprio gusto le preparazioni. Ecco quindi la mia versione di " Prawn, lime, peanut and herb rice nood