Passa ai contenuti principali

Su mustazzeddu: focaccia sarda ripiena.




Nonostante le mie origini liguri, amo conoscere e sperimentare preparazioni di focacce di varia provenienza.
E in effetti questa preparazione si presta a molteplici variazioni e sfumature, basta cambiare una farina o una farcitura.
 Oggi, per la giornata nazionale della focacce e pizze condite ho deciso di prendere un traghetto immaginario, sbarcare sulle terre sarde fino a raggiungere le zone del Sulcis-inglesiente, per assaggiare Su Mustazzeddu, una focaccia condita con pomodoro aglio e basilico, ma che si presta a molteplici varianti, in base alla fantasia di chi la prepara.
Su internet si trovano molteplici versioni, io ho semplicemente adattato la ricetta alle mie esigenze, utilizzando lievito di birra poiché il mio lievito madre non era abbastanza attivo e usando dei pomodori in conserva anziché quelli freschi, basta utilizzare prodotti di qualità.

Ingredienti:
350 gr di rimacinato di semola
150 gr di farina di grano duro

250 gr di acqua fredda

150 gr di pasta madre o 10 gr lievito di birra fresco

10 gr di sale fino

50 gr di olio extravergine di oliva

1,5 Kg di pomodori sardi maturi o pomodori in conserva(io ho utilizzato datterini Ciro flanella)
abbondate basilico fresco
q.b. di sale e di pepe

due cucchiai di olio extravergine di oliva

Esecuzione:
In una planetaria mescolare le farine, aggiungere il lievito, 
il sale, l'olio evo e l'acqua. Impastare fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. 
Formare un panetto, infarinate il fondo di una capiente ciotola e metterelo coperto a lievitare fino al raddoppio.
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo impastando velocemente e rimetterlo a lievitare ancora un'ora.
Per il ripieno:
Lavare e tagliare a pezzetti i pomodori. Metteterli in una ciotola e condirli.
Riprendere l'impasto e stenderlo fino a ottenere un'altezza di circa 2 cm. Oliare una teglia e posizionare la sfoglia facendola uscire dai bordi della teglia, realizzando un contenitore. 
Versare al centro del contenitore i pomodori conditi.
Infornare a 240° per 30/40 minuti, abbassando a 220° se si dovessse colorare troppo l'impasto.
Sfornate e lasciate intiepidire prima di sformare.

Commenti

  1. Questa focaccia deve essere davvero buona! Personalmente la trovo fantastica con la farcia di pomodori!!!

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo questo piatto. Molto appetitoso!

    RispondiElimina
  3. mamma che bontà. mi è venuta un'acquolina incredibile

    RispondiElimina
  4. Ieri ci ho sbavato sopra, ma la connessione ballerina mi ha impedito di dire quanto mi sia piaciuta. Rimedio oggi (e ricomincio a sbavare).

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…